Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
RistorantiSPA & Resort

Palermo: la storia di una città in sei tappe tra ospitalità e buona tavola

La “Palermo di una volta”, viaggio nella storia del capoluogo siciliano attraverso indirizzi iconici sopravvissuti all’usura del tempo.

Passeggiare lungo le vie del centro storico di Palermo e sentirsi catapultati in un’atmosfera d’altri tempi è una sensazione che proverete certamente anche solo guardando gli antichi palazzi che adornano le strade del capoluogo siciliano come pietre preziose di una collana sul collo di una bella signora.

Se poi avrete la possibilità di vivere dall’interno le magiche atmosfere di luoghi sopravvissuti all’usura degli anni, le cui volte e pareti, impreziosite da splendidi decori, trasudano storie di vita vissuta, vi garantiamo che farete un viaggio nel passato anche se non disponete di una macchina del tempo. 

Di seguito vi proponiamo alcuni luoghi che dovrete assolutamente visitare se volete conoscere la “Palermo di una volta”.

Dove dormire

Il Palazzo del Poeta

Nascosto tra i vicoli di una Palermo ferita, ma non vinta, lontana dalle rotte del turismo “mordi e fuggi”, tra i vicoli scolpiti dagli oratori del Serpotta e le pagine scritte del Tomasi di Lampedusa, Il Palazzo, che fu della baronessa Dara – Agnello, che secoli di abbandono e incuria avevano nascosto alla vista e alla memoria, è emerso con il nome “Palazzo del Poeta” dal silenzio del tempo con l’amore di cui è capace una donna, ed è tornato a spargere bellezza dopo cinque anni di ristrutturazione.

Palazzo del Poeta è luogo sofisticato, contemporaneo e accogliente, in cui la storia vive nella contemporaneità del presente. Un ambiente, intimo e, allo stesso tempo, aperto alla condivisione degli spazi comuni, curati da luce e dettagli preziosi. Si tratta di una dimora che ospita ambienti dedicati sia all’accoglienza che alla cultura, negli ampi spazi e saloni.

Qui Rosa Di Stefano, la premurosa e accogliente padrona di casa, che è stata insignita del prestigioso premio “Donna Attiva”, è una combattente della memoria, innamorata della Storia, esempio d’amore e di volontà, ha avuto l’abilità e la caparbietà di far riaffiorare una tenue luce di fragili lucciole, una nascosta speranza tramandata a voce per garantire che la bellezza non venga perduta per sempre. Questo palazzo rappresenta un inno alla bellezza della vita che dal 14 febbraio 2019  oltre ad offrire ospitalità di charme ospita eventi di arte, emergenza sociale e cultura tra cui  la rassegna “un tè con l’autore” in cui vengono presentati i testi di alcuni autori prescelti.

B&B Antica Palermo

Nel cuore del centro storico di Palermo, esiste un luogo in cui l’orologio sembra essersi fermato all’interno del quale si respira un’aria d’altri tempi. A due passi dai Quattro Canti, esistono abitazioni antiche che i proprietari o i nuovi acquirenti hanno deciso di ristrutturare, mantenendone inalterato il fascino vintage, per poi trasformarli in dimore destinate all’accoglienza. Tra queste il B&B Antica Palermo, in corso Vittorio Emanuele, offre un ambiente caldo ed accogliente.

Mutuando un’abitudine già in voga nel centro e nord Italia, Danilo Calista, proprietario della struttura, ha deciso di destinare uno spazio comune, normalmente a disposizione degli ospiti, ad eventi, incontri e degustazioni aperti anche al pubblico.

Composto da 5 camere dotate di tutti i comfort, il B&B si trova in un appartamento antico con la particolarità dei soffitti a cassettoni con affreschi , arredato e curato nei minimi dettagli. Gli ospiti qui non sono tali ma è come se stessero in famiglia, al mattino vengono coccolati da una ricca e tipica colazione. Se volete concedervi un soggiorno facendo un salto nel passato questo è il posto ideale.

Quintocanto Hotel & Spa

Nel cuore della Palermo barocca, vicino ai Quattro Canti  di città, il Quintocanto Hotel & SPA ama accogliere i propri ospiti e accompagnarli verso la dimensione della scoperta e del relax. Elegante Design Hotel arredato in stile minimal, grazie alla sua atmosfera rilassata e alla sua posizione centrale, è il luogo ideale sia per chi viaggia per affari, sia per coloro che vogliono andare alla scoperta dei luoghi di maggiore interesse turistico della città. L’esclusiva SPA, con il percorso benessere fatto da sauna, bagno turco e idromassaggio, e i piacevoli massaggi, uniti ai sapori della eccellente cucina del ristorante interno all’albergo, regalano un’esperienza indimenticabile nel cuore di Palermo.

Dove mangiare

Locanda del Gusto

La Locanda del Gusto, ai primi posti nelle guide gastronomiche del panorama locale sin dalla sua apertura, sin dalla prima colazione, delizia gli ospiti con squisite proposte e delicate ricette frutto di una rivisitazione dei sapori della cucina tradizionale siciliana. La cucina del ristorante ha un’impronta spiccatamente mediterranea che predilige l’uso di soli prodotti freschi e disponibili sul mercato e pone particolare attenzione ai cibi biodinamici. La carta dei vini offre, inoltre, una lista con i migliori prodotti siciliani, italiani e internazionali, così come la carta dei distillati e dei caffé.

Nel menu a farla da padroni sono i primi piatti della tradizione siciliana con un tocco gourmet come la pasta fresca con sugo e carciofi alla brace, gli spaghetti al limone con colatura di alici e la pasta con pesto di mandorle e melanzana fondente. Tra i secondi da non perdere l’uovo poche con spuma di patate affumicate e tartufo. Degno di nota anche tra i dessert l’arancia di cioccolato all’arancia con gelato all’arancia: delizia per gli occhi e per il palato.

Le Terrazze del Sole

Nel diario di famiglia di ogni palermitano vi sono occasioni e festeggiamenti che hanno avuto luogo nelle terrazze dello storico Grand Albergo Sole, oggi afferente alla catena B&B Hotels, in via Vittorio Emanuele 291, nei pressi dei Quattro Canti. Qui alloggiò, prima di scomparire misteriosamente, il grande fisico Ettore Majorana, il quale nella carta intestata del “Grand Hotel Sole” scrisse una delle sue ultime lettere.

La nuova apertura de Le Terrazze del Sole ha restituito alla città e ai suoi visitatori un luogo storico, che permette a tutti di godere dello straordinario panorama e di trascorrere piacevoli momenti di incontro e condivisione, gustando i piatti ispirati alla tradizione accompagnati da ottimi drink.

Qui, alla vista mozzafiato, si aggiunge l’altrettanto imperdibile proposta menù (carne, pesce e vegetariano) composta da tante pietanze che uniscono la sicilianità alla contemporaneità di sperimentazioni ardite e raffinate.

In particolare sono consigliatissimi i taglieri di aperitivo che prevedono salumi e formaggi locali, fritti misti, caponata e parmigiana di melanzane (quando in stagione) ma anche i primi piatti a base di pescato locale, secondi vegetariani come tortini e polpette di verdure. Anche la carta dei dessert offre ampia scelta con particolare riguardo per i dolci tipici della tradizione locale come il cannolo e la cassata rivisitati in chiave contemporanea. Degna di nota anche la carta dei cocktail che offre ampia scelta tra i grandi classici fino a quelli più innovativi nati dalla fantasia del bartender.

La Pizzeria Bellini (dal 1955)

Oggi come allora, ubicata nell’omonima piazza, una delle più suggestive del centro storico di Palermo, la Pizzeria Bellini in una armoniosa sintesi tra l’antico, che la storicità della piazza richiede, e il confort, che da sempre la caratterizza, è un locale dove gustare delle pregiate specialità gastronomiche in un ambiente accogliente e raffinato.

Locale classico, caldo ed accogliente, si divide su due piani, al piano terra il bar e la pizzeria, al primo piano la sala ristorante. In estate si può mangiare all’aperto nel cuore del centro storico di Palermo. Nel 1956 gli appassionati della notte che desideravano, gustare dell’ottima pizza avevano un unico luogo dove recarsi: la Pizzeria Bellini, ancora oggi meta imperdibile per chiunque voglia conoscere la “Palermo di una volta”.

Il menù della pizzeria offre ampia scelta a cominciare dal tagliere Bellini che propone una selezione di salumi e formaggi, bruschette, crocchette di latte e panelle e verdure a cotoletta. Le pizze propongono un ampio menu che è un vero viaggio nel Bel Paese, con offerte di pizze i cui ingredienti omaggiano tutte le regioni d’Italia (di cui ciascuna porta il nome). Non solo pizze: tra i primi pasta alla norma, sarde e finocchietto e “Panuozzi” ovvero panini “gourmet” conditi con ingredienti di qualità che sono un vero tripudio di gusto. Tra i dessert da provare il crumble di mele con gelato alla vaniglia, il tortino al cioccolato (solo per citarne alcuni).

Articoli correlati

Luciano Di Marco brinda Addakuosa, il sogno che diventa realtà con vista mare

Manuela Zanni

Roma: le nuove aperture di primavera in città

Redazione

Milano, apre Horto restaurant, il rooftop “nordic style” per foodies che scelgono la sostenibilità

Sabrina Quartieri