Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Notizie

Evoluzione: tutti i premiati della quarta edizione

Il mondo dell’olio si è dato appuntamento a Roma con la quarta edizione di Evoluzione, percorsi per l’extravergine di qualità. Ecco tutti i premiati.

Si è svolta lunedì 28 marzo, negli spazi del Parco dei Principi Grand Hotel di Roma, la quarta edizione di Evoluzione, percorsi per l’extravergine di qualità, l’evento di valorizzazione dell’olio extravergine organizzato da La Pecora Nera Editore e Oleonauta.

Un’occasione unica per gli addetti del settore per conoscersi e farsi conoscere dai buyer e dagli operatori tra tavole rotonde, degustazioni e incontri a tema. Ma Evoluzione è stata anche l’opportunità per presentare la guida, cartacea e digitale, contenente le schede tecniche degli oli dell’ultima raccolta redatte da Simona Cognoli.

Gli incontri
evoluzione

Nel corso della giornata si sono svolti incontri con cinque grandi esperti come Eleonora Quattrociocchi, Luciana Squadrilli, Gianfranco De Felici, Cristina Falcinelli e Luigi Centauri che hanno condotto delle degustazioni guidate ad accesso libero, anche in lingua inglese. Ad arricchire il programma le conferenze tenute dai partner di Evoluzione: pOsti che ha illustrato come soluzioni basate sulla tecnologia blockchain possano aiutare a valorizzare la produzione olivicola di qualità, Elaisian che ha presentato il primo sistema DSS sull’olivicoltura e Spoolivi che ha mostrato come il futuro dell’extravergine di qualità sia legato al vivaismo olivicolo.

Evoluzione è stata pure l’occasione per avvicinare i giovani al mondo dell’olio EVO. La professoressa Livia Leoni del Dipartimento Scienze – Università Roma Tre (che ha patrocinato l’evento) ha presentato il Corso di Laurea “Scienze e Culture Enogastronomiche” a una platea di studenti dell’ultimo anno degli istituti alberghieri.

“Siamo soddisfatti di aver potuto finalmente riprendere in presenza il nostro progetto di valorizzazione dell’olio EVO – le parole di Simone Cargiani de La Pecora Nera Editore – e ci ha fatto piacere vedere operatori e produttore confrontarsi su diverse tematiche”. “Molto piacevole pure il clima che si è creato fra i produttori” – prosegue Fernanda D’Arienzo, socia della casa editrice – con assaggi reciproci e scambio di opinioni, per un’atmosfera di collaborazione costruttiva”. 

“Evoluzione ha confermato la validità di un format che mira a una formazione tecnica sull’olio extravergine di oliva fruibile dagli operatori della ristorazione e della gastronomia e al tempo stesso a una grande opportunità di business per tutti i partecipanti”. Così ha commentato Simona Cognoli, CEO&Founder di Oleonauta, che in vista della prossima edizione ha aggiunto: “Per noi si è trattato di una ripartenza, complicata nella gestione, che ci vede impegnati su diverse attività per dare continuità ai lavori fino alla prossima data, che torneremo ad anticipare sui tempi. Evoluzione vuole essere il primo appuntamento dell’anno dedicato alla presentazione delle migliori etichette italiane: una vera e propria anteprima per tutti. Se le condizioni ce lo consentiranno, riprenderemo in considerazione anche l’apertura verso alcuni operatori scelti dall’estero”.

Protagonisti dell’evento sono stati i produttori che, accompagnati da Saula Giusto – esperta in cultura enogastronomica – hanno raccontato la loro storia aziendale in singole interviste, a breve scaricabili dal web. Per alcuni di loro è stata una “prima presentazione” della propria azienda, nata nell’ultimo anno e uscita ufficialmente sui canali di Evoluzione.

Premi e riconoscimenti

Grande attenzione è stata data anche agli operatori capaci di valorizzare l’olio extravergine di oliva nella cucina o nell’offerta gastronomica, che entrano a far parte della grande community “Gli EVOluti”: è stato consegnato loro un attestato in occasione di due presentazioni magistralmente condotte da Marco Di Buono, voce ufficiale dell’evento.

Tra questi, il ristorante Livello1 di Roma. A ritirare il riconoscimento la patron Emilia Branciani, che ha dichiarato: “Quando ero piccola andavo sempre nei frantoi con mio padre, una sorta di assaggiatore casalingo, a provare con un pezzo di pane con l’olio nuovo. Questo ricordo speciale mi accompagna anche oggi che cerco dispendermi al meglio per la cultura dell’olio extravergine d’oliva attraverso il progetto del mio ristorante Livello1. Il merito di tutto questo è anche dello chef, che condivide con me questa passione per l’olio, e del mio compagno Claudio Montingelli. Voglio poi aggiungere che ricevere questo premio mi rende molto orgogliosa, e ci tengo a ringraziare sia Evoluzione che La Pecora Nera per avercelo assegnato”

evoluzione

A sugellare le premiazioni i riconoscimenti speciali Evoluzione 2022 consistenti in una targa in porcellana dipinta con la tecnica dell’oro antico realizzata dall’artista italo giapponese Yuriko Damiani. Nella categoria “Gelateria dell’Olio” il premio è andato a Greed – Avidi di Gelato di Frascati (RM), per la “Pizzeria dell’Olio” è stata premiata Mater di Fiano Romano (RM), per il “Ristorante dell’Olio” ll Patriarca a Bitonto (BA), mentre per il “Menù dell’Olio” il premio è andato a Tommaso Tonioni. Inoltre, sono stati consegnate due targhe anche alla Strada dell’olio DOP Umbria per il premio “Turismo dell’olio” e alla giornalista Fabiola Pulieri, che ha vinto il Premio “Comunicazione dell’Olio”.

In chiusura di giornata, infine, la presentazione del “premio solidale” istituito per omaggiare con la partecipazione gratuita all’evento un’azienda che si è particolarmente distinta in progetti di alto valore sociale. In questa quarta edizione il premio è andato alla Olearia San Giorgio dei Fratelli Fazari che ogni anno finanziano una borsa di studio destinata alla migliore tesi di laurea in ambito tecnico – scientifico e di interesse per il mondo dell’olio.

Articoli correlati

Gianluca D’Agostino, chef stellato di quella Napoli che si riorganizza

Nadia Taglialatela

Ristorazione tra rivolte regionali e reazioni cittadine: il caso della Calabria e le promesse di Roma

Sara De Bellis

Chiara Soldati: “c’è grande voglia di Made in Italy, sta a noi proporlo nel migliore dei modi”

Sara De Bellis