Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Mercoledì 28 Giugno 2017

San Pellegrino Factory: un’oasi in Val Brembana

san pellegrino

Al via la ristrutturazione da 90 milioni di euro affidata all’archistar danese Biarke Ingels. I lavori termineranno nel 2019. Un progetto che esalta “la purezza, la naturalità e la trasparenza” dell’acqua, come pure dello splendido territorio in cui è immerso lo stabilimento (che sarà aperto al pubblico)

Aziende a vista, sembra essere questo il futuro delle imprese. Ed è proprio quello che farà San Pellegrino dopo il restyling a cura dello studio internazionale Big. Dopo un contest che ha mobilitato architetti provenienti da tutto il mondo, sarà proprio il danese Biarke Ingels a cimentarsi in questa impresa.

Il loro progetto comprende e valorizza l’architettura dello stabilimento esistente, creando una cornice elegante che permetterà ai visitatori di percepire la forza e la purezza della natura alpina circostante. Al centro, una grande riproduzione geologica mostrerà il percorso trentennale dell’acqua naturale, durante il quale si mineralizza e acquista il suo gusto puro e inconfondibile.

san pellegrino factory

Stefano Agostini, presidente e AD di San Pellegrino, ha commentato “Pensiamo che il progetto sia molto coerente con i nostri valori e l’eredità S.Pellegrino. Il focus sulla purezza, la naturalità e la trasparenza è in linea con la nostra mission di garantire all’acqua un futuro di qualità. La proposta delle arcate integra la fabbrica pre-esistente con la vallata circostante e permette di sperimentare visivamente il potere e la purezza della natura circostante. La proposta di BIG si integra e migliora il territorio di origine dell’acqua minerale S.Pellegrino, aggiungendo un tocco di stile moderno”.

Il progetto San Pellegrino Factory

san pellegrino

Sarà un nuovo modo di concepire l’azienda che diventerà così un polo attrattivo turistico. Il filo conduttore della ristrutturazione sarà l’arco. Nel progetto, volte e arcate creeranno una struttura perfetta per incorniciare le acque limpide e le montagne della val Brembana. Al centro dello stabilimento ci sarà una piazza per accogliere manifestazioni ed eventi aperti al pubblico. Nella zona nord sorgerà l’Experience lab dove i visitatori potranno imparare a conoscere la storia delle acque  di San Pellegrino con contenuti tecnologici e interattivi.

san pellegrino factory

Per la San Pellegrino, azienda controllata dalla multinazionale svizzera Nestlè, sarà un investimento cospicuo, pari a 90 milioni di euro. Il progetto, presentato pochi giorni fa alla Fondazione Feltrinelli di Milano, prevede anche uno spazio dedicato ad uffici moderni e nuovi impianti per rendere la produzione più efficiente e sostenibile.

Sito, Pagina Facebook