Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
AppuntamentiDegustazioniMangiareNotiziePizzaPizza Chef

La Città della Pizza ’23: al Parco Lineare Arco di Travertino 3 giorni “d’Italia e Pizza” a Roma 

Napoletana, Romana, Contemporanea, Fritta e Senza Glutine: da venerdì 20 ottobre a domenica 22 ottobre, La Città della Pizza prende residenza 2023 al Parco Lineare Arco di Travertino a Roma, assieme a 50 maestri pizzaioli, laboratori gratuiti per adulti e bambini, workshop formativi e gara finale per l’elezione del giovane pizzaiolo più talentuoso d’Italia.

Da venerdì 20 ottobre a domenica 22 ottobre, all’interno del “parco lineare Arco di Travertino”, nell’area verde che sorge alle spalle della stazione metropolitana Arco di Travertino, la Città della Pizza prende per tre giorni presidio assieme alle tradizioni e nuove interpretazioni di pizza italiana: Napoletana, Romana, Contemporanea, Fritta e Senza Glutine.

“Siamo davvero entusiasti di dare il via alla nuova edizione de La Città della Pizzaafferma Emiliano De Venuti, ideatore della manifestazioneTre giorni di assaggi, incontri e focus tematici che daranno la possibilità al pubblico di appassionati di vedere all’opera i pizzaioli più talentuosi d’Italia, nella splendida cornice dell’Arco di Travertino.Tante le attività che abbiamo in programma per far conoscere tutti i segreti dell’arte della pizza, senza trascurare il divertimento e l’inconfondibile atmosfera conviviale che è alla base di tutti i nostri appuntamenti de La Città della Pizza”.

Ad accendere fuochi e papille, venerdì 20 ottobre dalle ore 18, otto grandi della pizza:
Ciro Salvo (50 Kalò), Ivano Veccia (Allegrìo), Marco Quintili (I Quintili), Antonio Falco (L’ Antica Pizzeria da Michele), Mattia Lattanzio e Giovanni Giglio (Extremis), Andrea Renzi (La Mangiatoia), Sami El Sabawy (Tonda) e Iacopo Alberti (Sbanco), che inaugureranno questa settima edizione della manifestazione.

La Gara dei Nuovi Talenti

Dopo il tour nazionale che ha toccato le principali città italiane – Milano, Firenze, Palermo, Napoli e Bari – e che ha permesso di selezionare i giovani talenti della pizza grazie alla supervisione tecnica di Luciana Squadrilli e Luciano Pignataro; è arrivato il momento di decretare il pizzaiolo emergente più bravo d’Italia. Infatti, solo i pizzaioli presenti sabato 21 e domenica 22 ottobre a partire dalle 11, saranno in gara per conquistare il titolo e il premio del valore di 4.000 euro.

Ecco i pizzaioli che si sfideranno a colpi di pizza:

  • Luca Baccani (Setaccio) – Monterotondo
  • Cristiano De Rinaldi (Casa De Rinaldi) – Napoli
  • Luca Fusacchia (Bordo, la pizzeria del Pigneto) – Roma
  • Salvatore Billi (Fratelli d’impasto) – Castiglion Fiorentino
  • Giuseppe Terracciano (Maruzzella) – Fondi
  • Giovanni Glorioso (Fermento) – Palermo
  • Antonio Papa (Spaccanapoli) – San Cipriano Piacentino
  • Luigi Gentile (Cirasella) – Monopoli
  • Francesco Pellegrino (Levante) – Altamura
  • Marco Cacace (Noel) – Lecce
  • Carmine Apetino (D’è Figliole) – Napoli
  • Giovanni Spera (Casarsa pizzeria lucana) – Potenza
  • Raffaele Longobardi (Diametro 3.0) – Napoli
  • Piero Rucco (Piccolo Paradiso) – Vicobellignano
  • Alberto Maimone (Dumbolone) – Milazzo
  • Francesco De Bernardo (La Taverna del Re a capodimonte) – Napoli

La regola rimane quella che ha decretato il successo de La Città della Pizza: ogni pizzaiolo dovrà proporre al pubblico due ricette di pizza. Una tradizionale – Margherita o Marinara – da preparare con i Pomodori Cirio Alta Cucina e il Fiordilatte Latteria Sorrentina; un Cavallo di Battaglia rappresentativo della propria arte e identità. Ogni pizzaiolo avrà a disposizione la farina per lo spolvero Molino Casillo e i forni firmati Valoriani e Izzo Forni.

Le Attività (gratuite) sulla Pizza

Una nuova location per un programma altrettanto ricco di novità che animerà uno dei nuovi quartieri dinamici di Roma. La Città della Pizza mirerà a coinvolgere attivamente i cittadini in attività, con l’obiettivo, oltre la pizza, di essere un centro di aggregazione, nonchè occasione di socialità e convivialità a cielo aperto.

Fittissimo il calendario di attività gratuite per adulti, bambini e operatori del settore. I laboratori per più piccoli saranno organizzati e tenuti dai grandi maestri pizzaioli di Avpn – Associazione Verace Pizza Napoletana, mentre la Scuola della Pizza – firmata da Ooni – sarà uno spazio dedicato a tutti gli appassionati che vogliono imparare i segreti legati al mondo della pizza e della lievitazione.

I Talk e gli Incontri tecnici saranno guidati da Luciano Pignataro e Luciana Squadrilli e tenuti dai Grandi Maestri Pizzaioli che si confronteranno sui temi e le tendenze del settore.

“Siamo orgogliosi di aver trasformato il VII Municipio in casa ospitale per iniziative culturali di qualità e grandi eventi anche nel settore enogastronomico ha dichiarato Riccardo Sbordoni, Assessore alla Cultura e ai Grandi Eventi del VII Municipio di Roma abbiamo voluto fortemente che l’edizione 2023 de “La Città della Pizza” si svolgesse per la prima volta nel nostro territorio e per questo ci siamo messi subito a disposizione, sostenendo la grande professionalità degli organizzatori e mettendo a disposizione la piazza coperta di Arco di Travertino, una delle location più belle che può offrire il nostro territorio. Abbiamo fatto tutto questo per offrire alle cittadine e ai cittadini del VII Municipio e di tutta Roma un evento prestigioso che contribuirà a conferire il giusto riconoscimento ad uno dei prodotti più riconosciuti e riconoscibili nel mondo e ormai diventato elemento identitario della cultura enogastronomica nazionale.”

COLPO D’OCCHIO SU LA CITTÀ DELLA PIZZA
Arco di Travertino e Parco Lineare Arco di Travertino
Via Collegentilesco, 11 – Roma
Giorni e orari di apertura:
venerdì 20 ottobre ore 18.00 – 24.00
sabato 21 ottobre ore 11.00 – 24.00
domenica 22 ottobre ore 11.00 – 22.00

INGRESSO GRATUITO

Per tutte le info www.lacittadellapizza.it

Articoli correlati

8 marzo: tutti i vini nati e dedicati alle donne

Camilla Rocca

L’Ottobirrata Romana

Francesco Gabriele

Serendipidità e Radicchio: Soressi ci racconta la fortunata metamorfosi della cicoria

Sara De Bellis