Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
ItinerariViaggi di Gusto

Cefalù: il nostro itinerario tra gastronomia e ospitalità

cefalù

Non solo mare e cultura. Cefalù, perla marinara a Nord della Sicilia, è anche culla di una gastronomia di altissima qualità. Noi vi consigliamo alcune tappe da non perdere, anche a settembre.

Una delle più ambite mete turistiche dell’estate siciliana, abbracciata dal mare Tirreno da una parte e dal promontorio madonita dall’altra, la splendida Cefalù, nei mesi distanti dalla “bella stagione” subisce un calo di richiesta turistica davvero inspiegabile se si pensa all’inestimabile patrimonio artistico e culturale presente nel borgo marinaro.

Oltre alla presenza di arte e bellezze naturali di grande rilievo, la nota cittadina è, inoltre, sede alcuni dei migliori ristoranti cefaludesi, ciascuno con le proprie peculiarità e tipicità locali, in alcuni casi riprodotte pedissequamente, in altri rielaborate e rivisitate in base alla filosofia degli chef. Di seguito un piccolo vademecum con alcune tappe gastronomiche e di ospitalità da non perdere.

Dove mangiare a Cefalù

Bastione & Costanza
cefalù

Bastione & Costanza è uno spazio dove “sentire” la ricchezza delle risorse della terra e dove lo stile di vita mediterraneo si lega a scelte alimentari sane e a produzioni sostenibili. La selezione dei migliori presidi Slow Food del territorio, il lievito madre e i grani antichi per le pizze, una selezione attenta di piccoli produttori, sono il fiore all’occhiello di questo luogo incantevole in cui già la vista “vale il viaggio”.

Lo Scoglio Ubriaco

Lo Scoglio Ubriaco è un ristorante pizzeria nel centro storico di Cefalù a pochi passi dalla splendida cattedrale, con terrazza sul mare aperta, se il tempo lo consente, tutto l’anno. Si tratta di uno di quei luoghi in cui vale la pena di mangiare almeno una volta nella vita per godere oltre che dell’ottima cucina sempre a base di materie prime di qualità, anche di una splendida vista da cui fa capolino un imponente scoglio la cui illuminazione notturna crea un’atmosfera romantica e ricca di fascino.

Aperto da oltre 30 anni, il ristorante ha fatto della freschezza, soprattutto del pescato locale, e della qualità le proprie parole d’ordine. La pizzeria è dotata di forno a legna. A fine pasto consigliato il limoncello della casa e i dessert di fattura artigianale.

Ristorante Le Terme
cefalù

Affacciato nella spiaggia di Cefalù, iconica perla del Tirreno, il cui profilo è disegnato dall’imponente roccia, il ristorante Le Terme è stato ricavato all’interno di un complesso termale di origine romana. L’esperienza è quella dell’archeo-ristorazione grazie alla presenza di anfore, colonne e capitelli all’interno di sale sovrastate da volte a sesto acuto, a botte, a tutto sesto. Al timone della cucina c’è lo chef Toti Grande, con una mappa gastro-culinaria che parte dalla Sicilia ma esce fuori dalla comfort zone dell’Isola con eleganza e sobrietà. Matrice mediterranea, pochi ingredienti, tecniche di cottura francesi, apertura al mondo con ingredienti e accostamenti che attingono alle culture di altri paesi sono le parole chiave della sua cucina. Una Sicilia contemporanea che strizza l’occhio al Giappone e al Nord America.

I piatti più rappresentativi del menù sono il polpo scottato con mozzarella di bufala affumicata e lardo, il risotto vongole prezzemolo e nocciole, la ricciola con jus di vitello, frutti di bosco e aglio nero. Per i vegetariani il fusillone con crema di tenerumi, ricotta infornata e pomodorini bruciati. Intriganti i ravioli ripieni di fagiolo badda, vongole, calamaro e prezzemolo e i paccheri con sugo d’arrosto, scampo, gel limone e liquirizia. I dessert confermano l’eleganza della tecnica dello chef dal classico tiramisù fino alla frolla sablè, namelaka alle arachidi con salsa di lampone e campari.

Don Sasà

Don Sasà a Cefalù è una vera e propria istituzione. Per una pizza gustosa e ben alveolata, dal bordo alto e morbido da gustare dinanzi a uno splendido panorama vista mare. Ma non solo. Si può trovare anche un ricco menù del ristorante con primi di mare, tra cui ricci, cozze e vongole, ma anche la norma, una suprema caponata e un’invitante parmigiana di melanzane, regina della tavola estiva siciliana. Una volta ai dessert non c’è che l’imbarazzo della scelta, con creazioni golose e mai banali che cambiano in base agli ingredienti freschi e stagionali.

Dove dormire

Insulae, alle porte di Cefalù, è un resort di charme immerso nel verde con suite moderne con living esterno e lodge con piscina idromassaggio privata. Tutte le sistemazioni offrono un’incantevole vista mare e gli arredi in stile tropical chic conferiscono fresca vivacità agli ambienti. Qui spazi interni ed esterni si susseguono in un continuum progettato per far vivere agli ospiti il contatto con la natura e regalare pause relax durante una fuga di coppia a Cefalù ma anche per vacanze in famiglia alla scoperta delle Madonie.

La piscina centrale di Insulae, con idromassaggio e zona solarium, è un luogo di ritrovo e socializzazione, come pure il ristorante che al mattino propone una colazione tipicamente siciliana a buffet e piatti caldi espressi su richiesta mentre per il pranzo e per la cena offre una cucina fusion capace di sorprendere ogni palato con gusto e ricercatezza. In cucina lo chef Hamza Ederar, di origini marocchine, sa sorprendere gli ospiti con creazioni inedite come la parmigiana di melanzane intervallata da strati di pane (interessante rivisitazione della regina dell’estate siciliana) ma anche un’ottima caponata mostrando grande abilità nella riproduzione delle ricette locali. Cavallo di battaglia dello chef il cous cous in versione terra, mare ma anche veg con una insolita proposta che prevede una crema di zucchine che conferisce freschezza alla portata. Notevole anche il dessert che mostra abilità anche nell’arte pasticcera. Degna di nota la carta dei vini con etichette siciliane tra cui quelle delle Tenute Navarra le cui etichette hanno accompagnato piacevolmente le portate.

Hamza Ederar, Chef Insulae

Se, invece, siete alla ricerca di una locazione turistica più spartana in cui il contatto con la Natura la fa da padrone Alla Finestra sul Parco” è il luogo ideale. La struttura prevede l’offerta delle camere in affitto senza la fornitura di servizi aggiuntivi a pagamento. Le camere vengono, pertanto, consegnate pulite e fornite della biancheria da letto e bagno. Non è prevista colazione, riassetto e pulizia camera. Le camere, due, a disposizione degli ospiti, hanno l’accesso indipendente, il bagno privato con doccia, impianto di climatizzazione, minifrigo, bollitore. Un vecchio rustico in pietra completamente ristrutturato circondato da animali, natura e tranquillità per una vacanza tranquilla all’insegna del vero relax.

Articoli correlati

Matera: 5 ristoranti (più uno) dove mangiare bene nella Capitale della Cultura Europea 2019

Redazione

Lecce in un giorno: dove mangiare e cosa vedere nella culla del Barocco

Barbara Politi

“Intervista col Tartufo”: curiosità e dettagli in compagnia di Lady Truffle

Marialuisa Piras