Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Appuntamenti

Golosaria 2016

L’undicesima edizione della rassegna di cultura enogastronomica ideata dal giornalista Paolo Massobrio in programma a Milano dal 5 al 7 novembre. Tema di quest’anno: il cibo come fattore di civiltà

300 artigiani del gusto, 10 cucine di strada, una novantina di eventi fra incontri, show cooking, wine tasting, degustazioni e laboratori: per affrontare il tema delle tradizioni culinarie come motore di sviluppo dei popoli. O per meglio dirla con il claim ufficiale, “Dal cibo, le civiltà”, colonna portante dell’undicesima edizione di Golosaria, la rassegna di cultura e dell’eccellenza enogastronomica ideata dal giornalista Paolo Massobrio, autore de il Golosario (che ha selezionato gli espositori presenti) ma anche del GattiMassobrio, il noto taccuino dei ristoranti d’Italia.

In programma dal 5 al 7 novembre a Milano, presso del centro congressi MiCo di viale Eginardo (ang. via Colleoni), la kermesse sarà scandita da un percorso diviso per “isole” secondo appunto i concetti di civiltà: civiltà del latte e dei formaggi, della norcineria, della carne, della panificazione, ma anche del pesce, dei dolci e dei lievitati, delle paste e cereali, degli olii, del cioccolato, dell’acqua, dei distillati e delle birre artigianali.

Grande spazio come di consueto sarà affidato poi all’isola del vino, e quindi alla sua civiltà: saranno 100 le cantine d’eccellenza premiate da Paolo Massobrio e Marco Gatti con il premio “Top Hundred”. La novità sarà poi un particolare riconoscimento attribuito alle cantine “Fuori di Top”: aziende piccole o piccolissime e spesso appena nate, promosse comunque per la loro eccezionalità meno conosciuta.

Andando nel dettaglio dei molti appuntamenti in calendario (consultabili qui), l’agorà di Golosaria sarà sede di talk, incontri e premiazioni, oltre a quelle già citate per il vino anche la cerimonia di per i Ristoranti del taccuino GattiMassobrio. Poi ci sarà anche il raduno delle botteghe d’Italia con l’omaggio a Giorgio Onesti “Da Bottega a Boutique del Gusto: andata e ritorno”.

Non mancheranno show cooking, lab e master, in cui i protagonisti del mondo dell’enogastronomia, i produttori, gli chef e le scuole di cucina, raccontano direttamente ai fornelli la filiera dei prodotti e le nuove frontiere della cucina.

Altro must i wine tasting aperti al pubblico, con le degustazioni di vini, gli approfondimenti territoriali e le sessioni dedicate alle “cantine del cuore”, quelle che per Gatti e Massobrio anno dopo anno rappresentano una pietra miliare dell’intera produzione enoica italiana.

Ritorna anche la Grill Academy e, nell’area Fumoir, le degustazioni con gli abbinamenti firmati dal Club Amici del Toscano.

Riflettori infine anche sulle cucine di strada: un viaggio attraverso le tipicità regionali in versione da passeggio”.

Per partecipare alla kermesse è necessario acquistare il biglietto online. Maggiori info: www.golosaria.it.

Articoli correlati

Una pizza per l’estate: i pizzaioli napoletani sbarcano online

Nadia Taglialatela

Il libro di Sandano, le fotografie di Blasetti e i piatti dei 20 top players nelle 50 immagini di Rome Calling!

Sara De Bellis

Golosaria 2023, a Milano la tradizione è innovazione

Redazione