Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
PrimiRicette d'Autore

Agnolotti di pollo e peperoni: l’estate nel piatto de La Briciola

agnolotti di pollo

Tutto il gusto di una domenica d’estate in famiglia, racchiuso in una sottile sfoglia golosa. Sono gli agnolotti di pollo e peperoni e questa è la ricetta originale dell’Osteria La Briciola di Tivoli.

Enrico Magnanti la passione per la cucina ce l’ha nel sangue. Proprio per questo dopo oltre 20 anni di carriera come geometra, nel 2010 ha deciso di aprire a Tivoli, a pochi chilometri da Roma, la sua idea di convivialità intorno alla tavola. Osteria La Briciola è un salotto di gusto accogliente e ospitale, come quello delle zie e delle nonne. Pochi posti a sedere ma tanta genuinità sono gli ingredienti principali di questa insegna di successo.

Tra le sue mura, prendono vita piatti dai sapori veraci, autentici, ma impreziositi e valorizzati da una sensibilità giovane e moderna data dal tocco fresco dello chef Alessandro Cicchetti, appena trentenne.

Nel menu, sia alla carta che degustazione, non mancano proposte di carne, di pesce e vegetariane (anche gluten free) per accontentare tutti i gusti. Fil rouge è, però, la tradizione che si ritrova negli accostamenti di ingredienti e nei profumi che richiamano alla memoria le domeniche in famiglia passate intorno alla tavola.

Ne sono un esempio gli Agnolotti ripieni di pollo e peperoni di cui noi ci siamo fatti svelare la ricetta.

Agnolotti di pollo e peperoni

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Per il ripieno:

500 gr di pollo ruspante

tre peperoni (giallo, rosso, verde)

200 gr. di pomodorini ciliegino di pachino

vino bianco

aglio

olio evo

sale

pepe

Per la Pasta:

400 gr. di semola rimacinata di grano duro

4 uova di gallina “Livornese”

albume di uovo

sale

Per la guarnizione:

3 peperoni

burro

zucchero di canna

olio evo

PROCEDIMENTO

Rosolare il pollo nel tegame insieme all’olio e uno spicchio di aglio, sale e pepe, sfumare con del vino bianco. Aggiungere i peperoni tagliatati grossolanamente, successivamente, i pomodorini tagliati, aggiustare di sale e coprire. Portare a cottura per circa 45 minuti rigirando di tanto in tanto e facendo asciugare il fondo. Ultimata la cottura macinare il pollo e i peperoni e trasferire il composto in una sac à poche.

Per la pasta versare la farina sul piano di lavoro, formare una fontana e rompere le uova al centro assieme a un pizzico di sale. Impastare bene gli ingredienti con le mani per creare un composto omogeneo e lasciarlo riposare 30 minuti in frigo avvolto nella pellicola. Stendere la pasta in una sfoglia alta circa un millimetro, distribuire con la sac à poche a distanza regolare tra loro dei mucchietti di ripieno, spennellare co l’albume e coprire con un’altra sfoglia avendo cura di far uscire l’aria prima di sigillare. Tagliare gli agnolotti con un coppa pasta.

Per la guarnizione creare tre creme di diversi colori con i peperoni arrosto spellati e frullati con olio evo. Cuocere gli agnolotti in acqua salata e mantecarli nella padella insieme ai cubetti di peperone con una noce di burro. Impiattare gli agnolotti e guarnire i piatti con le creme colorate di peperoni cosparse di zucchero di canna e bruciate con il cannello.

Articoli correlati

Omaggio alla cucina romana: il Forno Rotto, cioè il cannellone grigliato di Alessio Tagliaferri

Redazione

Bottoni ripieni di porchetta e cicoria su crema di fave e finocchietto

Giorgia Galeffi

Anatra, pastinaca, gelsomino e prezzemolo di Faby Scarica

Giorgia Galeffi