Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Domenica 08 Dicembre 2019

Beck e Bowerman all’aeroporto di Fiumicino

I due super chef stellati Michelin protagonisti nella “casa del Made in Italy” del nuovo terminal 3 del Leonardo Da Vinci. Il tedesco sarà alla guida di “Attimi” per il gruppo Cremonini, la pugliese si confronterà con la ristorazione veloce di Autogrill nel format “Assaggio Taste of Wine”

Autogrill, Cremonini, Lagardere, My Chef: alcuni dei più grandi gruppi di ristorazione saranno presenti nella così ribattezzata “casa del Made in Italy” del nuovo Terminal 3 dell’aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino, presentato ufficialmente oggi mercoledì 21 dicembre.

L’area commerciale della neonata area di imbarco dedicata a voli intercontinentali con 22 gate sarà disposta su due piani e si diramerà attraverso una quarantina di punti vendita (di cui 25 brand della moda di lusso, da Gucci a Prada, da Dolce&Gabbana ad Armani, da Ferrari a Valentino) e dieci punti ristoro.

Ma la vera notizia, o la notizia nella notizia, è che due degli slot saranno occupati dai super chef Heinz Beck e Cristina Bowerman, chiamati a illuminare con la loro cucina le attese dei viaggiatori e a innalzare il nome della gastronomia aeroportuale, da sempre (e ovunque) non certo sinonimo di qualità e ricercatezza.

Il tristellato tedesco curerà “Attimi by Heinz Beck” per il gruppo Cremonini: 260 metri quadrati di eleganza minimal per proposte di alto livello (sempre nello stile “Beckiano”, ovvero cucina tradizionale romana rivisitata in chiave gourmet e creativa) a spese piuttosto accessibili ma soprattutto modulari, nel senso che il progetto prevede la possibilità di tre diversi menu che a seconda della quantità di portate (e quindi anche del prezzo) dovrebbero consumarsi rispettivamente in 30, 45 e 60 minuti. Il più veloce, quello da mezz’ora per intenderci, si aggira attorno ai 40 euro di costo all inclusive.

Non mancheranno poi alternative da mangiare al volo, specialità fast d’autore e pacchetti take away, magari da mangiare una volta a bordo.

La stellata pugliese sarà invece il fulcro sui cui si poggerà l’ultimo concept targato Autogrill: “Assaggio Taste of Wine”, basato sulla ristorazione veloce ma di livello elevato. In particolare il format offrirà ai clienti un percorso alla scoperta dei migliori vini italiani affiancando a bottiglie e calici alcuni piatti ideati ad hoc dalla chef di Glass Hosteria e presidente dell’associazione Ambasciatori del Gusto, oltre a una serie di opzioni (supervisionate anch’esse dalla Bowerman) incentrate particolarmente sul pesce, come sushi, trota affumicata, caviale, e su insalate e proposte espresse calde.

aero