Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Appuntamenti

TUTTOFOOD 23: il futuro dell’Agroalimentare si incontra a Milano dall’8 all’11 maggio

Dall’8 all’11 maggio il mondo dell’agroalimentare si siede alla grande tavola del TUTTOFOOD 2023. Nei Padiglioni della Fieramilano di Rho soluzioni sempre più innovative e sostenibili da confrontare con duemila espositori e settecento buyer provenienti da 81 Paesi.

Tuttofood, l’evento B2B a cadenza biennale ritorna con numeri da record dopo un’edizione ridotta figlia della pandemia. Quest’anno saranno circa duemila gli espositori e più di settecento i buyer provenienti da 81 Paesi.

Dati che sanciscono la forte ripresa del settore dopo lo stop forzoso imposto dalla Covid-19 e che posizionano la fiera come punto di riferimento per il comparto alimentare nazionale e internazionale.

Quattordici isole tematiche faranno da grandi contenitori per olio EVO, pesce, farine, pasta, ortofrutta, passando per salutismo e digital. E, in ogni settore, le tradizioni alimentari incontreranno l’innovazione con soluzioni che guardano sempre di più verso la riduzione dell’impatto ambientale. Qui si daranno appuntamento produttori, distributori, negozianti, buyer e chef, interessati ai diversi passaggi della filiera agroalimentare di qualità.

Tendenze del mercato sempre più green

Linee proteiche per sportivi plant based. Filiere tracciate dall’orto al piatto. Ingredienti provenienti da pesca gestita in maniera sostenibile. Packaging innovativi totalmente riciclati e alternativi alla plastica. E prodotti meno sofisticati e privi di conservanti. Chi cerca storie, sapori e materie prime più sostenibili, quest’anno a Tuttofood troverà una corsia preferenziale, il Green trail: una sorta di percorso trasversale ad ogni settore con una segnaletica dedicata. La fiera professionale diventa così vetrina di ultime novità, soprattutto nella Startup area, o nel settore Tuttohealth, dove c’è sempre più richiesta di prodotti vegani, da agricoltura biologica, funzionali, freefrom e nutraceutica. Novità che si affiancano alle eccellenze della tradizione enogastronomica italiana Igp, dop e doc, custodi di biodiversità del territorio a cui appartengono, fatto di saperi antichi e metodi tradizionali.

Attenzioni all’impatto generato

Piattaforma di business sì, ma attenta all’impatto generato anche. In linea con il Piano di sostenibilità del gruppo, ispirato agli obiettivi dell’iniziativa globale Net carbon zero events di Ufi, Global association of exhibition industry (che mira a ridurre le emissioni entro il 2030 e azzerarle entro il 2050), le manifestazioni fieristiche come Tuttofood hanno avviato un percorso di misurazione di emissioni di CO2. Lo scopo? Ridurre il più possibile l’impatto generato da tutte le fasi dell’evento fieristico, avvalendosi della Lca, Life-cycle assessment, una metodologia analitica e sistematica che valuta l’impronta ambientale di un prodotto o di un servizio.

Lotta allo spreco alimentare

Ma il cibo ha anche un lato “sporco” che riguarda lo spreco. Non si può, infatti, parlare di alimentazione senza riportare i dati allarmanti raccolti da Tuttofood nell’incontro con il vicedirettore generale della Fao Maurizio Martina. Si stima che gli sprechi alimentari potrebbero sfamare oltre 1,26 miliardi di persone all’anno, abbastanza per nutrire chi ancora nel mondo soffre di fame. E oltre a ciò, il food waste è uno spreco di risorse impiegate per la sua produzione. Proprio per sensibilizzare a un consumo responsabile, la fiera ospiterà l’iniziativa Tuttogood, in collaborazione con Banco alimentare, Pane quotidiano, e altre ong, per recuperare gli alimenti ancora utilizzabili alla fine delle giornate della manifestazione.

Articoli correlati

Expo Riva Hotel. Al via la 42esima edizione a Riva del Garda

Giorgia Galeffi

Taormina Gourmet 2023, al via la X edizione all’ Hotel Diodoro

Manuela Zanni

Spessore: gli chef fanno sistema dopo la pandemia

Camilla Rocca