Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Domenica 23 Settembre 2018

La pizza di Berberè approda a Milano

Dopo aver incantato a Expo, i fratelli Aloe sbarcano nel quartiere Isola con il loro primo indirizzo meneghino e la filosofia di sempre che coniuga qualità e alta digeribilità a prezzi più che contenuti

Avevano già incantato Milano in occasione di Expo2015, quando nel padiglione delle bio diversità portarono le loro pizze dall’impasto maturato naturalmente con pasta madre viva per almeno 24 ore, assolutamente senza lievito di birra (solo lievito madre) e frutto di farine semintegrali biologiche targate Alce Nero.

All’Esposizione Universale c’erano arrivati forti della fama e dell’apprezzamento ottenuti prima a Bologna, con l’apertura datata 2010, e poi a Castel Maggiore, Firenze e Torino.

E dunque i fratelli Aloe, alias gli inventori del format Berberè, non potevano proprio farsi mancare un indirizzo anche nel capoluogo meneghino, negli ultimi tempi divenuto approdo naturale di alcuni dei più grandi maestri dell’arte bianca, fra cui – su tutti – i napoletanissimi Gino Serbillo e Antonio Starita.

berb2

Berberè Milano approda nel quartiere di tendenza Isola (via Sebenico 21), in un locale ampio e dai toni caldi con ben tre sale e circa 80 coperti. Legno, marmo e mattoncini a farla da padroni e a creare una sorta di continuità con le radici popolari del posto, prima sede dell’ex circolo Sassetti. Un ambiente dal design originale e l’eleganza retrò (che è stato curato dallo stesso architetto di Firenze e Torino, Giambattista Gherzi) dove la pizza è proprio quella che ha garantito finora a Salvatore e Matteo un marchio inconfondibile di qualità e digeribilità (a prezzi più che contenuti).

Non a caso la scelta di ingredienti e materie prime è gestita direttamente dagli Aloe, e dunque non sono previste alcune sorprese “al ribasso” per così dire.

Il forno è elettrico (non a legna per vincoli normativi) ma è quello garantito dall’azienda Morello: il non plus ultra del settore.

Per i condimenti tutto ruota attorno ad alcuni punti cardini di Berberè come il pomodoro di Torre Guaceto, il Fiordilatte della Puglia Querceta o le carni della macelleria Zivieri.

berb3

Fra le proposte del menu – che cambia al passo con le stagioni – segnaliamo le immancabili Pomodoro, fiordilatte e basilico e Acciughe di Cetara, pomodoro e origano; le gustose Salsiccia di Mora Romagnola, pomodoro, pecorino romano, semi di finocchio e Speck, Gorgonzola, noci, miele di acacia e fiordilatte; la raffinata Prosciutto crudo S.Daniele, burrata, olio all’arancia e fiordilatte; la sorprendente Zucca (cotta al forno), funghi di bosco, Parmigiano Reggiano e fiordilatte, un must visto l’autunno che sta per entrare nel vivo.

berb4

I mai domi sfameranno il loro inesauribile appetito con l’aggiunta dei “cicchetti”, deliziosi sfizi dagli abbinamenti sopraffini. Per esempio l’antipastino Burrata, acchiughe e origano o il Crostino di pane e ‘Nduja di Spilinga.

Tutte le portate si aggirano tra i 7 e i 10 euro.

Per quanto riguarda gli orari, Berberè Milano è aperto tutte le sere per cena (19:30-23:30) e nel weekend anche a pranzo (12:30-14:30).