Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Sabato 20 Ottobre 2018

Il Vesuvio si riaccende con i vini della Cantina Matrone

cantina matrone

Coltivazioni ad alberello e varietà scomparse in quattro ettari con vista mozzafiato sul Vesuvio e sul Golfo di Napoli

Quella raccontata dalla Cantina Matrone è la storia di una famiglia, ma anche di un territorio ricco di bellezza e prodotti di eccellenza. È la storia di Andrea Matrone, giovane enologo e vignaiolo FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti) che, dopo un lungo periodo all’estero tra Australia, Nuova Zelamda, California e Sicilia, ha voluto ritornare alle origini della sua famiglia, recuperando le vigne di nonno Andrea a Boscotrecase, in contrada Campaniello, per creare Cantina Matrone.

Quattro gli ettari in totale (altri quattro sono in arrivo), frazionati in appezzamenti dal panorama mozzafiato tra il Vesuvio e il Golfo di Napoli. Una delle vigne, detta “Panoramica”, è situata a 250 metri dal livello del mare ed è composta da un ettaro di filari a spalliera che guardano a sud verso il mare, mentre alle spalle ha il vulcano. In zona è detta anche Vigna Tre Moggi. Qui Andrea, insieme a suo cugino Francesco, coltiva Caprettone ma anche varietà quasi scomparse come l’Uva Rosa, molto diffusa un tempo anche tra le colline all’interno delle mura di Napoli, e uve a bacca nera Cancello e Colonna.

Altri tipi di uva sono invece coltivati a 300 metri sul Vesuvio, in quella chiamata Vigna Montagna. In terra si nota una forte e suggestiva presenza di colata di lava dell’eruzione del 1906, quindi il suolo è giovane, ricco di lapilli e elementi minerali ideali per la crescita del piedirosso, qui detto per’ ‘e palumm’, insieme al piccolo impianto ad alberello dedicato al nonno, prende infatti il nome di Nonno Andrea.

La viticoltura ad alberello è una pratica antica dettata dalla scarsa disponibilità di acqua e dal clima sfavorevole. Questa tecnica, molto adatta ai terreni vulcanici, consente la crescita delle piante senza l’utilizzo di pali o supporti ma obbliga il viticoltore a lavorare esclusivamente con le mani. Parliamo di circa 7200 piante che in vendemmia producono circa 600 grammi di uva ciascuna. Una vera e propria impresa per una piccola azienda come Cantina Matrone.

Info Utili

Cantina Matrone

Via Tenente Luigi Rossi 16 – 80042 Boscotrecase (NA)

Telefono: +39 3392841451

Sito.