Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
AppuntamentiNotizie

Art of Italicus: al via Aperitivo Challenge 2023

Al via la quinta edizione di Aperitivo Challenge, il concorso internazionale dedicato ai bartender che vogliono ottenere il riconoscimento di Italicus Bar Artist of The Year 2023.

Riparte il concorso ART OF ITALICUS, APERITIVO CHALLENGE (AOI), la competizione internazionale giunta ormai alla sua quinta edizione indetta e promossa da ITALICUS rosolio di bergamotto. Fino al 6 marzo sarà possibile per tutti i bartender che vorranno partecipare inviare la propria ricetta di drink a base ITALICUS per scoprire poi solo a fine maggio chi avrà vinto con il proprio cocktail la gara aggiudicandosi il riconoscimento di ITALICUS Bar Artist Of The Year 2023.

Il tema della challenge si muove su due gambe ed è ispirato sia all’arte nelle sue tante sfaccettature che al tema della sostenibilità. I partecipanti dovranno infatti presentare una ricetta che sia una vera “opera d’arte da bere” ispirandosi liberamente a forme artistiche di varia natura quali pittura, moda, musica, letteratura, danza, scultura. L’altro aspetto che verrà valutato è poi come anticipato quello legato al tema della sostenibilità. Verrà valutata l’aderenza al tema attraverso la capacità di utilizzare materie prime locali all’interno del drink, ma anche la riduzione degli sprechi nella preparazione e in fine la creazione di una guarnizione edibile che tenga fede anche degli altri due aspetti, sostenibilità e territorio appunto.

Anche creatività e innovazione saranno al centro dei criteri per scegliere il vincitore che come in tutte le competizioni dovrà dare prova di sé ma anche proporre una novità. L’ ART OF ITALICUS, APERITIVO CHALLENGE sarà un vero cimento a 360° per tutti bartender che vorranno partecipare.

Il rosolio

Il rosolio ITALICUS al bergamotto calabrese è stato ideato da Giuseppe Gallo che per la bellissima bottiglia si è affidato a Stranger & Stranger agenzia di grande successo nata negli anni ’90 e presente a Londra, New York e San Francisco. Con il loro lavoro i designers e i creativi di Stranger & Stranger hanno realizzato una bottiglia in vetro che non lascia indifferenti, ispirata all’Italia e alle sue tradizioni è infatti elegante nella forma intagliata che apre a diverse sfaccettature di colore. Un’ “opera d’arte del bere” in questo caso dalla quale è impossibile non rimanerne affascinati e colpiti.

La storia del rosolio parte da lontano, in alcune regioni italiane come Piemonte, Campania e Sicilia si continua a produrre dal 1500 mentre l’origine di questa bevanda liquorosa ma dalla bassa gradazione alcolica è ancora più antica, e risale addirittura alla fine del ‘600. Il rosolio come indicherebbe già il nome deriva dall’aroma dai petali di rosa lasciati in infusione e macerazione insieme allo zucchero. Questa preparazione di base diventa poi un preparato adatta ad altre ricette alcoliche con aromi diversi.

Le declinazioni del rosolio infatti sono da sempre state molte, si legge di rosoli al caffè, all’anice, alla cannella, ma anche alle erbe aromatiche come salvia, alloro, basilico, malva e finocchietto. Ovviamente gli agrumi non mancano all’appello, ci sono rosoli al limone o come per l’ITALICUS al bergamotto calabrese agrume molto profumato ed elegante. Il nome di questa bevanda ha in sé un’altra curiosità e cioè la sua possibile derivazione dalla dicitura latina ros solis che significherebbe “rugiada del sole” diventato poi rosolio.

aperitivo challenge

Aperitivo Challenge

Tornando alla challenge che riporta in auge l’uso del rosolio nel mondo del bere miscelato promossa da  ITALICUS, si sa già che coinvolgerà undici paesi diversi: Italia, UK, USA, Croazia-Slovenia, Francia, Grecia, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria. Basterà per gli interessati candidarsi per poi scoprire se si è stati selezionati a livello nazionale per passare poi alla fase successiva. Questo primo step ha come data ultima entro la quale iscriversi il 6 marzo, mentre la finale internazionale che si terrà a Roma e decreterà l’ITALICUS Bartender of the Year 2023 sarà in primavera, intorno alla fine di maggio.

In palio oltre al titolo una mentorship con Giacomo Giannotti (bartender del Paradiso di Barcellona – 50 BEST BARS 2022) e l’scrizione di un anno alla Shoshin Art Club, la piattaforma virtuale di professionisti provenienti da tutto il mondo per la formazione nell’arte del bartending. L’hub digitale Shoshin Art Club è stato creato da Valentino Longo bartender romano di fama mondiale cresciuto all’Hotel de Russie con Massimo D’Addezio e poi volato a Londra e successivamente a Miami. Un luogo virtuale di crescita e scambio unico per il bartender che vi hanno accesso.

Sulla challenge Giuseppe Gallo CEO e fondatore di ITALICUS dichiara “Il concorso si propone come una piattaforma creativa attraverso cui i bartender hanno l’opportunità di esprimere al meglio la loro sensibilità artistica, restando ancorati alle radici dell’aperitivo Italiano con il brand. La scorsa edizione, il concorso ha visto la partecipazione di oltre 1200 bartender in tutto il mondo: un risultato che ci spinge a continuare a innovare e a sostenere la bartending community legata a Italicus, e a promuovere assieme un futuro sempre più sostenibile.” 

Articoli correlati

EatPrato 2021: al via la quinta edizione anche in versione “itinerante”

Redazione

Il Tè delle Festività a Roma alla Libreria dell’Hotel Eden

Giorgia Galeffi

Gnam! Festival Europeo del Cibo di Strada

Francesco Gabriele