Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Venerdì 24 Gennaio 2020

Firenze: tanti nuovi locali da provare

Dai ristoranti gourmet “Essenziale” e “Galanti” al “Gourmettino” dedicato all’enogastronomia pugliese; dallo street food dell’olio EVO di “Olivia” alle proposte etniche dell’uramakeria di Nina Moric e del sakè bar giapponese “Kawaii”. E poi “Italian Tapas” per l’aperitivo e i cocktail di “Fumoir” per l’after dinner

(in foto di copertina Simone Cipriani, chef e patron de L’Essenziale)

ESSENZIALE

essenziale

Tra le nuove aperture fiorentine spicca quella di Essenziale, il ristorante di Simone Cipriani, in piazza del Cestello (al posto dello storico Pane e Vino) che, come preannuncia il nome, si propone di mettere in tavola semplicità, gusto ed emozioni. Il tutto attraverso la contemporaneità della composizione, rivisitazione e presentazione dei piatti che li rendono anche creativi ed accattivanti. Un esempio su tutti: cacio e pesce, gnocchi di baccalà mantecato gluten free, emulsione di cacio e pepe, fave di cacao e carciofi croccanti. Altra nota di originalità gli snack “Fast And Casual”, da assaggiare tra le 19:00 e le 20:00, abbinabili ad un calice di vino.

OLIVIA

olivia

Sempre a firma Simone Cipriani il menù del nuovo concept store di piazza Pitti, Olivia, gastronomia dedicata al mondo dell’olio extravergine d’oliva di proprietà dell’azienda Gonnelli, proprietaria del Frantoio di Santa Tea. Da Olivia è possibile comprare l’olio ed altri prodotti ad esso legati, sia sfuso che confezionato, o mangiare dalla toscanissima fettunta ad insalate di stagione, fino alle fritture di verdure di stagione, crocchette di ribollita, polpettine di lingua, pecorino in carrozza, anche da asporto.

GALANTI

galanti

Nuova veste quella della storica Gastronomia Galanti di piazza Libertà, che si è sempre contraddistinta in città per la qualità dei piatti ed il servizio familiare, ma anche per gli aperitivi del mercoledì e le serate “Time for Wine” del giovedì dedicate al vino. Merito del sommelier di casa, Andrea, premiato come miglior sommelier AIS nel 2015, che ha saputo conferire all’attività di famiglia un’impronta attuale senza dimenticare la valorizzazione della tradizione. Il locale si è ora ampliato, comprendendo una cantina sotterranea che ospiterà interessanti cene di degustazione.

FUMOIR

fumoir

Tutti gli amanti dei cocktail saranno lieti di sapere che a Firenze esiste un locale nel locale, Fumoir, all’interno dello storico locale di via Fiesolana, Rex, già molto in voga in città per il bar, le serate e l’atmosfera. Si tratta di una sala arredata in stile anni ‘30, aperta su prenotazione tutte le sere dalle 21:00 eccetto venerdì e sabato, che prende il nome del bar che si trovava all’interno del transatlantico Rex, il cui fiore all’occhiello è una fontana di cristallo contenente tre tipi d’assenzio di diversa gradazione alcolica. Il menù dei cocktail si ispira a quello del 1931 del bar originario, cambia ogni settimana e vede naturalmente come protagonista della miscelazione l’assenzio.

NIMA SUSHI

nima

Tra i numerosi ristoranti di sushi presenti in città con formula “all you can eat”, ha aperto presso il Polo Universitario di Novoli Nima Sushi, il ristorante di Nina Moric, del fidanzato Favoloso e dell’amico Perego, dopo l’esperienza a Mariano Comense. L’originalità del progetto consiste nell’aver pensato non al solito ristorante sushi con proposte scontate, ma ad un’uramakeria&sushi che offre un’ampia scelta di uramaki, anche nella versione special e vegetariana, tataki, tartare, temaki, edame e, naturalmente, sushi e sashimi. È possibile scegliere all’interno del menù “all you can eat”, al costo di 15 euro a pranzo e 26 a cena, alla carta e take-away, in base alle esigenze di tempo e di portafoglio dei clienti.

KAWAII

kawaii

Sempre in tema di ristoranti etnici, aprirà a breve in Borgo San Frediano Kawaii, il primo izakaya in Italia, ovvero un tipico sakè bar giapponese che vende bevande accompagnate da piatti tipici giapponesi. Merito dei titolari di Momoyama, altro famoso ristorante giapponese fiorentino, che ha saputo diffondere attraverso la sua proposta ed i suoi eventi la cultura culinaria giapponese.

ITALIAN TAPAS

italian-tapas

Altra prossima apertura Italian Tapas, sempre in Oltrarno, in zona S. Spirito, che segue l’ondata dei tapas bar che quest’anno hanno conosciuto un vero e proprio boom in città. Delle tapas però i piatti hanno solo il formato ed il self service: per il resto appartengono alla tradizione italiana. Questo lo rende un locale particolarmente adatto ad un aperitivo all’italiana diverso dal solito apericena.

IL GOURMETTINO

il-gourmettino

Il gourmettino è un nuovo locale tra Sant’Ambrogio e Santa Croce che si propone anche come franchising a chi desidera intraprendere una nuova avventura imprenditoriale. L’intento è importare la cultura non solo enogastronomica tipica della Puglia, basata sulla semplicità, sulla genuinità, sulle eccellenze inesplorate, sul calore dell’accoglienza. Grande spazio allora ai primi piatti di pasta fresca, pani e farciti dal Sud e panini gourmet, pizze, piatti unici come Riso, patate e cozze, ognuno dei quali ha il suo olio extravergine abbinato. L’offerta si completa con i corsi di cucina biologica personalizzati.