Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
NovitàRistoranti

Hosteria Bugiarda: a Bacoli la cucina emozionale di Luigi Costigliola

hosteria bugiarda

Ambiente intimo ed essenziale, piatti di terra e di mare realizzati partendo dal rispetto per le materie prime e per la tradizione gastronomica. Questa è Hosteria Bugiarda, il piccolo ristorante di Luigi Costigliola a Bacoli.

Lo chef Luigi Costigliola non ha dubbi: l’emozione di un piatto nasce dalla sua capacità di creare un ricordo, lontano o vicino che sia, prima di tutto piacevole per mente e cuore. Il piatto deve coinvolgere tutti i sensi, arricchire e riportare in superficie emozioni dimenticate, legate a un momento conviviale, fosse solo la merenda che preparava la nonna.

“La mia cucina è di impatto, fatta con il cuore. L’obiettivo è fare assaggiare agli ospiti un ricordo: siamo cresciuti tutti con la pasta e patate, il pane e pomodoro, lo spaghetto aglio e olio e sono proprio questi i piatti che si ritrovano nel mio menu con un valore aggiunto”, commenta lo chef.

È nel 2019 che Luigi Costigliola realizza il suo sogno a Bacoli (NA), con l’apertura assieme ai cugini Luca e Rossella Costigliola, di Hosteria Bugiarda un piccolo ristorante con soli 30 coperti ma approdo ideale dove mettere da parte almeno per qualche ora il peso della quotidianità tra pensieri e doveri metropolitani.

L’ambiente è intimo ed essenziale, accogliente e sostenibile. I materiali naturali e la pietra viva delle volte conciliano tradizione e design innovativo.

La proposta gastronomica

Fucina di idee, con passione e tenacia, ha portato in cucina il suo pensiero di vita e ricordo. Terra e mare con i suoi prodotti rigorosamente di prossimità, sono gli elementi per la costruzione dei due menu degustazione di 5 e 7 portate (oltre alla scelta alla carte) che tracciano la visione emozionale di Luigi Costigliola e il suo percorso tra tradizione, territori a lui cari e influenze del passato.

È una cucina leggera, dinamica ben ancorata alle proprie radici ma arricchita dalle esperienze Oltralpe culminate a Padova, presso le Calandre.

Racconta lo chef: “sul menu c’è un piatto della tradizione della mia famiglia a cui ho aggiunto alcuni tocchi personali. È la pasta e patate che ho chiamato bugiarda: perché mediante una patata novella ricreo lo spaghetto, mentre per la realizzazione della portata utilizzo 4 tipologie di patata. Sono particolarmente legato a questo piatto anche perché è stato anche il primo che ho cucinato per il personale!”

I piatti

Il percorso degustazione comincia con la tagliatella di bufala, coulis di pomodoro cannellino e olio al basilico.

Il peperone m’buttunat (peperone giallo arrostito con tartare di manzo del beneventano, mousse di caprino al erba cipollina e cappero fritto) piatto della tradizione è arricchito dalla creatività dello chef: racchiude un convincente mix di sapori e profumi.  

Pasta e patate bugiarda è il piatto iconico dell’Hosteria, interpretato in maniera personale e reso contemporaneo.

Il polpo è accompagnato da purea di cicerchie e confettura di pomodoro.

Segue il tortello di pasta fresca ripieno di caciocavallo podolico, cozze di Miseno scoppiate e zucchine, piatto ben presentato e costruito con materie prime semplici.

L’ombrina alla plancha con spuma di patate al cumino e agretti spadellati, è un piatto ben eseguito ed equilibrato.

Gelato al rosmarino con ananas arrostito e crumble agli agrumi è un rinfrescante epilogo su note acidule mentre il percorso chiude in dolcezza con “Limone”: crumble e semifreddo al limone, lemon curd e bruschetta di pane di spagna bagnato a limoncello.

Una cucina felice che punta a crescere e migliorare, caratterizzata da un fluire copioso di autenticità che si riappropria dei profumi e della collocazione culturale mirando così a rappresentare l’immagine di un territorio in movimento.

Info utili

Hosteria Bugiarda

Via Terme Romane, 83, 80070 Bacoli NA

Tel: 081 1824 5582

Sito

Articoli correlati

Ottolina Caffè: il nuovo concept store a Palazzo Lombardia

Francesco Gabriele

Alba Delight: l’iconico Bar Alba Don Bosco si sdoppia in un ristorante raffinato con piatti gourmet

Manuela Zanni

Il Cormorano: a Castelsardo tradizione e cucina sostenibile

Angela Bacciu