Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Venerdì 27 Maggio 2022

Sassari: il ristorante Trigu cambia volto e punta alle stelle

trigu

Nuovi arredi, nuovo menu e nuovo chef, di fama internazionale e stellato (ma ancora top secret). Il ristorante Trigu di Sassari, dell’imprenditore Salvatore Marangoni, cambia volto e diventa un brand fine dining.

Dopo più di un anno di aperture e chiusure, restrizioni e lockdown, la ristorazione sarda è pronta a ripartire, rinnovandosi e rendendosi sempre più appetibile dalla clientela internazionale e buongustaia. Lo sa bene Salvatore Marangoni, imprenditore visionario, appassionato gourmand, proprietario del ristorante Trigu di Sassari. Sua, infatti, è stata l’idea di dare un nuovo volto al suo locale, puntando ad alzare l’asticella sempre più in alto. Fino alle stelle. L’obiettivo è valorizzare i prodotti e le tradizioni sarde attraverso una reinterpretazione gourmet dei piatti del territorio affidata a uno chef di fama internazionale, premiato dalla prestigiosa Stella Michelin. Il nome? Ancora top secret.

La rivoluzione di Trigu partirà dagli arredi, grazie ad un imponente restyling, e coinvolgerà l’intera offerta culinaria che diventerà d’avanguardia. Ma non solo. Il nuovo progetto gastronomico ideato da Marangoni sarà un brand che includerà altri format ristorativi in tutta la Sardegna.

Il brand

In primis un progetto architettonico dallo stile contemporaneo vedrà completamente trasformata la caletta La Renaredda, adiacente allo scalo marittimo di Porto Torres, dando vita a una struttura polivalente che includerà un bar, un bistrot e un raffinato ristorante vista mare al primo piano del complesso.

Ancora più significativo, l’intervento nello splendido contesto di Cala Reale sull’Isola dell’Asinara: gli investimenti si concentreranno su una struttura già esistente che verrà completamente ristrutturata e rinnovata secondo il concept del gruppo. Al centro del progetto e della location, le tradizioni sarde attraverso le ricette di pasta fresca prodotte a vista da una massaia erede delle antiche usanze culinarie isolane. 

L’orto sarà invece il progetto che punterà sulla sostenibilità e sull’autoproduzione. Si tratta di uno spazio, ancora in fase di implementazione, che coprirà buona parte del fabbisogno ortofrutticolo dei ristoranti del brand.

A completare la filiera ci sarà anche il vino, attraverso un vigneto storico ad alberello di 4 ettari nella zona di Sorso. La produzione sarà incentrata su vermentino e cannonau in purezza. All’interno della tenuta, oltre alla cantina, è prevista la costruzione di una struttura a vocazione turistica con sale adibite alla degustazione dei prodotti e vini del territorio, dove sarà possibile anche pernottare.

Ultimo, ma non per importanza, il progetto di un bistrot contemporaneo all’interno di un hotel in Sardegna che verrà completamente ristrutturato a breve.

Il nuovo menu del ristorante Trigu

Lo chef è ancora top secret (verrà rivelato solo in autunno) ma abbiamo già qualche indiscrezione sui menu che sarà completamente inedito e ricco di sorprese. Sarà un viaggio attraverso l’esplorazione di luoghi vicini, capaci di ispirare piatti radicati nel territorio e, al tempo stesso, sorprendentemente attuali.

“Il filo conduttore? L’esaltazione dei sapori del territorio con una visione più ampia e strutturata: pietanze di impronta gourmet, materie prime di piccole aziende virtuose a Km 0 e un occhio di riguardo per la sostenibilità in tutte le fasi di trasformazione del cibo. Anche l’offerta beverage rispecchierà questo approccio attento alle realtà di zona, con un focus sui vini naturali e le tipicità autoctone. Con queste parole, lo chef stellato, ha commentato, tramite la proprietà, il nuovo progetto.

Una sinergia, quella tra Marangoni e lo chef, nata proprio tra i tavoli del ristorante stellato durante una forsennata ricerca di nuove emozioni gastronomiche da parte dell’imprenditore in giro per l’Italia.

“Sono certo che il grande valore e la fama di questo chef, a cui va tutta la mia stima, porterà a Sassari una ventata di cambiamento. La sua è una cucina basata sulla contaminazione e la stimolazione multisensoriale. Inoltre, stiamo lavorando per accogliere i clienti in un ambiente totalmente rinnovato: la stagione estiva ci darà occasione di ultimare tutti i dettagli per essere pronti all’inaugurazione in autunno”, spiega l’imprenditore. “Trigu evolverà spontaneamente verso un modello di ristorazione capace di coniugare ricerca gastronomica ed eccellenze locali; l’obiettivo è quello di valorizzare i prodotti sardi con un concept innovativo di fine dining”. 

Info utili

Ristorante Trigu
Via Roma 58, Sassari (SS)
Tel: 079 4137069
Pagina Facebook