Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
ItinerariViaggi di Gusto

Arabia Saudita: alla scoperta di Jeddah tra cultura e buon cibo

Jeddah

In occasione del Gran Premio d’Arabia vi portiamo alla scoperta di Jeddah con un piccolo itinerario tra natura incontaminata, scintillanti grattaceli, millenari monumenti e una ricca offerta culinaria.

È pronta ad accogliere i visitatori da tutto il mondo che, dal 7 al 9 marzo prossimi, assisteranno al Gran Premio d’Arabia lungo la Corniche, l’affascinante lungomare di Jeddah, la seconda città più importante e popolata dell’Arabia Saudita. Un’area che si appresta a divenire il circuito più veloce al mondo. 

La location è d’eccezione: bagnata dal Mar Rosso, scrigno di una incontaminata barriera corallina, la destinazione è magnetica con i suoi scintillanti grattacieli e i millenari monumenti storici che stregano chi si aggira per la prima volta in una città vibrante, in constante evoluzione e ancora tutta da scoprire. Ecco, allora, alcuni consigli di viaggio per delle esperienze indimenticabili con cui continuare a scrivere, proprio dal Sud del Paese arabo, le nostre più care memorie.

Jeddah da vedere tra cultura e relax: dalla storica Al-Balad alle spiagge incontaminate 

Lidi di sabbie dorate dove affondare i piedi, come la spiaggia di Obhur, da vivere all’insegna di momenti rilassanti stesi al sole o immersi nelle acque cristalline del mare, palcoscenico ideale anche per delle attività più dinamiche, come un giro in moto d’acqua. Le avventure subacquee non sono comunque lontane, grazie alle barriere coralline che invitano allo snorkeling e al diving, per esplorare il vivace mondo sommerso. Quando il sole cala e il caldo diventa più sopportabile, è tempo di immergersi nell’atmosfera colorata e allegra del Souq Al-Alawi, storico bazar di Jeddah che celebra tessuti e spezie, perfetti come souvenirs.

La vicina zona antica, il quartiere Al-Balad, sito Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, è un tuffo nel passato più autentico, ben conservato ancora oggi grazie a un importante intervento di restauro che lo interessa. Accedervi è possibile attraversando la maestosa Porta Al-Makkah, che conduce nella fitta trama di vicoletti impreziosita da caratteristici edifici in pietra di corallo, balconi di legno ornato e finestre Al-Roshan, iconiche per lo stile architettonico tradizionale saudita che rappresentano.

L’indirizzo dal sapore d’antan in cui fermarsi è Casa Al-Naseef, dove divagarsi con le note di sottofondo della musica Hijazi eseguita da gruppi folk. Di giorno, invece, il Waterfront è preso d’assalto per gli amati picnic, mentre la sera la gente del posto  passeggia sul lungomare o si intrattiene in diversi luoghi di svago, come il parco tematico Al Shallal e l’acquario Faqih. Unirsi a loro è l’occasione per assaporare autenticità. Ma solo dopo aver ammirato il tramonto da una finestra apprezzata e frequentatissima dai “locals”: la North Corniche, un lungo tratto costiero che regala una romantica cartolina del Mar Rosso, con in primo piano l’imponente architettura della Floating Mosque, l’iconica moschea galleggiante di Jeddah.

La scena gastronomica tra pesce fresco e tradizione

Un’offerta culinaria ricca e interessante, capace di appagare tutte le esigenze dei viaggiatori. Per chi ha voglia di pesce fresco, si raggiunge il porto, centro nevralgico per diversi secoli dell’economia di Jeddah. L’approdo, con la sua posizione privilegiata rispetto alle rotte dei commerci globali e luogo di passaggio (oltre che di benvenuto) dei pellegrini diretti alle città sante di Makkah e Medina, ha sempre aiutato, infatti, la città a prosperare. L’animato mercato del pesce è la tappa culinaria da non perdere al porto: la vita del banchi con i freschissimi prodotti in mostra inizia all’alba, ma i visitatori sono attesi anche con più calma.

Chi desidera provare questa esperienza rumorosa e coinvolgente può servirsi di pesce di qualità, pulito, preparato e cucinato perfettamente, già poche ore dopo essere stato catturato. La tradizione a tavola con i piatti più rappresentativi, dal Mandi (a base di pollo marinato) al Kabsa (la profumata carne con riso basmati) si trova invece nei tanti locali di cucina tipica della città, a cui fanno concorrenza, oggi, le insegne di fine dining con i menu  che omaggiano anche la cultura italiana e giapponese. 

Si assapora l’autencità della cucina Hijazy tipica di Jeddah con le ricette di una volta e in un ambiente familiare da Sitta, ma anche Alsadah è un ‘must’ in città.

Per le polpette croccanti più rinomate del Medio Oriente c’è Falafel Khalidiya. Specializzato nel Saleeq Hijazi è invece Hammam Restaurant; il pesce fritto e in tante altre varianti si assapora da Albulty Fishes.

Il giapponese con un sushi eccellente è da Wakame mentre l’italianità si ritrova al ristorante Il Castello, pizza in salsa araba compresa.

I migliori hotel in cui alloggiare

Soggiorni per tutte le tasche a Jeddah, come in ogni grande città. Per un risveglio sul Mar Rosso guardando l’orizzonte dal lungomare della Corniche, c’è l’hotel “da mille e una notte” The Ritz-Carlton, dove i ristoranti interni soddisfano i palati gourmet. Si cambia scenario ma non livello di comfort e lusso all’Hotel Hyatt Park Jeddah, indirizzo con vista privilegiata sulla Fontana del Re Fahd.

Un’atmosfera più familiare si respira pernottando nei Boudl Apartment Hotels, quattro sedi dislocate nelle zone più vivaci di Gedda, in particolare Tahlia Street, Palestine, Quraish e Hira. L’aroma di cardamomo del caffè saudita e lo stile ispirato alle architetture locali danno anima a Shada, che incarna al meglio la tradizione del Sud. Sulle pareti si legge: “Marhaba Alf”, che vuole dire “Mille volte benvenuto”, perché il valore dell’ospitalità nel Paese è sacro. Il lusso in un’oasi lussureggiante con paesaggi marini di rara bellezza denota invece lo spirito del Durrat Al Arus Beach Resort, un susseguirsi di ville all’insegna della privacy, piscine all’aperto, spa mozzafiato e attività ricreative, per una fuga di relax lussuoso che non rinuncia al divertimento.

Informazioni di viaggio 

Collegata all’Italia da voli diretti settimanali in partenza dai principali aeroporti del Belpaese (Milano e Roma), Jeddah è visitabile con un visto, che si richiede online con anticipo oppure una volta arrivati a destinazione allo scalo saudita. Per saperne di più, consultare il sito E-Visa Visit Saudi

Articoli correlati

I vini più storici di tutte le epoche

Camilla Rocca

Etna DOC: la nuova generazione dell’enologia alle pendici del vulcano

Manuela Zanni

Apre oggi ALT, che porta a Roma Eur la BOMBA e un Menu “Fast Good”

Sara De Bellis