Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
AppuntamentiEventiVino

Pontelatone: al via “Casavecchia & Pallagrello Wine Festival”

Degustazioni, cucina tradizionale e formula itinerante per un weekend dedicato ai vitigni autoctoni più rappresentativi del casertano: quando l’identità del territorio si esprime anche attraverso i suoi vini.

È in arrivo la nuova edizione del “Casavecchia & Pallagrello Wine Festival”, nel centro storico di Pontelatone, in provincia di Caserta: un percorso itinerante, nei giorni 5, 6 e 7 luglio, per scoprire il territorio attraverso i suoi sapori tipici e fortemente identitari. Casavecchia e Pallagrello sono i due vitigni autoctoni più rappresentativi del casertano ed è dedicato a loro un intero weekend di degustazioni, promosso dalla Strada del Vino del Casavecchia di Pontelatone e dalla relativa Pro Loco.

“Casavecchia e Pallagrello Wine Festival” è un evento che, anno dopo anno, continua a crescere sia in termini di partecipazione che di apprezzamento da parte del pubblico e degli esperti del settore.

Casavecchia e Pallagrello

Si tratta di uve rimaste sconosciute a lungo e che finalmente si stanno facendo spazio tra i grandi nomi. Obiettivo: valorizzare, non solo il vino, ma l’intero territorio. I vitigni di Pallagrello e Casavecchia vanno geograficamente collocati in una piccola porzione di territorio a nord di Caserta, in quella che veniva chiamata “Terra di lavoro”. Si tratta di vitigni vigorosi e che affondano le radici in terreni di tipo argilloso/limoso, collocati dai 100 ai 400 metri di altezza. Il Casavecchia, dal 2002, è stato riconosciuto nel disciplinare della Igt del Volturno: è un vino rosso che ben lega freschezza, corpo e prospettiva d’invecchiamento.

Il Pallagrello, sia bianco che rosso, è più antico ed anche più conosciuto del Casavecchia: è molto diffuso nelle zone di Caiazzo, Castel Campagnano e Castel di Sasso e c’è stato un tempo in cui veniva addirittura confuso con il Coda di Volpe, altro vitigno autoctono campano. Va detto che, oggi, le aziende stanno investendo con energia, sia in vigna che in cantina, per puntare ai riconoscimenti che i loro vini meritano. Il grande lavoro che si sta portando avanti si basa sul preservare le peculiarità dell’uva, inevitabilmente figlia del suo clima e dei terreni di provenienza. Dunque si migliora, ma senza stravolgere.

Il festival

Casavecchia

Anche quest’anno, i protagonisti indiscussi saranno i produttori delle due denominazioni Casavecchia e Pallagrello, con l’obiettivo di dare sempre più spazio e risonanza a due realtà che, non senza fatica, si stanno affermando nel panorama enologico campano e nazionale.

Ancora una volta, è prevista la formula itinerante nel centro storico di Pontelatone, con un percorso che parte dai banchi di assaggio dei vini, in piazza Cavour, e prosegue in piazza Cutillo per la gastronomia, con la presenza dei ristoratori di zona e degli artigiani del gusto. Tra le novità di quest’anno, segnaliamo l’approfondimento “Il Casavecchia declinazioni e peculiarità”, moderato dal giornalista enogastronomico Luciano Pignataro, con il delegato AIS Caserta Pietro Iadicicco: l’appuntamento è fissato per venerdì 5 luglio, alle ore 19.00, in piazza Municipio, sempre a Pontelatone.

Come arrivare e dove parcheggiare

Per chi arriva da Roma, l’uscita autostradale consigliata è Santa Maria Capua Vetere, mentre per chi si muove da Napoli, l’uscita è quella di Caserta Nord. È disponibile un’ampia area parcheggio in via Parco Arnosello, a 200 metri dall’evento.

Contatti utili

Per ricevere ulteriori informazioni, consigliamo di contattate i canali ufficiali, attraverso il web oppure via mail all’indirizzo casavecchiapallagrello@gmail.com

Tel: + 39 333 3854584

Articoli correlati

Il Tortellino nella Storia: da Vivo omaggio al simbolo della gastronomia bolognese

Livia Elena Laurentino

Pandoro Confidential: al via le dirette IG dedicate al soffice dolce delle feste

Redazione

Da Bioesserì a Milano arriva la pizza dei Fratelli Salvo

Annalisa Leopolda Cavaleri