Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
AppuntamentiBevi

Modena Champagne Experience: 5 motivi per cui è stato (e sarà) importante essere lì

Giunto alla sua quinta edizione, abbiamo scelto per Voi 5 motivi che fanno di “Champagne Modena Experience” un evento davvero straordinario da mettere in calendario per il 2023!

Modena Champagne Experience 2022 si è svolto a Modena domenica 16 e lunedì 17 Ottobre. Una due giorni di full immersion nel mondo degli champagne francesi che ha visto la partecipazione di oltre 6400 amanti del bere petillant d’oltralpe.
Ma cosa rende, ed ha reso unico, questo evento?

Una selezione vastissima
Non esiste altro evento in Italia che permetta ai partecipanti di degustare una tale varietà di proposte. Sono stati più di 800 gli champagne presenti. Ogni azienda ha messo a disposizione almeno tre etichette. Quindi non solo le Cuvée tradizionali e i sans annèe ma anche i millesimati, le riserve e le cuvèe di prestigio. Dalla Gande Annèe di Bollinger al Millesimè di Taittinger, dal Dosaggio Zero di Bruno Paillard al Vintage di Piper-Heidsieck.

Maison e Vigneron
Sono stati più di 140 i produttori partecipanti, tra Maison e Vigneron. Presenti alcune delle più famose Maison, come Louis Roederer, Bruno Paillard, De Venoge, Pol Roger, Charles Heidsieck, Pommery, Piper-Heidsieck, Bollinger, Deutz… Ma anche alcuni dei Vigneron più interessanti, come Agrapart, De Sousa, Bonville, Diebolt-Vallois, Bedel, Jacquesson, Andrè Roger, Geoffroy, Fleury, Marguet, Maillart…
Per non parlare di altre piccole realtà, magari meno conosciute, ma che faranno parlare di sé, come Vincent Cuillier, Monmarthe o Christian Gosset.

Insieme ai produttori
Degustare un grande champagne è già di per sé un momento incredibile. Ma farlo alla presenza dei produttori, è una esperienza unica. Si perché il Modena Champagne Experience è anche questo: la partecipazione di tantissimi produttori che, dietro al banco dei loro champagne, si rendono disponibili a raccontare i loro vini, ad ascoltare e rispondere alle tante domande di curiosi e appassionati nonché a farsi fare i rituali selfie richiesti da molti (confesso, tra cui anche il sottoscritto…)

Le Master Class
Nella due giorni sono state organizzate una serie di Master Class di approfondimento, guidate da Alessandro Scorsone e Alberto Lupetti, due dei più preparati comunicatori sui vini della Regione. Degustazioni uniche che hanno premesso di degustare il meglio della produzione champenois, con millesimi da collezione. E per non farsi mancare veramente nulla, sono state organizzati anche le cd. Sponsor Class, appuntamenti gratuiti organizzate dagli sponsor della manifestazione che hanno permesso di scoprire e degustare prodotti dell’eccellenza italiana, in particolare dell’Emilia-Romagna, Regione ospite dell’evento.

Una grande organizzazione
Una macchina perfetta oserei dire, sia per gli spazi assolutamente adeguati all’evento, sia soprattutto per la facilità nella ricerca dei produttori, divisi tra Maison Classiche e Montagne de Reims, Vallèe de la Marne, Cote des Blancs e Aube, le zone della Champagne. Acqua e grissini a disposizione di tutti, il ristorante per i più esigenti e il bar per i frettolosi nonché un sistema per sanificare il proprio bicchiere. Insomma, tutto assolutamente impeccabile.

Ci vediamo allora al Modena Champagne Experience 2023!!!

Articoli correlati

“Natale Take Away”: come gratificarsi a tavola con le proposte Delivery delle Feste di Roma e Provincia

Sara De Bellis

Metti una sera a cena da Diana con Canova

Sara De Bellis

La terza edizione del Beer Park Festival

Francesco Gabriele