Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Martedì 29 Settembre 2020

Botanica Lab Cucina: il primo bistrot plant based di Bologna

Il 23 novembre in centro storico inaugura il nuovo indirizzo di riferimento per vegani e vegetariani. Ma non solo, perchè la proposta del locale ideato da Anna Artesiani integra la cucina crudista con la tradizione, nel segno dei veri sapori naturali e del connubio Sano & Bello

Un’oasi verde in pieno centro storico a Bologna: un nuovo indirizzo di riferimento per vegetariani e vegani, ma non solo, perché Botanica Lab Cucina, in via Battibecco 4/C (inaugurazione il 23 novembre alle 18:30), nasce dall’idea di Anna Artesiani di portare nella città “Grassa” per antonomasia una proposta culinaria per nulla settoriale e che non è riducibile alla sola, tecnica definizione di “raw-veg food”.

Tutt’altro: i concetti che ispirano questa filosofia nutrizionale sono invece universali, all’insegna del sano e bello e dei veri sapori naturali, in grado quindi di conquistare anche i palati più restii grazie all’esaltante binomio gusto-estetica.

Come è successo d’altronde con il primo Botanica Lab di via San Rocco 16/D, la piccola, deliziosa bottega aperta nel 2015 sempre da Anna Artesiani e che ha ricevuto un tale apprezzamento dal pubblico felsineo da spingere alla decisione di doversi espandere causa l’effettiva mancanza di spazio per accogliere tutti i clienti.

Ed è così che è nato Botanica Lab Cucina, indirizzo che compie un passo in avanti rispetto al precedente integrando la cucina crudista (che – lo ricordiamo – non supera mai i 42°gradi di temperatura in cottura per mantenere vive ed inalterate tutte le proprietà nutritive degli alimenti) alla tradizione di ingredienti e ricette, con il trait d’union dell’utilizzo esclusivo di prodotti vegetali, di alta qualità, bio e stagionali.

botanicalabcucina_44

I menu a disposizione dovrebbero essere due: una proposta veloce e informale a pranzo, in versione “fast”, e una vera e propria alla carta per cena.

Da mezzogiorno in poi spazio dunque a raw burger, vellutate, spring rolls ma anche a piatti semplici e disimpegnati (riso venere e spinaci e gnocchetti di zucca).

botanicalabcucina_01

La sera invece la scelta è ben più ampia: tortini per antipasto (di patate al tartufo bianco o di rapa rossa con erba cipollina e panna acida di anacardi); ravioli di zucca e zenzero o risotto di mela e capperi di tarassaco o topinambur con cipolla caramellata con nocciole e pane al farro per primo; curry verde di tempeh con verdure di stagione saltate o fungo portobello marinato con crema di cavolo nero e scaglie di pinoli per secondo.

Intriganti anche la Degustazione di formaggi di macadamia e anacardi con cackers di semi e salse di produzione artigianale e il Barattolo di melanzane con ricotta di macadamia e pane di segale.

botanicalabcucina_84

Anche i dolci si ispirano al classico, è il caso per esempio della cheesecake in versione caco e anice o della Panna (non cotta ma) Cruda con coulisse di ribes rossi e biscotto di mandorla. Immancabile poi la cioccolata in stile veg.

botanicalabcucina_32botanicalabcucina_66

Quanto alla location, è elegante e ricercata nell’allestimento, con al centro della sala la cucina interamente a vista e rifinita in marmo e ai suoi fianchi i tavolini “illuminati” da grandi lampade a muro “Marseille” progettate negli anni ’40 da Le Corbusier.

Botanica Lab è aperto tutti i giorni dalle 12 alle 23, esclusa la domenica, e propone pausa pranzo, sala da tè, cena e tutti i sabato brunch dalle 11. Opening ufficiale, come detto, mercoledì 23 novembre alle ore 18:30.

Info: www.botanicalab.com