Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Notizie

#MilanoNonSiFerma: 100.000 euro raccolti dell’Unione dei Brand della Ristorazione Italiana

#MilanoNonSiFerma

La somma di 100.000 euro è stata raccolta in una sola settimana per il contenimento della diffusione del Covid-19 a favore di Croce Rossa e Anpas dalla campagna #MilanoNonSiFerma

#MilanoNonSiFerma. Al grido di battaglia dell’Unione dei Brand della Ristorazione Italiana, creata lo scorso 24 febbraio per dare un segnale di presenza e supporto ai cittadini, ha raccolto 100.000 euro per il contenimento della diffusione del Covid-19 a favore di Croce Rossa e Anpas, autotassandosi.

Una rappresentanza di oltre 10.000 lavoratori impegnati in un comparto in grave sofferenza dalla diffusione del Coronavirus, quello della ristorazione e dei consumi fuori casa. Le due associazioni hanno destinato le somme ricevute all’acquisto di apparecchiature e materiali sanitari. I promotori dell’iniziativa sono Antonio Civita (Panino Giusto), Vincenzo Ferrieri (CioccolatItaliani) e Nanni Arbellini (Pizzium), ma il numero degli aderenti sale ogni giorno: “La nostra situazione è estremamente critica, ma quando abbiamo deciso settimana scorsa di tenere la città “aperta e accesa” attraverso più di 1000 locali che fanno parte dell’Unione, abbiamo voluto esprimere a tutti un messaggio di solidarietà e unione. Il video #milanononsiferma è una carica di coraggio che, ad oggi, è stata visualizzata da oltre 50 milioni di persone”.

E davvero Milano non si può fermare, pena la recessione economica italiana. “Ora stiamo studiando iniziative di comunicazione che mostrino al mondo Milano come quella città unica e attraente che è, per il suo stile di vita e per tutti i suoi tesori, tra cui il cibo e l’accoglienza” proseguono i tre. Ogni ristorante sta inoltre attuando delle iniziative personali per combattere una crisi ormai prima di tutto economica che sanitaria.

Una lista di ristoranti che non si ferma, come quella Milano che è sempre stata traino dell’economia del Bel Paese, ma che oggi si attesta su questi nomi, che riportiamo in ordine alfabetico: 12oz, 5roosters, Basara Bhangrabar/Long Island Navigli, Birreria Italiana, Bomaki, Bowls and More, Briscola Pizza Society, Bun-The Abnormal Burger, Caffè Napoli, Calavera, Ca’pelletti, Change food srl, CioccolatItaliani,  Circle, Cocciuto, Da Zero – Pizza e Territorio, Deliveroo, Deseo, Dispensa Emilia, East River American Pub/Pils Pub, El Porteno, Fede Group, Flower Burger, Fresco & Cimmino, Fud Bottega Sicula, Gelateria Rigoletto, Ghe Sem, Giangusto, GL group italia srl, Glovo, God Save the Food, Gran Caffè Cimmino, Hamerica’s, Healthy Color, I Love Poke, Il Mannarino, Jazz Caffè, Just Eat, Kentucky Fried Chicken, Ktchn Lab, La Belle Alliance, La Cantina del Giannone, La Filetteria italiana, La Piadineria , La Tartina,  Le Biciclette/Gud/Terrazza Triennale, Lievità, L’Ov Milano, Lùbar, Macha Cafè, Mani in Pasta, Mare in Pasta, Milano Restaurant Group, Muu Muuzzarella, Mymenu, Old Wild West, Osteria Brunello, Pandenous, Panini di Mare, Panini Durini, Panino Giusto, Pie – Pizzeria Italiana Espressa, Pizzeria Marì, Pizzikotto, Poke House, Pokeria by Nima/Nima Sushi, Poku by Bomaki, Roadhouse, Rossopomodoro, Sagami, Sapori Solari, Savini Group, Signorvino, Spiller, Temakinho, Terrazza Calabritto, Terry srl,That’s Vapore, The Fisherman, The Friends, This is not a Sushibar, Tom – The Ordinary Market, Twin’s Cafè, Ubereats.

Articoli correlati

Paolo Marzotto, ci lascia il grande imprenditore del vino e del tessile

Camilla Rocca

Gunther Gelato: anche a Natale puoi!

Valentina Franci

“L’Umbria con Vista” di Trippini: storia di cucina e famiglia tra origini e contemporaneità

Sara De Bellis