Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Lunedì 22 Luglio 2019

Vini dolci e colombe di Pasqua. Consigli ed errori da evitare

colombe

Tradizionali, innovative, artigianali o industriali, anche per questa Pasqua le colombe non mancheranno sulle tavole degli italiani. Ma quali vini si possono abbinare a questo tradizionale dolce delle feste? Ecco i nostri consigli

Siamo a Pasqua. Che abbiate deciso di festeggiarla fuori casa, al ristorante o da amici, o che preferiate dedicarvi in prima persona a cucinare il pranzo pasquale, che sia tradizionale o alternativo, se c’è una certezza è che sulla vostra tavola , a fine pasto, non mancherà il dolce simbolo di questa ricorrenza ovvero la colomba.

Non esiste, infatti,  tavola sulla quale per Pasqua non si “posi” un dolce morbido e profumato a forma di colomba, che è il simbolo dello Spirito Santo, e che ha assunto, a pieno titolo, il ruolo di dolce simbolo pasquale proprio come il panettone lo è del Natale. 

Nel tempo l’impasto originale, a base di farina, burro, uova, zucchero e buccia d’arancia candita, con una glassa alle mandorle, ha  assunto varie forme e varianti pur sempre facendo della morbidezza e del profumo le sue caratteristiche peculiari.

Che abbiate scelto di comprarla artigianale o industriale (qui trovate le migliori in commercio) o, addirittura, di prepararla  con le vostre mani,  dovrete essere altrettanto bravi a scegliere il giusto abbinamento con il vino dolce.

Sebbene esitano, ormai, infinite varianti  del dolce  pasquale per antonomasia, gli ingredienti immancabili della colomba sono senza dubbio l’uvetta e i canditi. L’impasto, infatti, è arricchito dalla presenza soprattutto di scorzette d’arancia candita e uvetta. La glassa di zucchero, che la ricopre, invece, è guarnita con mandorle , intere o a lamelle, e nocciole.

Si tratta di un dolce contraddistinto da una dolcezza non troppo marcata, che è da attribuire alla copertura di glassa di zucchero più che all’impasto stesso. Tuttavia, al di là della dolcezza, le sfumature di sapore date dall’arancia candita e dall’uvetta sono fortemente caratterizzanti.

I vini che si sposano perfettamente con questo dolce sono innanzitutto dei vini dolci o liquorosi. Non bisogna assolutamente fare l’errore grossolano di voler “smorzare” la dolcezza di un dessert come questo con un brut o con uno spumante secco. In particolare, il vino da abbinare alla colomba pasquale deve essere, preferibilmente,  prodotto con uve bianche, morbido, fruttato e molto aromatico.

Noi abbiamo scelto per voi alcuni vini dolci siciliani che riteniamo essere perfetti per essere abbinati ai profumi, aromi e sapori della colomba  e ve li proponiamo di seguito.

Pacènzia- Tenute Orestiadi – Zibibbo – Vendemmia Tardiva

Vendemmia tardiva di Zibibbo dagli eleganti sentori di agrumi canditi, dal sapore mielato e avvolgente, con spiccate note di frutti maturi. Un mix di eleganza, unicità, diversità e tipicità. Un vino moderatamente dolce, fresco ed equilibrato che si adatta perfettamente a colombe di tipo mediterraneo con sentori agrumati.

Ben Ryé Passito di Pantelleria

Il “figlio del vento” non ha bisogno di presentazioni, per lui parlano le spiccate note di albicocca e sentori di frutta candita e di erbe aromatiche ed una straordinaria persistenza e acidità che invogliano alla beva. Per colombe  tradizionali.

Passula Candido Vendemmia tardiva da Inzolia

Colore giallo oro. Naso  complesso con sentori di frutta  a polpa gialla come pesca e albicocca che ne evidenziano l’aromaticità. In bocca esplode una bella vaniglia esaltata dall’affinamento in legno e chiude con un intrigante finale di mandorla amara che ne smorza la dolcezza al palato. Perfetto con colombe tradizionali.

Ponterosa Incarrozza – Petit manseng in purezza

Colore ambrato con riflessi dorati. Naso intenso di canditi e confettura di albicocche. In bocca la spiccata freschezza smorza la dolcezza di fichi secchi e pasta di mandorle e il sorso si chiude con la giusta acidità che regala un finale lungo e persistente. Per colombe tradizionali.

Passito di Pantelleria Ferrandes

Caratterizzato da spiccati sentori di albicocca, dattero e arancia candita mitigati da una persistente acidità che ne impedisce la stucchevolezza rendendo ogni sorso un autentico inno alla gioia. Per colombe tradizionali.

Malvasia delle Lipari Passito Hauner

Colore giallo ambrato con evidenti sfumature dorate. Naso intenso di fichi secchi, datteri, albicocche disidratate, miele e spezie dolci. In bocca il sorso è ampio e dolce e avvolge il palato con morbidezza e calore, sostenuto da una moderata freschezza che ne impedisce la stucchevolezza. Per colombe tradizionali.

Moscato delle Rose-Cossentino

Colore rosso rubino brillante. Al naso inebria con eleganti note fruttate di ciliegie rosse ed amarene, speziate di chiodi di garofano, cannella e sentori agrumati. In bocca è fresco ed  avvolgente con un sorso dolce mai stucchevole. Finale piacevolmente persistente. Indicato con  colombe  con copertura al cioccolato e/o con creme di farcitura dai sapori decisi.

Marsala Superiore Rubino

Colore rosso rubino intenso. Al naso intense note di frutta rossa matura come ciliegia marasca e prugna. In bocca è vellutato con sorso dolce, caldo e armonico e tannino elegante. Darà il meglio di sé con dolci al cioccolato o ai frutti di bosco. Indicato con  colombe con copertura al cioccolato o con creme di farcitura dai sapori decisi.

Kaid  SyrahVendemmia Tardiva –Alessandro di Camporeale

Colore rosso rubino. Al naso i profumi di viola e frutti di bosco uniti ai sentori di spezie miste regalano un olfatto raffinato ed elegante. Al palato il sorso è armonioso ed equilibrato e chiude con una piacevole nota astringente che ne impedisce la stucchevolezza.Ideale per esaltare colombe con farcitura e/o copertura al cioccolato fondente.

Frescodivigna Spumante dolce  Florio

Spumante dolce dal colore giallo paglierino brillante. Il naso rivela profumi intensi ed armonici tra cui si evidenziano sentori di pesca, albicocca e note agrumate. Al palato è fresco e brioso, ben equilibrato e di grande piacevolezza. Per chi proprio non vuole rinunciare al solletico della bollicina sul palato. Adatto con colombe tradizionali.