Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Dolci

Panettone Maximo 2023: le classifiche del Festival del Panettone Artigianale

Dalla posizione numero venti alla uno, ecco le classifiche complete delle categorie in gara per la quinta edizione di Panettone Maximo.

A tre giorni dalla cerimonia di premiazione di Panettone Maximo 2023, il Festival del Panettone Artigianale d’Italia che ha visto trionfare nelle due categorie principali, Miglior Panettone Tradizionale e Miglior Panettone al Cioccolato, la pasticceria Vizio di Roma, è arrivato il momento di svelare le classifiche complete e rendere così il giusto omaggio all’altissima qualità di tutte le realtà presenti in gara.

Provenienti da diverse regioni d’Italia, infatti, ben 42 sono stati i forni e le pasticcerie presenti ai banchi d’assaggio allestiti all’interno del Salone delle Fontane dell’Eur che hanno preso parte, con i loro grandi lievitati, alla dolce competizione. Giurie altamente qualificate, composte da pasticceri professionisti di fama internazionale, da esperti e da giornalisti del settore, hanno infatti avuto il delicato compito di valutare, dopo attente analisi e prolungati assaggi, i prodotti (resi anonimi) di tutte le realtà in gara.

Vista l’eccellenza di ogni panettone arrivato sul banco dei giurati, però, noi di MangiaeBevi, che con la nostra direttrice Sara De Bellis abbiamo avuto il piacere di presentare gli show cooking “stellati” in programma nell’arco della giornata di kermesse, abbiamo ritenuto opportuno accendere i riflettori su tutti i finalisti di questa quinta edizione di Festival.

Perché se è vero che l’importante è partecipare, ma vincere è meglio, rientrare nella classifica dei venti panettoni artigianali più buoni d’Italia è comunque un grande traguardo e deve essere uno stimolo a far sempre meglio, anno dopo anno.

Miglior Panettone Tradizionale

1 Vizio (Roma)
2 Spiga d’Oro Bakery (Roma)
3 Maison Lafé (Roma)
4 Bonfì (Tolfa, RM)
5 Gerri Pasticceria (Agnone, IS)
6 Kevin D’Agaro (Tolmezzo, UD)
6 La Dolce Tuscia (Capranica, VT)
8 Maciste Pasticceria (Cori, LT)
9 Solo Da Manduca (Aprilia, LT)
9 Zest Pasticceria (Ardea, RM)
11 Sabotino (Roma)
12 Pasticceria Patrizi (Fiumicino, RM)
13 Pasticceria La Delizia (S. Maria la Carità, NA)
14 Pasticceria D’Antoni (Roma)
15 Giano Pasticceria Contemporanea (Roma)
16 Diamond Cafè (Fonte Nuova, RM)
17 Panificio Mater (Salerno)
18 Pasticceria Panzini (Subiaco, RM)
19 Pasticceria delle Rose (Roma)
20 Pasticceria Max (Roma)

Miglior Panettone al Cioccolato

1 Vizio (Roma)
2 Solo Da Manduca (Aprilia, LT)
3 Pane e Salumi (Latina Scalo)
4 Fortini Lab (Albano Laziale, RM)
5 Bonfì (Tolfa, RM)
5 Maciste Pasticceria (Cori, LT)
7 Pasticceria La Delizia (S. Maria la Carità, NA)
8 Fratelli Lattanzi (Roma)
9 Fornai Ricci (Montaquila, IS)
10 Maison Lafé (Roma)
11 Pasticceria delle Rose (Roma)
12 Bonfissuto (Canicattì, AG)
13 Sabotino (Roma)
14 Giano Pasticceria Contemporanea (Roma)
15 Belsito (Serrone, FR)
16 Caffè Masulli 1927 (Somma Vesuviana, NA)
17 Spiga d’Oro Bakery (Roma)
18 Antico Forno Carbé (Siracusa)
19 Krapfen Caffè (Roma)
20 Vanily Pâtisserie (Carinaro, CE)

Premio Stampa Estera

1 Solo Da Manduca (Aprilia, LT)
2 Sabotino (Roma)
3 Bonfì (Tolfa, RM)
4 Fortini Lab (Albano Laziale, RM)
5 Maciste Pasticceria (Cori, LT)

Premio Miglior Packaging

1 Pasticceria Panzini (Subiaco, RM)
2 Vizio (Roma)
3 Fratelli Lattanzi (Roma)
4 Pane e Salumi (Latina Scalo)
5 Pasticceria Max (Roma)

Premio Miglior Comunicazione Digitale

1 Il Frantoio (Colle di Val d’Elsa, SI)
2 Giano Pasticceria Contemporanea (Roma)
3 Pasticceria Panzini (Subiaco, RM)
4 Pasticceria D’Antoni (Roma)
5 La Dolce Tuscia (Capranica, VT)

Premio del Pubblico

1 Spiga D’Oro Bakery (Roma)
2 Caffè Masulli 1927 (Somma Vesuviana, NA)
2 Zest Pasticceria (Roma)
3 Antico Forno Carbè (Siracusa)
4 Pasticceria D’Antoni (Roma)

Articoli correlati

I biscotti di San Valentino con cuore di pistacchio per stupire la dolce metà

Camilla Rocca

Roma: Caffè Merenda cambia casa e arriva a Ostiense

Carolina Carbonari

Pasta reale di Tortorici: storia e ricetta di una specialità made in Sicily

Manuela Zanni