Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Martedì 31 Gennaio 2023

La Galette des Rois: l’Epifania a Roma ha il sapore di frangipane

La Galette des Rois

Croccante fuori e morbido dentro, la Galette des Rois è un dolce di pasta sfoglia con un ripieno di crema frangipane e mandorle tipico dell’Epifania nel nord della Francia ma non solo. Da ormai molti anni, nella prima settimana di gennaio, le vetrine delle pasticcerie capitoline lo espongono in bella mostra, ingolosendo adulti e bambini. Noi vi consigliamo così quattro indirizzi per acquistarlo in città.

Il rush finale delle festività invernali è alle porte. L’Epifania, puntuale come ogni anno, si prepara a concludere la maratona dei pranzi e delle cene in famiglia, dello scambio di regali e delle abbuffate di dolci e grandi lievitati. Ma prima di riporre nelle scatole addobbi, decorazioni e lucine, il 6 gennaio ci pone di fronte all’ultimo sforzo gastronomico del mese.

Tra le calze, il carbone, il dolci al cioccolato e i fiumi di caramelle però, da qualche anno in Italia, e soprattutto a Roma, si sta facendo avanti un’altra golosa tradizione proveniente dalla Francia. Si tratta de La Galette Des Rois, un dolce molto diffuso tra i nostri cugini d’Oltralpe e ora largamente presente anche nelle vetrine delle nostre pasticcerie nei primi giorni dell’anno.

La storia

La Galette Des Rois, o torta dei re, è un dolce di pasta sfoglia ripieno di crema frangipane a base di crema pasticcera e mandorle. Le sue origini sono molto antiche. Si dice che affondi le radici nella Roma antica, ai tempi delle popolari Festività delle Saturnalia in onore del dio Saturno. Con l’avvento del Cristianesimo poi, nei paesi francofoni, la torta dei Re iniziò a rappresentare simbolicamente l’incontro dei Re Magi con Gesù bambino anche se non mancano dolci simili in altri paesi come l’America e la Spagna.

Molto diffusa alla corte di Carlo Magno, poi, la Galette Des Rois è nota soprattutto per il suo carattere ludico. Al suo interno, infatti, tra uno strato e l’altro di pasta sfoglia, è racchiusa una “fève”, una fava secca o, ai giorni nostri, un piccolo oggetto. Chi lo trova nella propria fetta viene proclamato re per un giorno.

Dove trovarla

Tante sono le pasticcerie capitoline che la propongono in questo periodo dell’anno. Si tratta di indirizzi, laboratori o bistrot, d’ispirazione francese ma non solo.

Primo fra tutti, Le Carrè Français (ve ne avevamo parlato qui), l’ambasciata del gusto transalpino a Roma, nel quartiere Prati, che, grazie alle sapienti mani dello chef pâtissier Robin Sabassier, ne propone una variante fedele in tutto all’originale parigino. Insieme alla torta, viene venduta anche una corona di cartone dorata che dovrà esser indossata da chi troverà la “fève” che per l’occasione sarà un mini macaron o una piccola baguette.

Non lontano, sempre nel quartiere Prati, un’altro indirizzo di stampo francese propone il tradizionale dolce dell’Epifania. Parliamo di Madelenine Salon de Gastronomie , il bistrot parigino che si avvale della maestria della pastry chef Francesca Minnella per il suo banco di pasticceria. Aromatizzata al limone, alla vaniglia e impreziosita dal rum, la sua crema frangipane è un tripudio di gusto e dolcezza racchiuso un uno scrigno di sfoglia croccante.

Spostandoci più al centro di Roma, in zona Trastevere, Le Levain, nota boulangerie di origine francese, propone la sua versione de La Galette Des Rois con una “fève” personalizzata all’interno, una corona di cartone e tutte le istruzioni per giocare in tavola con i propri cari. E per i più fortunati con l’acquisto della torta ci sarà la possibilità di partecipare a un’esclusiva Lab Experience insieme allo Chef Giuseppe Solfrizzi, all’interno del laboratorio.

Altro quartiere, altra Galette Des Rois. In zona Monte Mario, più precisamente in via dell’Acquedotto del Peschiera, Andrea Fiori, pastry chef di Con.tro Contemporary Bistrot ha già riempieto le vetrine dell’angolo pasticceria con le sue “torte dei re” dalla doratura impeccabile che racchiudono un goloso tocco dello chef: la confettura di lamponi unita alla crema frangipane. Ancora più dolcezza, dunque per un dessert simbolo dell’Epifania.