Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
AntipastiRicette d'Autore

Ricetta di Pasqua: i carciofi in tempura di Chef Marcello Romano

carciofi in tempura

Un buon pranzo, inizia sempre con un ottimo antipasto che a Pasqua non può che essere a base di carciofi, rigorosamente fritti.

La Pasqua si avvicina e con essa la fatidica domanda: cosa cucinare per stupire amici e parenti? Chi ben comincia è a metà dell’opera e dunque l’antipasto, preludio di un pranzo luculliano, richiede una grande attenzione. Proprio per questo gli chef ci vengono incontro per ammaliare le papille gustative degli ospiti, a casa come al ristorante.

Marcello Romano, ad esempio, Executive Chef di Salone Eva, iconico salotto del gusto all’interno dell’Hotel Hassler a Roma, consiglia per l’occasione un antipasto a base di carciofi, succulenti fiori di stagione, fritti in tempura.

Carciofi in tempura

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Per i carciofi:
Carciofi 8 pz
Brodo vegetale 1 litro
Vino bianco 200 ml
Menta 50 g
Aglio 25 g
Sale

Per la pastella:
Acqua frizzante 300 ml
Bicarbonato 1 g
Farina 150g

Per la fonduta:
Pecorino romano 300 g
Latte 60 g

Per friggere:
Olio di semi di arachidi 2 litri

Per guarnire:
Pepe nero macinato
Pecorino grattugiato
Ciuffi di menta

PROCEDIMENTO

Pulire i carciofi eliminando tutte le foglie esterne e dure fino a raggiungere la parte più tenera, in una pentola mettere tutti gli ingredienti compresi i carciofi puliti portare a bollore e far cuocere per quattro minuti. Far raffreddare il tutto velocemente.

Per la pastella, con l’aiuto di un frullatore a bicchiere, frullare tutti gli ingredienti per un minuto fino a ottenere un composto liscio e omogeneo, conservare in frigo per almeno tre ore.

Per la fonduta di pecorino mettere in una ciotola il latte e il pecorino grattugiato e fondere a bagnomaria, senza eccedere con la temperatura, non superare i 70 gradi.

Quando la pastella e i carciofi saranno ben freddi portare l’olio di semi a 180 gradi, immergere i carciofi tagliati a spicchio nella pastella e friggere fino a ottenere un colore dorato e una pastella croccante.

Per guarnire disporre la fonduta di pecorino calda al centro del piatto, adagiare sopra i carciofi fritti, cospargere di pepe, formaggio e ciuffi di menta.

Articoli correlati

Ricetta del giorno: la pasta con le sarde di Chef Barone

Belinda Bortolan

Ricetta d’autunno: gnocchi di zucca, nocciole e porcini

Angela Bacciu

Calamarata con ragù di polpo: la ricetta di Bolle, anche in versione cicchetto

Redazione