Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Martedì 29 Settembre 2020

Dining Bonds, i voucher d’autunno degli stellati romani

dining bonds glass hostaria

Continua l’esperienza dei dining bonds nei ristoranti stellati di Roma. Ecco le nuove proposte di Imàgo e Glass Hostaria

Di dining bonds se ne è parlato tanto nei mesi di lockdown quando i ristoranti erano stati costretti a tenere abbassate le saracinesche. Oggi torniamo a raccontarvi dei voucher stellati per una serie di nuove iniziative autunnali portate avanti dai grandi nomi della ristorazione capitolina.

Per chi ancora non lo sapesse, i dining bonds che tanto hanno spopolato nei mesi passati sono dei buoni per delle cene da acquistare ora (a prezzi ridotti) per poi esser consumati nei mesi successivi. Una trovata semplice ma efficace che ha permesso non solo a tanti locali di limitare i danni causati dalla chiusura forzata delle attività, ma anche agli appassionati di alta cucina di acquistare esperienze gourmet a prezzi contenuti.

Durante i mesi di lockdown, il fascino dei dining bonds, che aveva colpito tantissimi ristoranti in giro per l’Italia, non aveva risparmiato gli stellati della Capitale. Tanti i volti noti che avevano aderito da Aroma al Convivio Troiani fino ad arrivare a Glass Hostaria di Cristina Bowerman e Imàgo, il ristorante dell’Hotel Hassler capitanato dal giovane chef Andrea Antonini.

Sono proprio questi ultimi due a continuare, anche per la stagione autunnale, l’iniziativa dei dining bonds.

Imàgo

Il primo a dare l’annuncio è stato Roberto E. Wirth, proprietario e general manager dell’Hotel Hassler: “Abbiamo lavorato molto nel post lockdown e per ringraziare i clienti che hanno sostenuto la nostra ripresa, proseguiremo con il voucher anche nei prossimi mesi. Lo spirito dell’Hassler fin dal giorno della sua fondazione è stato quello di essere la casa avita dei propri ospiti e testimonia questa sua vocazione all’accoglienza proponendo questo speciale menu per fare conoscere sempre di più Imàgo e far vivere un’esperienza straordinaria.

Tra l’altro, nella sua storia, lunga più di 125 anni, l’Hassler può vantare il primato di essere stato il primo hotel in Italia a trasferire, nel dopoguerra,il ristorante sulle sue terrazze panoramiche!  Inoltre, durante la primavera e l’estate abbiamo avuto tantissimi giovani che hanno approfittato di questa facilitazione per fare una esperienza gastronomica esaltante e inaspettata, anche grazie al panorama mozzafiato e inedito delle terrazze del 7° piano, aperte per la prima volta al pubblico. Così, abbiamo deciso di dar seguito anche per l’autunno/inverno con la proposta dei dinner bonds, perché sia, davvero, l’evento gastronomico dell’anno”.

I voucher di Imàgo cambieranno per rendere ancora più unica l’esperienza gastronomica. Infatti, per questo nuovo Imàgo dinner bond, sempre ad edizione limitata, verrà proposta una nuova formula autunno/inverno a Euro 200 a coppia (utilizzabile fino al 30 dicembre, festività escluse) per un raffinato e sorprendente menu degustazione di 6 portate con appetizer iniziali, pre-dessert e piccola pasticceria. La nuova formula non obbliga il commensale al wine pairing ma lascia liberi i wine lovers di scegliere il loro vino preferito: in ogni caso, per coloro che volessero affidarsi al sommelier viene proposto un abbinamento vini appositamente studiato per possessori del voucher a Euro 50 a persona.

Come è noto, lavoro molto sulla stagionalità degli ingredienti – afferma Andrea Antonini – e nel prossimo menu, che chiameremo Esperienza d’autunno non rimarrà nemmeno uno dei piatti che abbiamo avuto fino adesso in carta. Ho molto riflettuto in questi mesi e ho tradotto questo tempo in un nuovo percorso con ricette tutte italiane totalmente inedite. E se in estate la mia cucina si manifesta come leggera sia a livello calorico che come numero di ingredienti, in equilibrio tra acidità e dolcezze, andando incontro all’inverno il gioco cromatico cambia e i colori si fanno teatrali. Sono solito usare meno vegetali e comunque solo del periodo per supportare un menu più importante, dai sapori intensi, in cui il dolce si farà sentire con maggiore forza”.

Glass Hostaria

Anche Cristina Bowerman, patron di Glass Hostaria, proseguirà l’esperienza dei dining bonds iniziata durante il lockdown. Ai voucher del costo di 125 euro, disponibili fino al 2021, la Chef ha inoltre accostato dei pacchetti “tasting” dal costo variabile (da 100 a 140 euro) con 6 portate più wine pairing. Ma non solo. Disponibili sul sito del ristorante anche box regalo composte dal libro scritto dalla stessa Bowerman, grembiule da cucina e una bottiglia di Olio Flaminio.

Per una cena ancora più esclusiva e romantica poi, Glass Hostaria mette a disposizione anche dei voucher per le cene delivery: menu in 4 portate compresi di aperitivo, fiori e altre sorprese “a tempo” da gustare comodamente a casa.

“Non vogliamo portarvi a casa solo il cibo. – spiega la Bowerman in un video – Vogliamo portarvi il ristorante a casa. Vi arriveranno cinque buste con fiori, che potete mettere a tavola, dei regali a tempo e anche un regalo personale per voi. Lo facciamo per far godere ai nostri clienti l’atmosfera del ristorante, pur non essendo qui. Le buste arriveranno con il taxi e non con un servizio delivery normale perché vogliamo il massimo della perfezione. Ma non dimenticate, questo è un ristorante. Dovrete venire qui prima o poi.”