Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Nuove apertureRistoranti

Portale 21: a Marino cucina di qualità e tapas con vista su Roma

portale 21

Una cucina semplice e attuale, di sostanza e grande ricerca, un locale moderno e conviviale e una sala interamente gestita da donne. Questo è Portale 21 Opificio di cucina che ha aperto le porte a Marino.

Oltre alle “fontane che danno vino” e ai panini con la porchetta, la provincia di Roma ha sempre significato, almeno per chi veniva dalla città, cibo genuino, cucina semplice realizzata con prodotti possibilmente a km0. Quello che invece risulta nuovo rispetto a questo topos diciamo gastronomico, è l’approdo, spesso il ritorno, dei tanti giovani che coraggiosamente iniziano a popolare di offerte questi luoghi lasciando a chi si vuole avventurare fuori dai quartieri capitolini per fare una buona cena o un buon pranzo, anche di ricerca, l’imbarazzo della scelta. E allora si può dire che la provincia riserva sorprese e grandi gioie, se per caso ci si siede ad una di queste ottime tavole in zone meno illuminate dai riflettori. La cucina di Valentina Pacifici con il suo Portale 21 – Opificio di cucina a Marino è una di queste realtà.

Giovanissima, classe ‘96, ha aperto il suo ristorante con cocktail bar dopo il corso all’Accademia di Niko Romito, un’esperienza da Spazio Niko Romito a Milano e un breve passaggio a Roma con Alba Esteve Ruiz. Il nome del locale viene dall’arco della vecchia villa dei Colonna rasa al suolo nella Seconda Guerra Mondiale e ben visibile anche dall’interno del locale.

Il locale

portale 21

La vera chicca degli ambienti di Portale 21 è però l’ampio dehor con vista panoramica su Roma, curato e ben pensato in ogni dettaglio. Gli ambienti interni sono semplici ed essenziali, colore giallo alle pareti interrotto da elementi neri come le panche lungo la parete di fondo della sala centrale e le lampade. Lungo la sala lunghe corrono anche finestre a parete che aprono l’ambiente e fanno intravedere la vista.

La proposta gastronomica

La cucina di Valentina è pulita e precisa, centrata su delle solide basi. Dalla scuola di Romito si ritrova l’attenzione per la materia prima e l’esecuzione perfetta, si direbbe con facilità e senza fronzoli che è poi quella di una cucina Buona. Il menù si struttura con una lunga pagina in apertura dal nome Tapas. Sono nove proposte che possono essere antipasti o qualcosa di sfizioso da mettere al centro del tavolo.

La sostanza di alcuni piatti affianca la raffinatezza di altri. Si passa infatti dal Crudo di manzo, porcini, parmigiano 24 mesi e porro alla Focaccina pugliese con spalla di maiale, scamorza affumicata calda e radicchio. O ancora dalla Tartare di pescato, cipolla di Tropea, verza rossa, sesamo ed erba cipollina alle Alici in panko, che sono ben sette grandi pezzi, con accompagnamento di salsa verde.

Per i primi piatti cinque sono le proposte, tra carne, pesce e, naturalmente, le opzioni vegetariane. Gustosi e pieni di sapore gli Spaghetti quadrati Mancini, aglio, olio, peperoncino, mazzancolle, bottarga di muggine e spirulina. Un piatto che parte dalle cose semplici come il condimento aglio, olio e peperoncino, che a Roma traduce parole come bontà, semplicità e velocità, per diventare un piatto gastronomico già dalla scelta della pasta fino all’aggiunta del pesce e della spirulina. Si ritorna alla semplicità nei primi anche con la Fettuccina Home Made con ragù di faraona e pecorino, al vertice c’è una spolverata di polvere di lampone che però lascia intatta la sensazione di aver scelto un piatto comfort e della domenica in famiglia.

Buone anche le proposte vegetali. Tra queste la Chitarra Mancini con zucca mantovana e fonduta ai quattro formaggi delicata, chiaramente dolce ma ben bilanciata con i formaggi che non coprono il piatto lasciando una gradevolezza al palato come ogni altra portata.

La cucina di Valentina, infatti, si distingue per la concentrazione dei sapori e alla pulizia delle esecuzioni. Senza strafare rimane centrata sul gusto e, cosa che non gusta mai, anche sulla semplicità.

I dolci chiudono bene il pasto. In carta troviamo Tartisu, una rivisitazione del tiramisù che non può mai mancare tra i dessert, Citrus o Tar tau citron che dir si voglia. E ancora Musa ossia un brownies al cioccolato con burro d’arachidi e nocciola e Noisette, ossia bignè con namelaka e pralinato alla nocciola. Per i vini ampia scelta di etichette di vini naturali raccontati dalla bravissima sommelier.

La sala è tutta la femminile, cosa che fa piacere riscontrare perché più unica che rara, servizio veloce anche con il ristorante pieno. Brave tutte!

Info utili

Portale 21

Via Rodolfo Morandi, 32, 00047 Marino RM

Orari: aperto dal martedì alla domenica dalle 18:00 alle 22:00, sabato e domenica aperto anche a pranzo, lunedì chiuso

Tel: 06 9483 7668

Sito

Articoli correlati

Frosinone: apre Pezz De Pane, il primo forno targato Roberta Pezzella

Giorgia Galeffi

Ramen Bar Akira sbarca a Fiumicino con sushi di carne targato Cerulli

Giorgia Galeffi

Edit: il nuovo mega polo gastronomico di Torino

Francesco Gabriele