Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Lunedì 01 Giugno 2020

Enoturismo: riaprono le porte le cantine pugliesi tra dubbi e incertezze per la Fase 2

vini naturali

Le aziende e le cantine vinicole pugliesi riaprono le loro porte agli ospiti dopo il lungo lockdown. Cautela e prudenza le parole d’ordine

La Puglia è da anni una delle destinazioni più amate, i resoconti diffusi da Puglia Promozione, l’agenzia regionale per il turismo, sono stati più che positivi fino a qualche mese fa. L’incoming internazionale dal 2015 al 2019 è cresciuto del +60% e gli arrivi complessivi (italiani + stranieri) del +23%. I pernottamenti totali sono aumentati del +15%. Bari e la sua provincia sono state nel 2019 la principale destinazione per incoming turistico con una quota percentuale sul totale del 28%. Gargano e Salento sono rimaste invece i due principali poli turistici per presenze con una quota territoriale rispettivamente del 28% e 31%.

Il Covid19 e il successivo lockdown hanno quasi bloccato l’intero sistema economico nazionale e mondiale, obbligando a rivedere le previsioni turistiche più che positive per l’anno in corso.

Non arrendersi è la strategia da seguire, bisogna guardare al futuro oltre l’emergenza, sicuramente verranno meno i grandi numeri, si punterà ancora di più sulla qualità e alla riscoperta delle eccellenze locali e nazionali, l’Italia sarà soprattutto degli italiani.

L’enoturismo ha un appeal intramontabile. Come si preparano, dunque, le cantine in Puglia ad accogliere gli ospiti? Ecco alcune opinioni

enoturismo

Gregory Perrucci titolare di Agricola Felline a Manduria (Taranto) è cauto e preoccupato, gli eventi in programma sono rimandati. “Ripartirei anche domani, la riapertura sollecita il ritorno. Alla luce dell’attuale marasma legislativo verifico ciò che si può fare – afferma Gregory Perrucci -. Il tour nei vigneti è abbastanza gestibile, più complicato è organizzare la degustazione se occorre mantenere una distanza di 2 mq, valuto la collaborazione con una masseria per offrire in relax degustazioni in abbinamento alle specialità gastronomiche, viene meno il fascino della cantina”.

enoturismo

Marianna Cardone è la titolare della cantina Cardone a Locorotondo (Bari) in Valle D’Itria e Presidentessa dell’associazione ‘Le donne del vino’. “Mancano direttive precise – osserva Marianna -. Io e le 25 produttrici delle Donne del vino abbiamo un approccio positivo. Ora più che mai è importante fare sistema e convincere gli italiani a visitare le realtà pugliesi. Ahime, qui l’enoturismo non è sviluppato come in Toscana, in pochi dispongono di area produttiva e ospitalità. I pacchetti sono stati disdetti da marzo a luglio, non nascondo che fanno capolino le richieste di informazioni dal Nord Europa e dall’Australia. Avvalendoci del nostro brand stiamo strutturando percorsi nella regione con messaggi emozionali. Se non puoi andare al mare fai un wine tour. Il connubio vino, arte e storia è da sempre affascinante. E’ fondamentale non spegnere i riflettori”.

enoturismo

L’azienda Cantele a Guagnano (Lecce) è gestita dai quattro fratelli Gianni, Paolo, Umberto e Luisa. “Garantire la sicurezza dei nostri dipendenti e ospiti è il nostro primo obiettivo – dice Gianni Cantele -. Siamo ancora in fase di programmazione, è tutto annullato fino a luglio. Vogliamo integrare le iniziative all’aperto con quelle in cantina. Ci sarà soprattutto un turismo di prossimità, l’idea è proporre esperienze coinvolgenti alle famiglie con gaming tra genitori e figli. Il calice sara incluso nel costo, diventerà un gadget ed eviterà ai nostri collaboratori il contatto diretto con oggetti usati. Giocheremo sull’emozione per vivere il racconto e superare la paura. Speriamo di tornare presto ad accogliere i wine lovers dall’estero”.

Girolamo D’Amico, Louis Rapini e Ulrico Priore sono i fondatori e titolari della cantina D’Arapri a San Severo (Foggia). “La ripresa sarà lenta ma siamo positivi, le persone hanno paura di spostarsi – racconta Girolamo D’Amico -. Dobbiamo coccolare i nostri ospiti, non formeremo gruppi maggiori di otto persone in cantina e nei vigneti. In campagna stiamo ristrutturando una casetta, in cantina abbiamo sospeso i concerti ”.

Non è facile ripartire – spiega Alessandra Tedone, responsabile alla comunicazione di Torrevento a Corato (Bat) -. Abbiamo sulle spalle una grande responsabilità nei confronti dei nostri dipendenti e ospiti. Solo il punto vendita ha riaperto, attendiamo l’evolversi della situazione”.