Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Libri

Calici&Spicchi, il libro di Antonella Amodio che abbina i vini alle pizze

calici&spicchi

È in libreria Calici&Spicchi: con Malvarosa Edizioni, la prefazione di Luciano Pignataro e cento abbinamenti pizza-vino, vi raccontiamo il gran bel lavoro della giornalista e sommelier Antonella Amodio.

Calici&Spicchi è un libro utile, il primo a dedicarsi con specificità all’abbinamento del vino con la pizza. Insieme, è un libro dal potente impatto visivo – marchio di fabbrica dell’editore Malvarosa – e fa davvero piacere sfogliarlo, anzi, proprio gustarlo, pagina dopo pagina. In copertina, con uno scatto della fotografa Angelica De Simone, c’è l’autrice Antonella Amodio, giornalista e sommelier casertana, ritratta nell’eleganza che la contraddistingue, come persona e come professionista.

Co-autrice di guide specializzate nel settore dell’enogastronomia, Antonella Amodio la indovini per la sensibilità raffinata e competente nel racconto del vino e dintorni. Appassionata di cucina ed esperta di pizza, oggi ci presenta un libro che è il frutto di tre anni di lavoro, documentati anche dalla rubrica settimanale che, sullo stesso argomento, firma sul Luciano Pignataro Wine&Food Blog. Ed è proprio di Luciano Pignataro, voce autorevole del giornalismo enogastronomico campano ed italiano, l’accurata prefazione ad un libro che incrocia, per la prima volta, due settori caldi della ristorazione contemporanea: il vino e la pizza.

Il libro Calici&Spicchi

Antonella Amodio cita “Viaggio in Italia” di Goethe tra le sue letture del cuore e non è un caso se, quando è toccato a lei scrivere, la linea ispiratrice sia stata proprio quella del viaggio, un percorso che attraversa il nostro paese, suggerendo cento modi per abbinare i vini alle pizze.

<<Abbinare per colore e per territorio sono sicuramente i primi consigli che mi sento di fornire a chi è desideroso di muovere i primi passi sull’argomento>>, suggerisce la Amodio. E valeva la pena esplorare un fenomeno, quello del vino in pizzeria, che oggi appare innovativo, ma che in realtà appartiene da sempre alla nostra storia. La birra è arrivata molto dopo e non per rispondere a criteri di abbinamento, ma per semplicità di somministrazione e per i suoi prezzi contenuti. Ed anche perché il vino ha dovuto affrontare diversi momenti di crisi, come sottolinea anche Luciano Pignataro nella prefazione di Calici&Spicchi.

<<Complici il vino del contadino anni ‘80 e dell’eccessivo uso del legno delle barrique nel decennio successivo, intorno al vino si è creato un linguaggio difficile che appare riservato agli esperti>>. E così la gente si è allontanata, non si è sentita all’altezza, trovando consolazione nella semplicità di una birra fresca. <<Sarebbe meraviglioso, invece, che l’approccio al vino diventasse una materia di studio obbligatoria nelle scuole>>, continua Luciano Pignataro, sottolineando l’attuale paradosso tra civiltà evoluta e distanza dal rapporto amicale con la bevanda più celebrata da sempre.

Nel libro ci sono stili di pizza differenti e relativi abbinamenti con il vino: Antonella Amodio, con Calici&Spicchi, ha messo in luce nuovi scenari anche per i produttori di vino, rigenerati dalla possibilità di essere presenti in nuove ed affollate vetrine, le pizzerie appunto. A patto che il cerchio riesca a chiudersi in un intreccio di cultura che deve riguardare tutti: il ristoratore con il suo staff, i vignaioli, la comunicazione di settore e, lentamente, anche il consumatore. Quest’ultimo sempre meno spaventato da calici roteanti e nasi da segugio, perché accolto in una dimensione che tornerebbe ad essere un momento edonistico, un dialogo privato o da condividere a tavola.

Tra i protagonisti del libro, ci sono grandi pizzaioli e famose pizzerie e si dice che la coppia perfetta sia quella in cui c’è complicità e non prevaricazione. Pizza e vino non fanno eccezione e siamo d’accordo con Luciano Pignataro quando dice che, tecniche a parte, l’abbinamento da fuoriclasse – quello che non deriva da calcoli ingegneristici, ma dall’umanità stessa del sommelier o del consumatore attento – sia quello in cui piatto e bicchiere si esaltano a vicenda, creando un terzo sapore che non vedi l’ora di assaggiare di nuovo.

Calici&Spicchi di Antonella Amodio è disponibile in libreria.

Articoli correlati

Di Grano in Grano, la dichiarazione d’amore ai cereali di Sara Papa e Antonio Polzella

Giorgia Galeffi

Couscous. Koinè culturale dei popoli. Dal Maghreb all’Italia, la storia millenaria di uno dei piatti simbolo del Mediterraneo

Manuela Zanni

Street Food 2017: i premi del Gambero Rosso

Francesco Gabriele