Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Domenica 05 Luglio 2020

Le cantine siciliane riaprono al pubblico: alcune iniziative da non perdere

È arrivato il momento di gettarsi alle spalle i “tempi bui” della forzata clausura domestica dovuta all’emergenza sanitaria globale e di portare sé stessi, mente e corpo, a respirare aria pulita e a riempirsi la vista del “mare” verde delle vigne e il palato di sorsi e sapori tipici del territorio italiano.

In particolare noi vi segnaliamo alcuni interessanti programmi delle cantine siciliane che riaprono al pubblico con iniziative degne di nota che esprimono in pieno il grande entusiasmo per la riapertura al pubblico, in tutta sicurezza, ovviamente. 

Le Cantine Florio e le Cantine Duca di Salaparuta  

Dopo le chiusure imposte dall’emergenza Covid-19 nel pieno rispetto delle normative e dei protocolli di sicurezza attualmente in vigore Cantine Florio e Cantine Duca di Salaparuta riaprono le loro porte al pubblico. Dopo la riapertura, avvenuta lo scorso 25 maggio, delle enoteche interne di entrambe le cantine, le attività di hospitality riapriranno ufficialmente lunedì 8 giugno.

Per il ritorno degli ospiti le Cantine hanno pensato ad una nuova proposta enoturistica, ricca di sorprese e idee che regaleranno esperienze indimenticabili a tutti i winelover. A partire dai classici tour in cantina con degustazione enogastronomica fino alle novità esclusive del tour in diretta streaming tra le bottaie, con degustazione da casa, per concludere con la wine experience ispirata alla filosofia slow travel, che porterà gli ospiti a scoprire non solo le suggestive strutture ma anche le bellezze del territorio siciliano. 

Grazie agli spazi ampi e ai rigogliosi giardini mediterranei sia le cantine di Marsala che quelle di Casteldaccia offrono al visitatore un ambiente arioso a diretto contatto con la natura, lontano dal rumore delle città, in cui rilassarsi e godersi un’esperienza unica e personalizzata, grazie alla vasta gamma di proposte. Inoltre le enoteche interne offrono la possibilità di scegliere i vini del Gruppo Duca di Salaparuta e una serie di selezionate specialità territoriali. 

Per informazioni e prenotazioni:

Florio
Tel: (+39) 0923 781305/317/306 oppure 0923 781111| visitaflorio@duca.it

Duca di Salaparuta
Tel: (+39) 091 945 252 oppure 091 945 201| visitaduca@duca.it

Tenuta Bastonaca

Cambiando completamente zona, ci spostiamo a Vittoria, in provincia di Ragusa, patria del Cerasuolo di Vittoria che è – lo ricordiamo- l’unica DOCG siciliana. In particolare La Tenuta Bastonaca che prende il nome dalla omonima contrada, è una realtà  giovane e moderna con le radici tuttavia ben salde nella tradizione del territorio su cui insiste.

La sede è un antico palmento del Settecento attorniato da 15 ettari di viti ad alberello, simbolo di un glorioso passato e , al contempo, di un promettente futuro.

Qui ogni venerdì, a partire dal 26 giugno fino al 28 agosto, sarà possibile partecipare ad una particolare degustazione che accompagna lo splendido spettacolo del tramonto che “si tuffa” nei vigneti della tenuta.

L’esperienza inizia con una passeggiata in vigna. Si raggiunge l’antico palmento del ‘700 per rinnovare le antiche tradizioni contadine. Il percorso continua sul terrazzo della cantina per ammirare dall’alto i vigneti e degustare 3 vini, diversi ogni volta, accompagnati da prodotti tipici locali godendo di un tramonto mozzafiato. La cantina ha, inoltre, previsto anche in programma un corso di avvicinamento al vino diviso in 4 incontri a partire dal 26 giugno fino al 17 luglio così suddiviso.

Venerdi 26 giugno: i vitigni di Sicilia con degustazione di Grillo e Nero d’Avola;

Venerdì 03 luglio: il vino e la sua evoluzione nell’areale del Cersauolo di Vittoria con degustazione di Frappato e Cerasuolo DOCG; 

Venerdì10 luglio: la degustazione – esame visivo esame olfattivo esame degustativo con degustazione di Etna bianco ed Etna rosso; 

Venerdì 17 luglio: passeggiata tra i vigneti per toccare con mano gli acini, le foglie, le sabbie ed i sistemi di allevamento ed, infine, blindtasting di tutti i vini dell’azienda.

Il 14 Agosto la cantina organizza “Notte di Ferragosto a Tenuta Bastonaca” con vino,  grigliata e musica. 

Poi, eventi su prenotazioni a richiesta: 

 -“Picnic tra i vigneti” l’azienda fornirà il cesto da picnic con prodotti del territorio, frutta biologica raccolta in azienda e bottiglia di vino con calici. Gli ospiti potranno visitare l’azienda e fare uno splendido picnic sotto i nostri alberi di ulivi. 

-“Giornata del Contadino” ideata per chi ha voglia di fare esperienza in vigna, affiancati dai nostri operai, svolgeranno una giornata tipica di lavoro. L’azienda fornirà attrezzatura e organizzerà pranzo con pietanze tipiche e vino della Tenuta Bastonaca. 

-“Natural experience” gli ospiti saranno liberi di stare in azienda una giornata liberi in campagna. Verrà allestito un angolo con le pietanze sempre pronte e con i vini a loro disposizione e per chi vorrà potrà richiedere un massaggio relax sotto gli alberi con creme al vino. 

Per info e prenotazioni: info@tenutabastonaca.it o 348/6674177

Tenute Orestiadi 

Dopo mesi di stop, che hanno portato anche all’annullamento degli eventi clou della cantina, quali Cantine Aperte e lo Scirocco Wine Fest, le Tenute Orestiadi, nel territorio di Gibellina, in provincia di Trapani, hanno fissato una data per la riapertura delle proprie  porte ai visitatori. 

L’ingresso ad eno-appassionati e curiosi sarà nuovamente possibile approfittando del lungo weekend che accompagna il ponte del 2 giugno, durante il quale diversi siciliani si muoveranno all’interno della Regione. Da venerdì 29 maggio sarà possibile, quindi, ricominciare a visitare il Barriques Museum o a passeggiare  attraverso i terrazzamenti de La Gelsomina, la tenuta che l’azienda ha, di recente, acquistato sull’Etna.

La sicurezza di chi varca le porte della cantina resta il punto focale della ripresa quindi, alle direttive ministeriali, si aggiungerà, infatti, una implementazione delle misure di controllo: la prenotazione sarà obbligatoria per evitare l’incontro tra gruppi differenti gestendo ogni visita in via esclusiva, le degustazioni si svolgeranno all’aperto e verranno proposti numerosi percorsi tematici in vigneto. Inoltre ad ogni enoturista verrà consegnato un kit del degustatore ad uso esclusivo.

Per info e prenotazioni: enoturismo@tenuteorestiadi.it

Alessandro di Camporeale 

Anche alla Cantina Alessandro di Camporeale, in provincia di Palermo, sono pronti a ripartire con l’attività di enoturismo. Da lunedì 8 giugno  la cantina tornerà, infatti, ad accogliere winelovers ed appassionati adottando tutte le misure necessarie per rendere l’esperienza di visita e degustazione indimenticabile e soprattutto sicura.

La riapertura capita in uno dei periodi più belli dell’anno, quando la primavera volge all’estate, il paesaggio torna a ravvivarsi dei colori brillanti delle vigne che si risvegliano dopo il riposo invernale, e le colline sono  in fiore. Le giornate soleggiate e le temperature miti permetteranno di organizzare le degustazioni all’aria aperta con maggiore frequenza in  un clima di totale sicurezza in modo da poter tornare ad assaporare i piccoli piaceri della vita in assoluta serenità. 

Le degustazioni avverranno sia nell’apposita sala predisposta all’interno della cantina che nella veranda della casa padronale, mantenendo le stesse proposte di degustazione ad eccezione del pranzo degustazione, che è sospeso fino a nuova comunicazione.

La prenotazione è obbligatoria e potrà essere effettuata telefonicamente allo 0924 37038, via mail scrivendo a enoturismo@alessandrodicamporeale.it o sul nostro sito web all’indirizzo www.alessandrodicamporeale.it/enoturismo

Cantine Pellegrino

Il 3 giugno anche le Cantine Pellegrino di Marsala riaprono le porte in sicurezza per una stagione all’insegna della cultura del vino e del territorio.
Proprio quest’anno ricorre il 140esimo anniversario della storica cantina, specializzata da sempre nella produzione di vini bianchi e rossi, vini di Pantelleria e marsala. Lo svolgersi degli eventi a livello globale ha comportato la ridefinizione delle attività enoturistiche e, con l’entusiasmo di sempre, la Pellegrino è adesso pronta a riaprire le porte e rendere memorabile questo anniversario, facendo conoscere ai visitatori i grandi vini figli della costa occidentale siciliana, dove trovano dimora i propri vigneti. 

Da mercoledì 3 giugno sarà possibile l’accesso dall’Ouverture Pellegrino, wine shop della cantina e spazio dedicato alla diffusione della cultura del vino, oltre che luogo di accoglienza e punto di partenza per le visite guidate all’interno delle bottaie storiche dove riposa il marsala. Qui è possibile acquistare tutte le nuove annate dei vini prodotti nei tre siti di vinificazione dell’azienda, ognuno dedicato ad una specifica categoria di vino – marsala, moscati e passiti di Pantelleria e vini bianchi e rossi – oltre ai numerosi gadget e materiali personalizzati, che rappresentano idee regalo originali ed uniche. Tutti i vini possono essere degustati all’interno dell’Ouverture, spazio innovativo dalle architetture avanguardiste, o nelle sue ampie terrazze panoramiche affacciate sul sinuoso profilo delle isole Egadi e sulla Laguna dello Stagnone di Marsala, puntellata da cumuli di sale, oro bianco di questo territorio.

Dall’Ouverture si accede poi alle cantine storiche. Visitarle significa compiere un viaggio nel tempo, dal 1880 fino ai giorni nostri. La visita è un’esperienza multisensoriale unica, non solo per gli appassionati del vino, ma anche e soprattutto per chi ama l’arte, la storia, la cultura e il bello. Durante il percorso si possono infatti ammirare gli scavi punici rinvenuti nei basamenti della cantina, prima di arrivare nella sala dove è esposto il calco in gesso della nave punica del 241 A.C., donato dall’archeologa Honor Frost alla famiglia Pellegrino in segno di riconoscenza per il supporto nelle operazioni di recupero del relitto. La sala è adornata con una grande parete di barrique esposte a muro e da un grande bancone, sapientemente illuminato e adibito per le degustazioni dei vini. A fianco si trova l’elegante salotto dedicato agli Ingham-Whitaker, dove sono custoditi i 110 volumi originali contenenti la corrispondenza degli scambi commerciali tra la Sicilia e il resto del mondo avvenuti dal 1814 al 1928, unica testimonianza sulla storia del vino marsala. Da non perdere anche il museo degli attrezzi dei maestri bottai e la collezione di famiglia di cinque carretti della scuola siciliana dell’800. Dal 1 luglio, inoltre, la cantina riapre anche, come ogni stagione, la propria struttura a Pantelleria. Imperdibili le degustazioni guidate di vini, moscati e passiti ottenuti da uve zibibbo, il vitigno principe dell’isola, coltivato con la tecnica dell’alberello pantesco, oggi riconosciuta patrimonio dell’Umanità Unesco.

Indirizzo Pellegrino Ouverture

Riapertura mercoledì 3 giugno

Per info e prenotazioni : 0923.719970/80

Email: booking.ouverture@carlopellegrino.it

Indirizzo Pantelleria

Riapertura: mercoledì 1 luglio

Per info e prenotazioni : 0923 912730

Email: pantelleria@carlopellegrino.it

Sito

Pagina Facebook