Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Domenica 16 Giugno 2019

Mangiamo poco, light e bio: gli italiani i più magri d’Europa

Il nostro è ormai uno stile alimentare “clean”: lo dice il Rapporto Coop 2016 sui consumi e gli stili di vita. Meno carne, più pesce frutta e verdura. Crescono i cibi etnici ed è boom dei “superfood”

Siamo i più magri d’Europa, noi italiani: mangia di meno in quantità e in modo sempre più “global”. E’ questo il verdetto del Rapporto Coop 2016 (clicca qui per scaricare lo studio integrale) sui consumi e gli stili di vita, secondo cui “ripulirsi” è il nostro nuovo mantra a tavola.

Lo studio sottolinea una crescita netta dell’ethnic food (con un + 8% nel primo semestre 2016); i prodotti mangiati sono poi sempre più light, a conferma di uno stile alimentare “clean” ormai consolidato.

etnici

Gli ingredienti “antichi” sono diventati i “superfood” di oggi: lo zenzero, la quinoa, la curcuma per esempio, parole cercate ossessivamente sui motori di ricerca in rete ma anche fonte di un segmento di fatturato in crescita (il giro d’affari dello zenzero anno dopo anno fa registrare un +141% e la curcuma supera il 93%).

superfood

Non bastasse, anche il mercato di pillole, integratori e beveroni iperproteici esplode nel nome di una dieta perenne, generando un indotto che ci fa primeggiare in Europa (con 2,5 miliardi di euro generati e un +7,7% di incremento annuale).

meno-carne-piu-pesce

E’ se è fuga dalla carne così come dai cereali, si eleva la spesa di pesce, frutta e verdura. E il biologico accoglie sempre più appassionati, tanti da aver assunto le sembianze del consumo di massa (boom delle vendite nell’ultimo anno, +21%).

bio

L’indagine è stata redatta dall’Ufficio Studi di Ancc-Coop (Associazione nazionale cooperative di consumatori) con la collaborazione scientifica di Ref Ricerche, il supporto d’analisi di Nielsen e i contributi originali di Iri Information Resources, Gfk, Demos, Nomisma e Ufficio Studi Mediobanca.