Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Domenica 07 Marzo 2021

Mixology: nasce Lello, la linea di cocktail drinkeasy ispirata al proibizionismo USA

lello

Grandi notizie per gli appassionati di spirits americani. È nata Lello, la linea di cocktail drinkeasy ispirati al proibizionismo made in USA.

Durante il proibizionismo degli anni ’20 da un capo all’altro degli Stati Uniti i cocktail venivano contrabbandati con gli escamotage più singolari. Proprio riprendendo quelle atmosfere oggi debutta la linea di cocktail drinkeasy “Lello”, ispirata agli spirits americani più in voga in quegli anni.

L’atmosfera di clandestinità è il fil rouge che unisce ogni aspetto del progetto. Dal packaging che richiama le bottiglie di tonico che all’epoca venivano utilizzate nel contrabbando, alla possibilità di accedere a una linea premium attraverso una parola d’ordine segreta.

Dietro l’innovativa idea, nata a Firenze da un team di giovani imprenditori con il supporto del noto bartender Luca Manni, una narrazione coinvolgente ed efficace che giustifica il nome del progetto: nella città immaginaria di Century ai tempi del proibizionismo un ingenuo barbiere di origini italiane – Lello, appunto – si ritrova al posto sbagliato al momento sbagliato, e per sopravvivere è costretto a smerciare alcolici utilizzando il suo salone di bellezza come copertura. Ecco quindi che, opportunamente mascherati, tonici e lozioni diventano cocktail per uomo e per donna, da gustare anche a temperatura ambiente.

Ed ecco dunque i cocktail targati “Lello”: 4 drink, acquistabili anche in box da tre, cinque e “mixed flavour”. Tutti disponibili con consegna a domicilio in tutta Italia (al costo di 15 euro per la spedizione). Tra le proposte l’Old Fashioned, perfetto per l’aperitivo, a base di Barboun, White Lady, a base di Gin e Triple Sec. E ancora Sidecar, con Cognac e liquore all’arancia, e Bronx con Gin, Vermouth e succo d’arancia.

Vogliamo mantenere l’idea della clandestinità. – racconta l’ideatore del progetto – Specie in un momento storico come quello attuale, in cui i bar vengono chiusi, anche se per altri motivi. Ci piace l’idea di far vivere l’autentica esperienza dei locali speakeasy direttamente a casa degli amanti del bere miscelato”.