Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
PrimiRicette d'Autore

Calamarata napoletana: il primo piatto di mare con la ricetta del ristorante “Al 53”

Calamarata

Il bel tempo ci attira verso piatti leggeri, magari a base di pesce e per un’ottima Calamarata è importante far bene la spesa: ce lo ricorda Angelo Martino, patron della storica insegna partenopea, insieme alla ricetta spiegata passo passo.

Tra i tavoli della storica insegna “Al 53” – il numero civico più famoso di Piazza Dante, a Napoli – si aggirano tutti i capisaldi della cucina di tradizione partenopea. Già annoverata come Osteria Slow Food, “Al 53” è stata inserita anche nella Guida “I Cento”, recente selezione dei migliori luoghi della ristorazione napoletana. Il loro segreto? L’autenticità, e per festeggiare l’occasione, ci siamo fatti regalare una delle ricette più gettonate del momento, la Calamarata.

<<La fortuna di questo piatto, tutto sommato di grande semplicità, oltre che nel gusto, sta proprio nel suo nome, nel gioco di parole tra calamaro e calamarata, che poi è anche il nome del particolare formato di pasta, rotondo come se fosse un anello di calamaro.>>

Dunque, ecco la ricetta facilmente riproducibile a casa, esattamente come Michele Cecere, chef del ristorante “Al 53”, ama proporla ad un’acclamante clientela fatta di amici, turisti e grandi appassionati.

La ricetta

Calamarata napoletana

Ingredienti per 4 persone

400 g di pasta calamarata

700 g di calamari (ancora meglio se totantetti locali)

15 pomodorini del Vesuvio (oppure tipo ciliegino)

2 spicchi d’aglio

q.b. di olio extravergine d’oliva

prezzemolo fresco

sale e pepe

Procedimento

Pulire i calamari, eliminando interiora e pelle (passaggio che si può richiedere alla propria pescheria di fiducia). Affettare i calamari ricavandone anelli spessi circa 2 cm. In una padella ampia, versare 5-6 cucchiai di olio e soffriggervi i due spicchi di aglio, sbucciati e schiacciati. Eliminarli dopo un paio di minuti. Aggiungere in padella i pomodorini, già lavati e tagliati a metà. Coprire e cuocere per 5 minuti, abbassando leggermente la fiamma. Tirare via i pomodorini e metterli da parte (passaggio utile ad evitare il distacco della pelle). Aggiungere in padella gli anelli di calamari e cuocerli a fiamma alta per 2 minuti. Quindi coprire nuovamente e proseguire la cottura, a fiamma bassa, per 10 minuti. Correggere, infine, di sale e pepe. Cuocere la pasta calamarata in abbondante acqua bollente e salata, scolarla decisamente al dente (molto prima di quanto indicato sulla confezione) e aggiungerla in padella con i calamari. “Risottare” la pasta a fuoco medio per portarla a cottura (ma sempre al dente), aiutandosi con la stessa acqua di cottura della pasta (ricca di amido utile ad addensare il fondo). Il risultato dev’essere un sughetto denso e cremoso. Infine, aggiungere anche i pomodorini messi da parte e mantecare tutto insieme per 1 minuto. Servire il piatto ben caldo, con un pizzico di prezzemolo tritato.

Articoli correlati

Natale 2020, cosa bere (made in Sicily) in occasione della ricorrenza più attesa dell’anno

Manuela Zanni

Ravioli ripieni di fonduta di parmigiano

Francesco Gabriele

So Lovely, il dolce di San Valentino di Annalisa Borella

Redazione