Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Sabato 25 Gennaio 2020

Roma. Cosa si mangia da Amami, la nuova oasi del gusto del quartiere Trieste

amami roma

Cucina mediterranea, ma con suggestioni orientali, in un locale accogliente ed elegante a due passi dalle Mura Aureliane. Tutto questo è Amami

Già dal pay-off, Oasi of Taste, l’intento di Amami è chiaro. Il nuovo locale ideato dal giovane Mattia Recchi insieme a Simone Rosini, a pochi giorni dalla sua inaugurazione, vuole infatti essere un punto di riferimento per gli amanti della buona tavola, fortemente legata alla tradizione mediterranea ma dal tocco fusion d’ispirazione asiatica.

A metà tra Corso Trieste e Via Nomentana, a due passi dall’incantevole Villa Torlonia, Amami è un ristorante elegante, giovane e moderno. L’ingresso, con il suo splendido dehor ricolmo di luci calde, accoglie e stupisce tutti gli avventori. Lo spazio interno, grazie alle luci soffuse e al gioco di colori che spazia dai toni del bianco, dell’azzurro e dell’oro, è confortevole e rilassante anche se lievemente caotico nelle ore “di punta”. Alle pareti, spiccano le opere dell’artista e tatuatore romano Francesco Cinti Piredda, alias Unopercento, mentre, proprio di fronte all’ingresso, punto focale della sala è il bancone bar dove Francesco De Nicola, abile bar manager, realizza i suoi drink da accompagnare ai piatti del menu o da sorseggiare per un dopo pasto in compagnia.

amami roma

La cucina è a vista, grazie ad una grande verata fumè che permette di sbirciare il lavoro della brigata. A dirigere i fornelli c’è Riccardo Fanucci, resident chef con alle spalle un importante bagaglio di esperienze che lo ha portato a viaggiare in giro per il mondo. Entrato a far parte del team di Amami in qualità di consulente, Fanucci ha subito sposato la filosofia del locale diventando parte integrante del progetto.

La proposta gastronomica

Il menu è un tripudio di gusto ed equilibrio, un’armonia di sapori che lasciano a bocca aperta. Ogni gusto è ben bilanciato, a partire dall’entrée che ci è stata servita durante la cena stampa: una piccola tartina di polenta con black code mantecato

Tra gli antipasti, da provare il Sashimi di salmone marinato al Gin con barbabietola e insalatina con zenzero candito (18 euro) così come la tartare di tonno con zenzero, mandorle, salsa al mango e peperoncino.

Imperdibili i tonnarelli Amami con aglio, olio, peperoncino, crudo di gambero rosso e burrata (19), semplici e gustosi. Buone, dal sapore più rustico e familiare, le chicche di patate con ragù bianco di cortile con funghi Shitake e porro (15 euro).

Tra i secondi, impossibile non lasciarsi conquistare dal black code con limone, patate allo zafferano e prezzemolo (38) o dal Wagyu Steak con polenta di mais bruciato e chips di cavolo nero al sesamo (65 euro).

Dulcis in fundo: bavarese al thè Matcha e cappuccino con crumble di cioccolato, cannella e nocciola (9), cheesecake con fragoline al Sakè, Lingotto croccante con cioccolato e caramello salato alle arachidi.

I drink di Amami

Come anticipato, parte integrante del progetto Amami è il cocktail bar. La carta dei drink si sposa alla perfezione con la filosofia di cucina. Sapori mediterranei vengono così mixati con un pizzico di gusto orientale e asiatico grazie anche all’abile uso delle fermentazioni.

In carta, tra 9 signature e 3 classici come Ti Punch, Perfect Manhattan e Perfect Negroni, c’è Ritual, una sorta di spritz rivisitato con Cordiale alla lavanda e corteccia di rabarbaro che conferisce anche una caratteristica leggermente più vegetale oppure Perpetuum che ricorda proprio il moto della trottola per sottolineare la persistenza del Campari mixato all’Umeshu.

Insomma, Amami è stata una piacevole scoperta, soprattutto per un quartiere che non pullula di indirizzi gourmet e, siamo certi, con la fine dell’inverno e l’inizio della bella stagione, riserverà ancora tante sorprese, anche en plein air!

Info utili

Amami – Oasi of Taste

Viale Gorizia 21, Roma

Tel: 06 3973 3382

Orari: aperto tutti i giorni a pranzo e cena. Il menu del pranzo varia ogni giorno

Sito, Pagina Facebook