Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Domenica 22 Settembre 2019

Milano. Da Eataly Smeraldo nasce Viva, il nuovo colorato ristorante di Viviana Varese

viva viviana varese

Nuova location, nuovo menu e l’entusiasmo di sempre. Il secondo piano di Eataly Smeraldo si riempie di colori con Viva di Viviana Varese

In principio c’era Alice. Ora, al secondo piano dello store meneghino di Oscar Farinetti, brilla una nuova insegna. Dopo un attento restyling che ha portato colori, design e opere d’arte, ha infatti aperto le sue porte Viva, il ristorante che prende il nome dalle iniziali della chef salernitana Viviana Varese.

L’inaugurazione ufficiale si è svolta lo scorso 5 settembre alla presenza di numerosi colleghi e amici di Viviana, da Claudio Sandler a Carlo Cracco, da Andrea Aprea a Eugenio Boer, Da Salvatore Tassa a Pasquale Torrente e Maria Luisa Zaia, che si sono alternati ai fornelli realizzando piatti speciali per festeggiare il nuovo assetto del ristorante.

Tante le novità di Viva, e non solo per quanto riguarda l’estetica e l’arredamento. Come abbiamo accennato infatti, la location si è trasformata in uno spazio di design con opere d’arte, vasi di Murano, luci e poltrone colorate, ma il più grande cambiamento c’è stato alla direzione del ristorante dove, in società con Viviana Varese, è comparso il nome di Ritu Dalmia, chef indiana e già proprietaria di Cittamani e di Spica (ve ne avevamo parlato qui).

Svolta anche in cucina. Infatti, se già da tempo Viviana aveva intrapreso la strada del vegetale, dell’orto e delle primizie, ora il cambiamento sembra completo. Spazio quindi ad un menu fatto di verdure fresche e di stagione (cambierà infatti ogni settimana), ma anche erbette e prodotti selvatici. Freschezza e genuinità sono assicurate perché tutti i prodotti provengono dall’orto sperimentale, curato dalla stessa chef insieme a un agricoltore nel Parco Sud Milano, mentre foraging e le erbe spontanee arrivano direttamente dalla campagna di Lecco.

La proposta gastronomica varia dal pranzo alla cena. Di giorno, la formula è smart e veloce ma senza carta. Sei portate principali, antipasti e dolci da combinare in due formule: 48 euro per antipasto, main dish e dolce o 58 euro per due portate principali.

Anche la sera i piatti hanno tutti lo stesso prezzo (due portate a 75 euro, con dolce 90). Convivialità è la parola d’ordine. Anche a tavola, dominano i colori, accostamenti e contrasti. Sugli splendidi piani in legno grezzo, vengono infatti serviti cibi sgargianti in porcellane di un bianco candido.

La cucina di Viviana è diretta espressione della personalità della Chef. È fatta di slanci ed equilibri, di dedizione e passione, di sostanza e colore. Parla di lei, dei suoi viaggi e della sua terra, ma anche di Milano, città cosmopolita e multietnica, ricca di influenze. Nei suoi piatti si respira quindi l’aria della Campania, dell’Italia più vera, ma anche di sapori lontani.

Insieme alla Chef, in cucina, una brigata forte, giovane, preparata, compatta. C’è la storica Sous Chef e capo pasticciera Ida Brenna e il sous chef Matteo Carnaghi, ci sono i nuovi talenti Luis Diaz, il miglior giovane Maitre d’Italia nel 2017 al concorso Emergente Sala, e Gianluca De Marco, secondo maitre di sala e poi una giovane sommelier, Federica Radice, che ha ampliato la carta dei vini che ora conta fino a 700 etichette, con l’aggiunta di una buona selezione di Champagne e di vini francesi a cura degli esperti Michele Marcucci e Andrea Farinetti. Spazio anche a cocktail e drink d’autore, altro fiore all’occhiello del nuovo Viva, grazie alla giovane barlady Jessica Rocchi.

Info utili

Viva Viviana Varese

Eataly Smeraldo, Piazza 25 Aprile 10, Milano

Tel: 02 4949 7340

Orari: aperto dalle 12:30 alle 14:30 e dalle 19:30 alle 22:30

Sito

Pagina Facebook