Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
BereBeviVino

Vini low alcol: la crescita sul mercato dei vini a bassa gradazione alcolica

Il consumo di vino con gradazioni alcoliche più basse è in crescita grazie anche a delle abitudini alimentari più healty. Per questo, l’industria vinicola ha implementato la produzione di prodotti ad hoc, con pregi e difetti, e noi ve ne consigliamo alcuni per l’estate!

Il settore dei vini a bassa gradazione o low alcol ha segnato una crescita importante di consumo nel 2023. E mentre in passato era importante raggiungere le gradazioni minime previste, ora siamo difronte a un cambio deciso di rotta. Una richiesta che vede coinvolte soprattutto le nuove generazioni. L’evoluzione delle preferenze dei consumatori verso uno stile di vita più sano, insieme alla crescente attenzione alla guida responsabile, ha spinto l’industria vinicola a innovare e offrire alternative a più bassa gradazione, anche per entrare in mercati sinora vergini, come l’importante fetta dei Paesi Arabi.

I vini low alcol, hanno anche meno calorie

I vini senza e a bassa gradazione alcolica possono contenere fino al 70% di calorie in meno del vino più tradizionale, senza toccare le punte dei vini dolci da fine pasto o dei demi sec, nel caso degli spumanti e metodo classico.

Da notare che non tutte la varietà sono così predisposte alla produzione di vini da dealcolare, in quanto durante il processo si perde tra il 30% e il 40% dei profumi originali, con una soglia di percezione al 50% in quanto privi del vettore principale degli aromi, ovvero l’alcol.

Per questo ci si orienta, spesso, verso vini da varietà aromatiche. Togliendo l’alcol, complice della morbidezza di un vino, la base dealcolata risulta tendenzialmente amara e per questo si tende ad aggiungere mosto d’uva per conferire maggiore dolcezza.

Vini o non vini, questo è il problema

In Italia, in base alle attuali leggi non si può chiamare vino una bevanda che abbia una gradazione alcolica inferiore agli 8 gradi e pertanto la dealcolazione è una pratica non prevista dalla legge attuale, tuttavia si sta profilando nel settore una via alternativa: quella di vini che naturalmente, soprattutto a causa delle condizioni climatiche dei territori nei quali sono prodotti, non hanno un elevato contenuto alcolico. In Italia si sta aspettando una normativa che includa i vini low alcol.

Abbiamo fatto una selezione dei vini low o zero alcol sul mercato, da provare questa estate, al mare, in piscina e sotto il sole.

Moscato d’Asti DOCG “Bel Piano”

Il Moscato d’Asti “Bel Piano” nasce con l’azienda nel 1988, come Moscato Naturale d’Asti per la sua freschezza. Viene prodotto con diraspatura e pigiatura delle uve e macerazione con le bucce per alcune ore in presse orizzontali e successiva spremitura. Vinificazione in bianco con la fermentazione a temperatura controllata per 20 giorni a circa 16° C. Breve presa di spuma in autoclave con aggiunta di lieviti selezionati e ottenimento di una sovra pressione di 1,5 bar. Al termine della fermentazione, stabilizzazione con refrigerazione a -4° C, poi microfiltrazione e successivo imbottigliamento. Affinamento in bottiglia per alcune settimane.

Si presenta di colore giallo paglierino brillante con lievi riflessi verdognoli, possiede un profumo intenso, con note olfattive che ricordano l’uva Moscato e con sentori di fiori di acacia e di tiglio. Ha sapore dolce, grazie ad una buona sapidità e un finale aromatico che ricorda le sensazioni percepite all’olfatto.

Si abbina a paste secche, dolci a base di frutta chiara e di crema, panettone, torta di nocciole, formaggi particolari come il Castelmagno. Molto gradevole come aperitivo e come bevanda dissetante in ogni momento della giornata. Le sue note aromatiche sono perfette per dessert, macedonie di frutta, gelato e momenti di relax.

Canelli DOCG Moscato

Il Canelli DOCG Moscato viene selezionato dai grappoli delle vigne con più di 40 anni di età, da vitigno Moscato 100%. Viene prodotto con diraspatura delle uve e macerazione a freddo con le bucce e successiva spremitura. Vinificazione in bianco con la fermentazione a temperatura controllata con lieviti selezionati per circa 60 giorni. Al termine della lavorazione si effettua la stabilizzazione con refrigerazione poi microfiltrazione.

Alla vista si presenta di colore giallo paglierino brillante con lievi riflessi dorati ed una spuma fine e un perlage persistente. Il profumo è fragrante e piacevole, con note di mallo di noce, albicocca matura, canditi ed uva passa. Ha un sapore pieno, molto strutturato, armonico moderatamente dolce, con retrogusto persistente ricco di aromi fruttati. Si accompagna bene con paste secche, dolci ma anche formaggi in particolare quelli erborinati e un po’ stagionati.

Moscato d’Asti Fiori di Campo

Viene prodotto da uve Moscato bianco provenienti da Vigneto Coazzolo, altitudine 300 m/slm. Proviene dalla Cascina Carlòt, azienda situata in uno dei più bei paesaggi viticoli italiani, tra Langa, Monferrato e Roero. Alla Cascina si seguono i ritmi e i principi della biodiversità e si investe nella produzione e mercato dei vini low alcohol. La vendemmia è effettuata a mano in cassetta con selezione in vigna. Viene vinificato con macerazione per alcune ore in pressa a 20°C, quindi spremitura e naturale decantazione a freddo e fermentazione a 15°C per circa 7 giorni.

Per la maturazione e l’affinamento si ha presa di spuma in autoclave; finita la presa di spuma riposa 10 giorni a -4°C; successivamente viene filtrato e imbottigliato sterile. Presenta colore giallo paglierino, profumo intenso, delicato e avvolgente con note evidenti di salvia e pesca. Dal sapore dolce ma equilibrato, si abbina ai dessert, soprattutto di pasticceria secca, torta di nocciole e frutta fresca. Ottimo anche per aperitivi a tutte le ore della giornata oppure in abbinamento con salumi, formaggi e torte salate.

Moscato d’Asti Vignot M.M.

Proviene da Cantina Terrabianca proprietà della famiglia Alpiste, che da quattro generazioni, è alle prese con la terra e con la vigna in uno dei paesi più significativi dell’intero territorio di Langa; Mango. Un comune dove parte della biodiversità è legata, e con cura salvaguardata, dalla presenza di boschi. Viene prodotto con uve 100 % moscato bianco con Vigneto di provenienza Mango. La vinificazione avviene con pressatura soffice con ghiaccio secco per limitare l’ossidazione e portare tutti i profumi dell’uva nella bottiglia finale.

Filtrazione e presa di spuma in autoclave a temperatura controllata fino al raggiungimento dei 5 % vol. di alcool. Successivamente si arresta la fermentazione con il freddo e maturazione del vino per 2 mesi con batonnage. Presenta colore giallo paglierino con una bollicina sottile e fine. All’olfatto riesce a trasmettere sensazioni di frutta come pesca e albicocca guarnite da sensazioni di fiori bianchi e boccioli di rosa. Al gusto troviamo un moscato dolce, una buona acidità che invoglia il sorso e lo rende molto equilibrato. Ottimo in abbinamento con pasticceria e macedonia.

Perle Fini

Perle Fini propone due bevande aromatizzate a base vino: Peach e Cocco&Ananas. Rappresentano l’unione tra il ricco carattere del vino con sapori aromatici esotici. Per la produzione di Peach, dopo la raccolta il Pinot nero subisce una pigiatura e una breve macerazione di una notte sulle bucce. Preparazione della cuvée con presa di spuma in autoclave con metodo Charmat di circa 2 mesi ad una temperatura controllata di 14-15 gradi per favorire una lenta rifermentazione e ottenere un perlage fine ed elegante. Presenta colore rosa cipria. All’olfatto profumo con sensazioni fruttate al gusto di pesca. Sapore dolce, ma deciso, con sfumature gradevolmente aspre.

Per la produzione di Cocco&Ananas, dopo una leggera e soffice pigiatura, il mosto fermenta senza bucce in serbatoi d’acciaio a una temperatura controllata di 17-18 gradi per circa dieci giorni con l’aggiunta di lieviti selezionati. Presa di spuma in autoclave per circa due mesi a bassa temperatura di 14-15 gradi per favorire una lenta rifermentazione e ottenere un perlage fine e persistente. Presenta colore giallo paglierino scarico. All’olfatto profumo con sensazioni fruttate al gusto di ananas e cocco. Sapore dolce, ma deciso, con sfumature gradevolmente aspre. Perlage fine e persistente per un modo di bere fresco, giovane, nuovo. Ideale come aperitivo.

Steinbock Zero Sparkling

A chi cerca prodotti no o low alcohol, la tenuta J. Hofstätter propone lo spumante della linea Steinbock Selection. Steinbock Zero Sparkling, a base di Riesling, è una bollicina innovativa ottenuta da vino dealcolato. Un’innovativa tecnica preserva i delicati aromi del vino, togliendo l’alcool contenuto. All’interno di un’apparecchiatura viene ridotta la pressione atmosferica (a circa 15 mbar) e con ciò abbassato anche il punto di ebollizione dell’alcol da circa 78° C a circa 25-30° C. Alla fine del processo, si ottiene una bevanda con un contenuto alcolico inferiore a 0,25 Vol %. Un’elegante alternativa per tutti coloro che non bevono o non possono bere alcolici ma non vogliono rinunciare al piacere di un brindisi o di un cocktail. Steinbock Zero Sparkling infatti è l’ingrediente ideale per la mixology, per realizzare cocktail a basso livello alcolico.

Rirò new Generation Barbanera

È stato presentato in anteprima mondiale a Vinitaly 2024 il nuovo vino nato nella cantina toscana del gruppo: RIRO’ new generation Barbanera. È un vino unico con una grande complessità di aromi. Al naso, si percepiscono chiaramente le note dolci e fragranti di frutta di bosco, ribes e lamponi, fichi e uva spina, che si mescolano a una pluralità di altri profumi, come la buccia d’arancia e il pompelmo. Al palato presenta un gusto inaspettato e affascinante personalità e si apre con una piacevole freschezza e offre una straordinaria armonia di sapori, che persistono a lungo nel finale. Un vino versatile e molto profumato ottimo nell’aperitivo con ghiaccio o servito in cocktail creativi.

Tralcetto 0.0 Bianco e Tralcetto 0.0 Rosso

Due etichette zero alcol che hanno fatto il loro debutto sul mercato ottenendo la doppia medaglia d’argento ottenuta al Mundus Vini, concorso enologico internazionale. Tralcetto no-alcol utilizza tecnologie enologiche più avanzate, che permettono di lasciare intatti i profumi e le caratteristiche organolettiche dei vini originali.

Attraverso un processo di de-alcolizzazione, realizzato in collaborazione con un partner tedesco specializzato ,si conserva l’anima dei vini, garantendo un’esperienza gustativa autentica e appagante. Grazie alla leggera pressione sottovuoto, l’alcol evapora a bassa temperatura in pochi minuti. Questa lavorazione consente di preservare il bouquet di profumi naturali del vino durante tutto il processo di estrazione dell’alcol e poterlo ri-dosare, integro, nel prodotto finito. Si ottiene un prodotto in cui ritrovare le stesse peculiarità dei territori e delle uve del vino originario. 

Tralcetto 0.0 Rosso si distingue per il suo colore rosso brillante e i profumi invitanti di ciliegia, prugna e frutti rossi, accompagnati da delicati accenti speziati. All’assaggio, si rivela rotondo, fruttato e lievemente tannico, regalando un’esperienza piena di piacere senza l’alcol. Ideale per chi desidera un momento di relax senza rinunciare al piacere di un buon bicchiere di rosso.  

Tralcetto 0.0 Bianco, si presenta con un colore giallo paglierino luminoso e offre una freschezza equilibrata. Al naso, si possono cogliere note di frutta gialla e fiori bianchi, mentre al palato si manifesta con delicatezza e armonia. Perfetto per accompagnare ogni pasto o per un brindisi spensierato, rappresenta la scelta ideale per chi desidera un’alternativa alcohol-free senza rinunciare alla qualità e al gusto.  

Deserteur Rheingau Riesling Trocken e Deserteur Sparkling Rieslieng

Sono prodotti dalla cantina Bibo Runge nel luogo cuore della viticoltura tedesca, luogo di nascita del Riesling dove si possono trovare i vigneti antichi e storici. In questo luogo vocato alla viticoltura, Markus Bonsels ha lasciato il suo lavoro dopo 25 anni per studiare viticoltura ed enologia e insieme alla moglie creare la cantina Bibo Runge.

Deserteur Rheingau Riesling Trocken è un prodotto di punta della cantina tedesca, ottenuto da uve 100% Riesling raccolte a mano nei vecchi vigneti intorno alla città di Hallgarten, e sottoposte a un processo lungo di estrazione degli aromi con successiva pressatura soffice con il torchio a cestello francese e invecchiate in grandi botti di legno. L’alcol è stato delicatamente rimosso e successivamente è stata somministrata una piccola dose di uno dei Riesling (quale sia rimane un segreto) firmati Bibo Runge. Un dealcolato in cui i tipici aromi minerali del Riesling sono chiaramente riconoscibili, ideale da abbinare con pesce bianco o carni bianche.

Deserteur Sparkling Rieslieng è uno spumante ottenuto da uve 100% Riesling dei vigneti del Rheingau che offre un piacere frizzante e spensierato. Gusto intenso, note intense di vaniglia, miele e agrumi unito alle bollicine lo rendono un prodotto speciale, ideale per un aperitivo, con piatti di pesce o da abbinare a dolci con le pesche.

Pierre zero signature red

Prodotto da Maison Chavin, situata a Béziers, in Occitania, è un rosso analcolico, ottenuto da uve Grenache, non ha zuccheri aggiunti, conservanti, aromi o solfiti. Ha colore rosso intenso dai riflessi dorati, con aromi di ribes nero, amarena, erbe e spezie dolci e note di cioccolato. Ideale per accompagnare carni rossi o un tagliere di formaggi. Perfetto per tutte le occasioni, dall’aperitivo al dessert.

Zero di zero

La base di partenza è il mosto d’uva normalmente impiegato negli spumanti alcolici. Attraverso un processo di lavorazione accurato, si ottiene una bevanda che mantiene l’effervescenza e la freschezza distintiva dello spumante italiano con un’unica differenza, l’assenza totale di alcol. Il processo di produzione prevede fermentazione in autoclave, raccolta dell’anidride carbonica e successivo trasferimento, carbonicazione naturale del mosto (pressurizzazione con l’anidride carbonica raccolta dalla fermentazione), stabilizzazione e imbottigliamento,

Questo processo consente di creare bevande spumanti ad alcol Zero, utilizzando la CO2 prodotta durante la fermentazione di altri prodotti, riducendo la necessità di aggiungere gas esterni e attribuendo delle caratteristiche organolettiche eleganti (trasferimento degli aromi), oltre ad attribuire una miglior struttura e qualità organolettiche al prodotto. Il colore è giallo paglierino chiaro. Al naso, un delicato profumo di fiori di campo e frutti a pasta bianca.

Al palato è dolce, fresco e ben bilanciato, con una perlage elegante, fine e persistente. Zerodizero è uno spumante molto versatile si abbina con estrema facilità e accompagna tutto pasto, la sua freschezza crea piacevoli contrasti se abbinato a piatti saporiti, ma esalta altrettanto bene i dessert.

Savoia Orancio

Savoia Orancio è dedicato a Marco Polo e alla Via della Seta e acconpagna il palato in un viaggio dall’Italia alla Persia e quindi all’India e alla Cina. La base di partenza è il classico Savoia Americano. Orancio viene ottenuto dalla fermentazione delle uve bianche con le loro bucce e raggiunge una tonalità distinta e un profilo aromatico intrigante grazie all’aggiunta di un elemento di freschezza agrumata utilizzando arance dolci e amare, insieme al tocco esotico di lime e bergamotto, con il suo bouquet di spezie. Viene poi imbottigliato in una particolare bottiglia che rievoca la Mole Antonelliana di Torino.

Il gusto di Savoia Orancio è una combinazione di agrumi e spezie, al naso è agrumato con sentori di arancia amara e bergamotto. Al palato è fresco e persistente, con un ritorno leggermente speziato.

In abbinamento a un prosecco extra dry è indicato per creare un ottimo aperitivo.

Articoli correlati

Beviamoci sud: la riscossa dei grandi rossi del meridione

Valentina Franci

Amari siciliani, l’irrinunciabile fine pasto di origine araba. I nostri migliori assaggi

Manuela Zanni

Bevi Naturale: una bottiglia al giorno per affrontare la quarantena

Donato Antonio Notarachille