Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Ristoranti

“Quanto sei bella Roma”: 5 Terrazze da Capogiro oltre il Tramonto

Sono alte, sono belle, eleganti e ricche di contenuti di charme. Sono le terrazze romane più in voga. Luoghi nascosti o esposti, comunque magici, dai quali poter spaziare con la vista e con l’emozione. Zone di design e di confine tra suolo e cielo, da dove respirare la Grande Bellezza romana, opulenta e vitale, raffinata ed elegante, forte e viva più che mai, arricchita da proposte di cucina fine dining & mixology creativa. Ve ne raccontiamo cinque: Rinhoceros Le Restau & RoofBar, Terrazza Mirador, Flora Roof Restaurant & Cocktail Bar, Terrazza Bulgari e Maio Restaurant & Rooftop.

Rinhoceros – Le Restau & RoofBar| Executive Chef Giuseppe di Iorio + Chef Alessandro Marata + Bar Manager Christian Comparone

di Sara De Bellis

Via del Velabro. La meraviglia si inizia a percepire già dal pian terreno di Palazzo Velabro, divenuto un luogo d’arte a più livelli di lettura e interpretazione, un centro di creatività internazionale per esposizioni ed esperimenti in libertà che prende il nome di Fondazione Alda Fendi – Esperimenti / Rinhnoceros.

Nell’area del Foro Boario, la ristrutturazione di questo antico edificio del 1600 è stata affidata all’ Archistar Jean Nouvel che ne ha ricavato uno spazio polivalente costituito da una Galleria d’Arte, 25 spazi per residenze di design, 4 zone (3 en plain air e 1 coprta) per vibranti convivi che prendono il nome di Rinhoceros Le Restau & RoofBar, realizzati in collaborazione con Manfredi Fine Hotels Collection.

All’ultimo piano si accede infatti ad uno dei Rooftop più singolari che abbiate mai visto. Un Rooftop su due livelli e tre anime, codificato secondo un rigoroso quanto eccentrico minimalismo per lasciar voce all’incredibile panorama offerto dalle speciali condizioni di altezze e prospettive. Mentre la Terrazza Palatino è riservata al ristorante, la Terrazza Venere – Mixology Bar è il luogo della sperimentazione alcolica e non; l’altana, ovvero la TERRAZZA 360, chiude la triade delle meaviglie con la sua esclusiva posizione e affaccio ca capogiro su Roma.

Se tutto intorno è un viaggio nel tempo e nella storia di Roma, l’arte qui si respira in ogni cosa mentre sul pavimento a pixel bianchi e neri compaiono Rinoceronti, omaggio al mondo animale e all’energia primitiva tra banconi e gettate di colori accesi, impianti a vista e strutture in acciaio.

Il progetto è firmato Manfredi Fine Hotels Collection di proprietà dei conti Goffredo e Leonardo Ceglia Manfredi – che ha acquisito la gestione di RHINOCEROS Le Restau & RoofBar per farne uno spazio gastronomico & mixology unico con la supervisione dell’Executive chef Giuseppe Di Iorio del ristorante AROMA (1* Michelin) aggiungendo un altro gioiello alla collezione di scenari della Grande Bellezza italiana, dai Faraglioni di Capri all’imponente Colosseo.

Anche la cucina celebra l’Italia. Un’Italia di sapore e tradizione ma sofisticata e avvolgente al contempo. In tandem con il Resident Chef Alessandro Marata, Chef Di Iorio porta in tavola essenzialità e ricerca, coniugando con abilità i sapori e piatti iconici di identà territoriali gustose, presentate con mano e tecniche contemporanee.

Racconta Di Iorio: “Realizziamo una cucina solida e ricca, con grandi piatti della tradizione eseguiti con tipologie di cotture differenti al servizio di una proposta di memoria raffinata ed elegante, per un’esperienza gastronomica capace di emozionare innanzitutto i nostri concittadini, risvegliando sensazioni del passato. Ho scelto Alessandro Marata come resident perché è in grado di abbracciare questa visione e trasferirla pienamente nell’esecuzione dei piatti in carta. Abbiamo fatto un percorso e oggi ci ritroviamo insieme per questo nuovo entusiasmante capitolo.”

Si parte sempre dalle basi, ovvero dalla ricerca e dalla selezione di ingredienti di qualità capaci di raccontare quel legame con la tradizione e la contemporaneità con guizzi di estro teso a generare un effetto sorpresa, come per il Risotto come se fosse… una puttanesca; il Bottone cacio & pepe al mare; o la Luciana incontra Amatrice e fanno una calaMarata che mostra come l’incontro di sapori di personalità possa generare un’inattesa armonia. E ancora Fusill’Oro arzilla e broccoli; il saltimbocca di maiale e l’immancabile Polletto e peperoni, doveroso inno all’estate romana a tavola.

Se la cucina è d’ispirazione italiana, il Lounge bar in terrazza, invece, è il nuovo regno della mixology esotica che si esprime a suon di “spirits” attraverso i cocktails del Bar Manager Christian Comparone, esecutore di drinks dalla grande estetica, affascinanti perchè ospitati in bicchieri di forma artistica, quanto ricchi di contenuti e riferimenti culturali.

La carta dei cocktail viaggia tra classici e twist, fino alle proproste ispirate ai Rinoceronti secondo un gioco di apparenze che sorprendono per accostamenti e sapori. La carta dei signature si compone di 8 drink suddivisi in tre categorie ispirate alle altrettante specie di rinoceronti viventi: 2 drink sono dedicati ai rinoceronti indonesiani (Sumatra e Giava); 4 drink sono ispirati agli africani (il Nero, e il Bianco, a suo volta omaggiato in un percorso degustativo suddiviso in 3 cocktail diversi); infine, ai rinoceronti dell’India del sud è dedicato il percorso a base di 2 drink, che prende il nome di “Crash Of Five”.

I due rituali degustativi sono intervallati da piccoli innesti culinari pensati come un viaggio articolato in diverse portate: Entrée, Main Course e Dessert per il set menu Bianco ed Entrée e Main Course per il set menu Crash Of Five. Nei signature e classici della carta Rhinoceros il tasso alcolico è uno standard drink intorno ai 16 gradi. Tra le proposte, si fanno spazio delle opzioni vegane e dei cocktail non alcolici.

RHINOCEROS Le Restau & RoofBar

Via del Velabro 9, tel. 06-6798902. Orario: aperto a pranzo e a cena, dal martedì alla domenica, dalle ore 11 a mezzanotte. Chiuso il lunedì.

Terrazza Mirador – Chef giapponese Koji Nakai + Bar Manager Riccardo Domenico

di Marialuisa Piras

Via del Gianicolo. Terrazza immersa nel verde di Villa Agrippina della compagnia Gran Melià, ai piedi del Gianicolo, affascina con il suo stile vintage, caratterizzato dal vimini e ferro battuto, pronto a ricreare la magica atmosfera delle sere estive delle isole baleari.  Un giardino segreto dove fuggire dalla solita Roma con vista su  Castel Sant’Angelo, mura vaticane e fiume Tevere.

Si rimane subito accolti dal personale giovane e premuroso, un’oasi perfetta  incorniciata da Bouganvillea, Salvia, Artemisia e Mirto capace di trasportare la vostra esperienza altrove. 

I toni dell’azzurro, del verde e dell’ocra accompagnano le luci dorate, rendendola una location di forte impatto e al tempo stesso gioviale. 

La proposta Food è studiata dallo Chef giapponese Koji Nakai, con piatti della tradizione nipponica e piacevoli contaminazioni. Il  giovane e promettente chef, originario di Kobe, trova spunto nelle sue radici dando vita ad un vero melting pot culinario. 

Sarà possibile infatti trovare nel menù i tipici ravioli, gli urakami, il veggie roll e il japanese chicken sweet and sour. Tra i piatti più creativi invece, la tartare di tonno con salsa ponzu su gazpacho orientale, il gapao thai rice e il tandoori Salmon.

Ad accompagnare, il Cocktail Bar presenta i signature drink pensati dal Bar Manager Riccardo Domenico, ideali dall’aperitivo al dopo cena. 

Una drink-list ad effetto, in grado di soddisfare ogni aspettativa. Tra i must: il “Pilar” composto da Tequila Espolon, Triple sec, Lime e mango e il “Profesor Hierbas” preparato con Vermouth del Professore, China,  Hierbas, Campari, Peychaud bitter e Tajin.

Non manca inoltre un’ esigente selezione di distillati, tra cui il Sakè,  il liquore allo  Yuzo e  il tradizionale Umeshu.

A completare la proposta beverage, tra le novità di quest’anno il Limited Edition Cocktail, ossia un drink list speciale replicabile solo in 123 copie, servita  in un bicchiere e sottobicchiere numerato che il cliente potrà portar con sé come souvenir.

TERRAZZA MIRADOR

Via del Gianicolo, 3, 00165 Roma RM – 351 8716027

www.terrazzamirador.it

Flora Roof Restaurant & Cocktail Bar – Rome Marriott Grand Hotel Flora | Chef Massimo Piccolo & Bartender Alessio Mercuri

di Sara De Bellis

Via Veneto. Dal Flora Roof Restaurant & Cocktail Bar, distensiva terrazza dall’incredibile vista del Rome Marriott Grand Hotel Flora, a ridosso delle Mura Aureliane lo sguardo è libero di spaziare, di soffermarsi su cupole e monumenti iconici, di accarezzare i cavalli alati del’altare della Patria, di disegnare i contorni della Cupola di San Pietro, di penetrare l’intenso verde di Villa Borghese, di raggiungere la linea del mare o di toccare la vetta del Terminillo.  

In quella che un tempo era la casina di caccia della famiglia Ludovisi, apre agli ospiti, dalla Colazione passando agli aperitivi, la possibilità di vivere i cieli di Roma e le tavole del Flora Roof fino alle cene d’ispirazione gourmet curate dello Chef Massimo Piccolo e agli scenografici after dinner del Bartender Alessio Mercuri. 

“Siamo entusiasti di contribuire alla rinascita di una strada celebre in tutto il mondo, via Veneto. Un vero e proprio brand internazionale che sta vivendo una nuova stagione legata all’offerta dell’hospitality e alla ristorazione di eccellenza, per chi viaggia all’insegna della qualità”, racconta il General Manager dell’hotel Achille Di Carlo.

Tra tinte pastello e sfumature del tramonto l’attenzione si concentra sull’aperitivo che non prevede una formula fissa. Al Flora si consuma à la carte e tutti i drink sono accompagnati da dry snack e da selezioni di fritti o canapè. La drink list include tutti i cocktail internazionali IBA più un’ampia lista di signature, ideati dal bartender Alessio Mercuri tra cui il “Bitter Summer” con Campari, Aperol, Galliano e Limone ed oleo saccarum, e il “Drink Me” a base di Vodka, Grand Marnier, Bitter Truth Orange bitter, Chiodi di Garofano, Lime, Albumina e zucchero liquido. Non mancheranno rinfrescanti mocktail e l’iconico drink “Flora Espresso Martini” (a base di Moskovskaya, Kahlua, Frangelico, caffè espresso). Segue la cena “en plein air” dello chef Massimo Piccolo che ha pensato per il Roof Restaurant del Flora che fonde basi e memorie campani, impronte romane e proproste intenazionali.

Così la Caprese di bufala e cuore di bue, il Carpaccio di gamberi rossi e la Parmigiana di melanzane coesistono assieme alla Battuta di fassona al coltello, ai Paccheri all’ amatriciana e Pici alla carbonara con guanciale e uovo bio fino ai Filetto di Manzo danese e patate fritte; Tagliata di Frisona, Filetto di ombrina o Sedano Rapa alla piastra con caponata di verdurine, per poi fare ritorno al Babà, questa volta dolce e bagnato al limoncello di Sorrento servito con Crema allo zabaione fredda e mandole caramellate.

Flora Roof Restaurant & Cocktail Bar

Via Vittorio Veneto, 191, 00187 Roma

La Terrazza, Bulgari Rome | Executive Chef Niko Romito + Resident Chef Caludio Catino + Bar Director Desiree Verdecchia

Piazza Augusto Imperatore. Il nome si presenta da sè,  la Terrazza Bulgari, al quinto piano del lussuoso albergo che si affaccia al mausoleo di Augusto imperatore, stupisce subito sia per lo spettacolare landscape dominato dal centro monumentale di Roma con  Villa Medici e Trinità dei Monti che per il design elegante e d’eccellenza. Un vero e proprio progetto paesaggistico curato da P’arcnouveau , che con oltre 200 vasi smaltati ricchi di piante e fiori coloratissimi ci riportano nella Roma antica, tra i giardini di Livia e  Villa Adriana in compagnia di decorazioni in  marmo pregiato  e vetro di Murano. 

Un rooftop spettacolare dove godersi un aperitivo glamour  e dove poter assaporare il menù curato dall’Executive Chef del gruppo Bulgari, Claudio Catino, fedele braccio destro del rinomato Chef Niko Romito, tre stelle Michelin. 

Una proposta che riprende la cucina italiana in chiave contemporanea e una drink list con cocktail iconici all’altezza delle aspettative firmata dalla bar director Desiree Verdecchia. 

Un’atmosfera suggestiva da provare almeno una volta, dove i prezzi nonostante le polemiche di queste settimane rispecchiano pienamente gli standard per l’happy hour medio dei locali capitolini. 

BULGARI HOTEL ROMA

Piazza Augusto Imperatore, 10, Rome, Italy

Tel. +39 0636080400

Maio Restaurant & Rooftop | Chef Umberto Vezzoli

di Sara De Bellis

Via del Tritone. Trasferito dalle guglie del Duomo di Milano, il format “Maio” prende spazio nella Capitale al sesto e settimo piano di Rinascente Roma di via del Tritone. Siamo tra le vene della città eterna, dove l’arte, la storia millenaria si lega alla vivacità contemporanea.

Qui dove Maio Restaurant e Rooftop vuole regalare emozioni durature nel tempo, vuole essere un luogo dove il gusto si fonde con l’emozione e dove i sapori si trasformano in vere e proprie esperienze che fanno bene al cuore. Dalla terrazza, infatti, lo sguardo abbraccia l’iconico skyline della Capitale tra monumenti millenari, architetture straordinarie e brulicanti vie dello Shopping. Una cucina eclettica e raffinata quella del Maio Restaurant e Rooftop, che vuole distinguersi prendendo ispirazione dalla tradizione culinaria italiana e rinnovandola con tocchi moderni e creativi.

Il cuore di Maio Restaurant e Rooftop batte grazie alla passione dello chef Umberto Vezzoli, chef di lungo corso che con la sua costante ricerca, la selezione delle materie prime e l’attenzione per la stagionalità dà vita ad esperienze gastronomiche originali dalla colazione all’aperitivo, dal pranzo alla cena.

I piatti riflettono l’equilibrio tra la tradizione culinaria italiana anche nei colori accesi con moderni guizzi di salse e panure. In modo mutevole si passa dai piatti freschi e sfiziosi, ai piatti più elaborati, con un particolare omaggio alla cucina romana. Speciale è l’aperitivo che si apre a una selezione variegata di bollicine, cocktail e una proposta particolare di gin, come quello ai sentori di zafferano firmato “Maio”. A cena l’atmosfera cambia e con essa il menu.

Tra i cult serali il tonnarello ai tre pepi con pecorino romano o il risotto alla Milanese, ma c’è spazio per la proposta gastronomica anche per piatti veloci e dal respiro internazionale come insalate e sandwich e l’iconica pizza. Ad accompagnare i piatti numerose etichette, una selezione accurata tra vini emergenti e tradizionali, provenienti da tutto il mondo, ma con un particolare occhio di riguardo alle eccellenze del made in Italy.

Dietro le quinte ci sono i fratelli Alessandro e Massimo Maio detentori di una visione lungimirante e coerente che non lascia niente al caso, e dove il cibo diventa un’esperienza che coinvolge tutti i sensi, in ogni momento della giornata mentre lo sguardo si perde nella bellezza della città eterna che si staglia all’orizzonte.
In un mondo frenetico, Maio Restaurant e Rooftop rappresenta una pausa, un rifugio in cui l’emozione della vista si fonde con il piacere della buona tavola.

Maio Restaurant & Rooftop
Via del Tritone 61 (La Rinascente, 6° & 7° piano) 00187, Roma
Tel. +39 06 8791 6653

Articoli correlati

Un insolito itinerario tra panzanelle stellate, gin e “burro del Chianti”

Francesca Noce

Filario Resort: un week end romantico sul Lago di Como con esperienza gourmet

Annalisa Leopolda Cavaleri

Roma. Cosa si mangia nel nuovo Unique Garden Restaurant Al Palatino

Redazione