Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Sabato 20 Novembre 2021

Benevento, la Befana e un liquore che Strega

strega

Per l’Epifania ci siamo catapultati a Benevento dove la Befana è un’icona e dove si produce un liquore storico che, ca va sans dire, hanno chiamato ‘Strega’.

Quanta magia in quella notte. Tra il 5 e il 6 gennaio, la Befana che tutti amiamo fende i cieli a cavallo della sua mitica scopa, sorvola le case e, in barba al suo aspetto arcigno, si cala dai camini per lasciare dolci ai buoni e carbone ai monelli. Di tutte le età.

Mai smettere di appendere la calza al camino. Mai smettere di sognare.

Tra paura e mistero, la Befana nasce dalla fantasia delle leggende popolari. Una tradizione antichissima, l’etimologia del nome richiama l’Epifania, in greco significa ‘manifestazione’. Nel mondo cristiano il riferimento va alla alla visita dei Re Magi al neonato Gesù.

Per l’occasione, ci siamo catapultati a Benevento, città delle streghe per eccellenza. Qui la Befana è una vera e propria icona, la cosiddetta ‘Janara’ specializzata in incantesimi e riti propiziatori. La leggenda racconta di inquietanti figure femminili che d’inverno volavano sui campi per garantirne la fertilità.

strega

Mito a parte, la festa resta. La magia della vecchina con le scarpe rotte che porta doni e avvolge tutto di un’atmosfera che incanta da generazioni.

Strega Alberti, storia di un liquore e di croccanti golosità

Benevento è Alberti. L’azienda che, 150 anni fa, inventò il liquore Strega. Sentito omaggio a quella città legata a filo doppio alle sue famigerate Befane. Oggi siamo ormai alla sesta generazione, i proprietari fanno sempre Alberti di cognome. Una storia di famiglia che inizia nel 1860 con Giuseppe Alberti. L’apertura di un Caffè nella piazza principale della città e la produzione di un liquore che non poteva che chiamarsi così. Strega. Un cammino che, inevitabilmente, incontra il periodo fascista e paga lo scotto dei bombardamenti.

Ma la famiglia Alberti è soprattutto tenacia  e resistenza. Dopo i bombardamenti, una forte ristrutturazione svela un riavvio di produzione più forte che mai. E nel 1946 gli Alberti istituiscono e patrocinano, con la Fondazione Bellonci, il più prestigioso premio letterario italiano. Proprio lui, il Premio Strega.

Il liquore

Il talento della famiglia Alberti sta nel lasciar convivere abilità artigiana e progresso tecnologico. Grazie all’antica sapienza di Maestri dolciari e liquoristi, Strega Alberti è ormai conosciutissima nel mondo.

Nel 1860, evocando un’antica leggenda che racconta Benevento come il punto di ritrovo di tutte le streghe del mondo, nasce il Liquore Strega. Un prodotto assolutamente naturale, ottenuto dalla distillazione di circa 70 erbe e spezie provenienti da ogni parte del mondo. La ricetta è segretissima, il gusto, invece, è ben noto a tutti.

Fine, vellutato, molto versatile, adattto a svariati momenti della giornata. Di piacevole bevibilità. Liscio o ghiacciato, spruzzato sulla frutta oppure come aroma di molti dolci della tradizione. Ingrediente per niente segreto di gelati e cioccolati vari, fino a diventare anche un importante punto di riferimento di quella mixology che, con alcuni cocktail, ama puntare proprio sulla storia. Giallo come il sole, è un liquore che infonde buonumore.

I dolci

Se non dovesse essere abbastanza, Alberti è anche storico produttore di dolciumi di raffinata artigianalità.

Si comincia con il torrone, un impasto di miele e nocciole di Avellino al gusto Strega, ricoperto di cioccolato fondente. Si prosegue con il Pan di Torrone, il torrone al limone, alla mandorla, al cioccolato e poi i torroncini. Piccoli babà allo Strega, ma anche al rhum, al limoncello. I tartufi, le praline. I Goccioloni, richiestissimi cioccolatini fondenti ripieni di liquore Strega.

Menzione a parte meritano i croccantini ricoperti di cioccolato, sono in grado di destabilizzare anche il più austero dei golosi. Invece di scegliere, la migliore delle idee resta quella di regalarsi una scatola assortita. Quelle scatole di latta che anche vuote hanno fatto la storia. Sapore vintage e colori sgargianti, un must have per tutti i feticisti del settore.