Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Venerdì 19 Novembre 2021

Ciro Di Giovanni: a Torre del Greco è nata una Star, anzi sei

ciro di giovanni

Abbiamo incontrato Ciro Di Giovanni, patron della nota pizzeria di Torre del Greco, e ci siamo fatti raccontare “Star”. Sei pizze d’autore firmate da altrettanti chef stellati, per onorare una storia che parte da lontano.

Torre del Greco, città del corallo e dei cammei. Tra i gioielli della gastronomia, scopriamo la pizza del Magma Sakura, annoverata tra le migliori realtà dell’area vesuviana. Ci accomodiamo in un’ampia pizzeria, praticamente a bordo piscina. Si chiama “Magma” per via del Vesuvio che è proprio lì, magnificente, a sorvegliare i tavoli dall’alto. E “Sakura” perché la pizzeria è estensione dell’omonimo hotel voluto negli anni ‘70 da Dorotea Liguori, imprenditrice italo-giapponese scomparsa nel 2019. Nata a Kobe, ma vissuta nella terra di suo padre, in quella Torre del Greco che lei, donna di raffinata eleganza, seppe impreziosire con le meraviglie della sua linea di gioielli e con importanti progetti inerenti al settore turistico.

In pizzeria, ci accoglie il patron Ciro Di Giovanni, con sua moglie Nicoletta Di Patre. “Alla signora Liguori devo tantissimo. Per anni ho fatto parte del suo staff, anni incredibili in cui ho imparato tantissimo, tutto. Oggi, guidare il Magma Sakura per me è un orgoglio, ma anche una grande responsabilità”. Tangibile la continuità affettiva e professionale con cui ogni giorno si punta a dare il meglio. Pizza come fiore all’occhiello dell’offerta food: impasto curato dal pizzaiolo Claudio De Siena con un mix personale di farine del Mulino Caputo: alta idratazione, maturazione ottimale, grande digeribilità. Su queste basi entusiasmanti, si lavora scegliendo, per il topping, solo ingredienti di indiscussa qualità. Vere chicche del territorio e non solo.

Abbiamo assaggiato due grandi classici, Margherita e Marinara, cartina tornasole in fatto di pizza e pizzaioli. Ne siamo rimasti affascinati. Impasto a parte, le pizze sorprendono per profumi e qualità dei particolari. L’olio extravergine di oliva, così come il pomodoro, anzi, i diversi pomodori scelti, qui diventano un autentico bigliettino da visita. E come se non bastasse, stanno arrivando anche le “Star”.

Il progetto “Star”

Per tributare un vero e proprio omaggio alla signora Liguori, il Magma Sakura lancia il progetto “Star”. Sei pizze d’autore realizzate in collaborazione con altrettanti chef stellati, ciascuno con il suo stile e il suo modo di interpretare il territorio e le nostre grandi materie prime. Dal 1 luglio, ogni giovedì (solo su prenotazione) sarà possibile assaggiare la pizza “Star” del mese.

Il calendario

Luglio sarà il mese di Vincenzo Guarino con “Dorotea”, prima pizza “Star” assaggiata in anteprima in occasione del lancio del progetto. Già nel nome, un evidente richiamo alla “signora delle perle”, Dorotea Liguori. Il topping rappresenta un fluido incontro tra Occidente ed Oriente. Provola affumicata, crema di fiori di zucca, coulis di pomodorino giallo, zucchine marinate in salsa di soia e teriyaki, zucchine fritte per il crunch, tonno rosso tataki, mousse di ricotta di bufala, yuzu grattugiato, germogli di basilico e chips di corallo al pomodoro.

Le altre creazioni sono ancora top secret, mentre ufficiale è l’avvicendamento mensile dei vari chef.

Agosto sarà il mese di Ciro Sicignano del ristorante “Lorelei” di Sorrento. A settembre arriva Giuseppe Aversa de “Il buco”, sempre a Sorrento. Ottobre all’insegna del tocco di Domenico Iavarone  del “Josè Restaurant” di Torre del Greco. Novembre brillerà con Alfonso Caputo di “Taverna del Capitano” a Massa Lubrense e si conclude in bellezza, a dicembre, con Emanuele Petrosino del ristorante “Bianca sul lago”, sul lago di Annone a Lecco.