Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Lunedì 24 Settembre 2018

Bye bye cappuccio e cornetto: arriva Coffiest

La colazione in bottiglia per chi non ha un attimo di tempo. E’ l’ultima invenzione di Rob Rhinehart, un ingegnere della Silicon Valley che ha già sostituito pranzi e cene di manager indaffarati con i “pasti liquidi” a marchio Soylent

Un mix ben bilanciato di caffeina, vitamine, minerali, grassi, carboidrati e proteine in un liquido in bottiglietta dallo stile moderno ed elegante (progettato da due designer di spicco come John Zelek e Ryder Ripps).

E’ la colazione sui generis e sostitutiva di quella tradizionale targata Soylent, il marchio alimentare creato dall’ingegnere Rob Rhinehart che anche grazie a una campagna di crowdfunding e a 3 milioni di dollari di finanziamento ha conquistato in due anni – dal 2014 – i manager americani della Silicon Valley che lottano con il tempo e con pasti forieri di ritardi su lavoro e impegni quotidiani.

Così dopo aver ideato pranzi e cene da bere (direttamente liquidi o in polvere da sciogliere in acqua), l’ingegner Rhinehart ha deciso di aiutare i suoi clienti anche nel ridurre il tempo della sacra “breakfast”, il pasto più importante.

soylent-coffiest

Ed è arrivato il bibitone Coffiest, dotato di 150 mg di caffeina per bottiglia. Il sapore è dolce e la consistenza cremosa grazie alle proteine della soia; c’è poi l’olio di algale che fornisce l’energia giusta per affrontare una nuova giornata.

E per compensare le nevrosi da effetti collaterali della caffeina, ci sono anche 75 mg di L-Theanine, un tè verde che ha la funzione di calmare la botta adrenalina. Addirittura si dice che “favorisce il rilassamento senza sonnolenza e persino migliora le prestazioni cognitive”.

Si, va bene tutto Mr Rhinehart. Vuoi mettere però cappuccio e cornetto?