Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Mercoledì 15 Luglio 2020

Antonino Cannavacciuolo: “Il tempo è prezioso. Si riparte col cuore e dal fattore umano”

È senza dubbio uno degli chef stellati più amati del panorama nazionale. Non solo per la sua cucina, ma per la sua umanità.

Ecco perché le parole dello Antonino Cannavacciuolo dedicate alla ripartenza delle sue – ormai molte – attività in questo periodo post emergenza-Covid non potevano che venire dal cuore.

VIlla Crespi

Le dimore che abbiamo creato, il Relais Villa Crespi al Lago d’Orta con il Ristorante Antonino Cannavacciuolo e Laqua Charme & Boutique a Meta di Sorrento, tornano a vivere, così come i nostri Bistrot di Torino e Novara e Antonino, Il Banco di Cannavacciuolo, a Vicolungo, nel rispetto di tutte le normative di questa emergenza sanitaria – spiega con un sorriso aperto Antonino Cannavacciuolo -. Abbiamo voglia di sentire ancora l’energia del nostro lavoro e l’entusiasmo del gruppo, che è per noi una famiglia.”

Le scelte di Cannavacciuolo per garantire la massima sicurezza

Al Relais Villa Crespi e a Laqua Charme & Boutique, le due dimore del Gruppo, utilizziamo prodotti e sistemi di ultimissima generazione, la purificazione attraverso una tecnologia sviluppata dalla Nasa, sistemi Bio Allergy Free ed a ozono-riconversione – continua Cannavacciuolo – . Serviamo la prima colazione in camera e l’utilizzo delle due aree benessere è in esclusiva. Entrambe le realtà sono “case” che oggi ospitano i nostri clienti; luoghi intimi e raccolti che possono anche essere prenotati in esclusiva.”

Antonino Cannavacciuolo

La cucina del Relais Villa Crespi è il mio cuore pulsante – continua Antonino Cannavacciuolo – qui, con la moderna tecnologia, decontaminiamo tutta l’aria e le superfici. Rispettiamo le distanze, organizziamo come indicato i tavoli del Ristorante, ma i sapori quelli no, quelli sono ancora i nostri.”

“Anche i Bistrot di Novara e Torino hanno riaperto, anzi sono stati i primi a farlo e in queste prime settimane ma continueranno ad offrire anche il servizio delivery e take away.”

Con Cinzia e tutto il team, abbiamo studiato e predisposto ogni dettaglio, ma vogliamo come prima cosa ricordarci che la ristorazione e l’ospitalità hanno un fattore imprescindibile, quello umano, quello che, anche con tutte le misure attivate, vogliamo trasmettere. La Ristorazione è, da sempre, esperienza gastronomica e condivisione. Siamo pronti a risollevare il morale delle persone attraverso il buon cibo e una vera e sicura accoglienza. La nostra missione è quella d’incantare gli ospiti attraverso il nostro mondo e la nostra ospitalità, con attenzioni ed emozioni autenticamente italiane, dando ancora più valore al tempo che viviamo.”

Il focus: a Novara l’estate è in terrazza

Tra le proposte di Cannavacciuolo, vi segnaliamo l’estate “open air” dello chef a Novara. Qui, al Cannavacciuolo Cafè e Bistrot, potrete gustare dall’aperitivo nel Dehor, alle cene in terrazza, nel cuore storico di Novara.

cannavacciuolo

Tra i protagonisti della serata, il Bartender Maurizio Sironi a dare inizio allo “spettacolo” nello spazio adiacente allo storico Teatro Coccia, con l’appuntamento immancabile dell’aperitivo; protagonisti sono i grandi classici della miscelazione come il Negroni, il Martinez o l’Americano, preparati anche con delle piccole variazioni, come l’Americano fresco e l’Aviation Tonic.  Ogni giorno il Bartender propone un cocktail a sorpresa, tra cui i drink a base Grappa, rigorosamente territoriali, da abbinare all’immancabile pizza fritta.

Allo Chef Vincenzo Manicone, invece, il compito di realizzare i piatti di Antonino, sapientemente abbinati nei menu degustazione o scelti dagli ospiti in quello à la Carte. Da oggi fino a fine settembre, la Piazza storica di Novara ha dei nuovi spettatori, quando arriva la sera, direttamente dalla storica Terrazza del Teatro Coccia, dove le cene sono all’insegna del romanticismo o del divertimento.

Antonino Cannavacciuolo

Ouverture, musical, opera balletto: il menu del Bistrot s’ispira al Teatro, all’arte e alla creatività; SiparioAd occhi chiusi e il menu à la cartepropongono gli immancabili: Crudo di ricciola, insalatina di papaya, cipollotto e sesamo; Quaglia in tre cotture, fiori di zucca e peschiole; Spaghettone freddo, anguilla affumicata, bottarga di tuorlo e “aiolì”; Piccione, melanzane e mortadella.

Cannavacciuolo

E la novità dell’estate 2020 è il FuoriBistrot, che trasforma il Cannavacciuolo Bistrot nel the place to be del dopo cena, sia nel Dehor, che in Terrazza. FuoriBistrot raccoglie le nuove esperienze della Mixology, degustazioni che racchiudono l’arte di creare emozioni, con un drink ricercato e i dettagli che esalano il gusto degli ingredienti.

Le prime degustazioni dell’estate sono “Esperienza Italiana” e “Esperienza Acquavite”.

  • Esperienza Italiana, racchiude la storia del bere italiano in ottica bistrot: acqua, caffè, la Farina dalla cucina (piccoli snack), Polibibita futurista dedicata al teatro Coccia, Torino Cocktail (1936 Elvezio Grassi), Negroni del Bistrot.
  • Esperienza Acquavite, mescolata e smoke: acqua, caffè, cioccolato, degustazione sigaro italiano (offerto dalla casa), Vermouttino del Teatro, Affascinante, Degustazione liscia Grappa

Non solo design e sapori, quindi, ma anche l’opportunità di ritrovarsi, spensierati, all’aria aperta, senza rinunciare a una location d’eccezione, per rilassarsi, divertirsi e lasciarsi sorprendere dall’atmosfera dell’estate. Non da ultimo, è possibile anche riservare la Terrazza del Bistrot in esclusiva.