Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
AppuntamentiVino

Vini d’Abbazia: a Latina tradizioni vinicole e riti contadini

vini d'abbazia

Dal 7 al 9 giugno torna, nello straordinario scenario del Borgo di Fossanova, la terza edizione di “Vini d’Abbazia”, la manifestazione ideata per ricordare il ruolo che, sin dal Medioevo, le abbazie hanno avuto nella preservazione di vitigni che altrimenti sarebbero scomparsi.

Vini d’Abbazia, la tre giorni d’evento sul mondo del vino prodotto nei luoghi magici delle abbazie è arrivata alla sua terza edizione. Quest’anno la kermesse si svolgerà da venerdì 7 a domenica 9 giugno (dalle 16.00 alle 22.00), nel chiostro dell’abbazia, fondata nel 1208 dai monaci cistercensi provenienti dal monastero di Citeaux in Francia e produttori di vino Borgogna, di Fossanova, un luogo magico all’interno del borgo omonimo, a Priverno in provincia di Latina.

La manifestazione “Vini d’Abbazia” ha lo scopo di raccontare ai suoi partecipanti il ruolo che le abbazie hanno avuto – già dal Medioevo – nella produzione del vino, e contestualmente, nella fondamentale preservazione di vitigni di valore che altrimenti sarebbero andati scomparendo. Per questa terza edizione le cantine presenti saranno 30 tra cui alcune importanti Abbazie francesi legate all’Associazione Les Vins D’Abbayes, impegnata nella capitale francese per l’organizzazione di un evento simile a quello di Priverno.

Tante le etichette presenti e tante le novità di questa edizione, come la partecipazione del Prosecco Superiore DOCG del Monastero Cistercense dei Santi Gervasio e Protasio di Vittorio Veneto ma anche quella dell’Abbazia di Santa Maria de La Matina, di San Marco Argentano in provincia di Cosenza, con il su rosso corposo, “Muntu”, e il rosato Dop Terre di Cosenza, il “Mádam”.

Altra novità del 2024 sarà quella di poter assaggiare, e conoscere, il vino georgiano prodotto in anfora con la presenza straordinaria del monastero Alaverdi (Georgia) del VI secolo d.C. Nelle cantine del monastero di Aleverdi riposano infatti, ancora, le anfore di terracotta (Qvevri), che contengono il vino realizzato con metodo antico, un’occasione unica per i partecipanti a “Vini d’Abbazia” per scoprire un tipo di vinificazione che sta coinvolgendo sempre più appassionati del settore anche qui in Italia.

Anche ai vini prodotti nel Lazio sarà dedicato il giusto spazio con la presenza di Cantine della Strada del Vino di Latina, della Strada del Cesanese del Piglio, del Consorzio del Cesanese del Piglio, Consorzio Cabernet DOP di Atina e Consorzio Cori DOC.

La parte gastronomica dell’evento sarà affidata a Slow Food Latina che allestirà un villaggio gastronomico nel borgo offrendo a tutti la possibilità di assaggiare specialità di produttori locali e di presidi Slow Food.

Tanti gli appuntamenti del ricco programma della tre giorni di vino tra masterclass, una mostra sui vini d’abbazia e l’incontro dedicato a “Vino, turismo e cultura – Le risorse di un territorio”, un momento di confronto e di ricerca  al quale prenderanno parte il Presidente della Camera di Commercio Frosinone Latina Giovanni Acampora, il Presidente Azienda Speciale Informare Luigi Niccolini, il Presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, il Commissario straordinario Arsial Massimiliano Raffa e l’Assessore Regione Lazio Bilancio, Programmazione economica, Agricoltura e sovranità alimentare Giancarlo Righini. Tra le altre attività non meno interessante la visita alla scoperta dell’Abbazia di Fossanova dal titolo “Quando i monaci creano il gusto”, un tour organizzato anche grazie al progetto Slow Food Travel.

Info utili

Vini d’Abbazia

7-9 giugno

Prezzo dei biglietti: ingresso giornaliero 30 €

Giornaliero con 1 masterclass da 35 a 45 €

Giornaliero + tutte le masterclass 75 €

Sito

Articoli correlati

In Food We Trust: ricaricarsi in cucina con Cristina Bowerman

Francesco Gabriele

Parte il doppio giro delle degustazioni regionali

Sara De Bellis

Storia moderna del vino italiano

Francesco Gabriele