Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Martedì 26 Marzo 2019

Tradizione e innovazione: i migliori ristoranti di Roma

ercoli

Quali sono i migliori ristoranti innovativi e i migliori ristoranti della tradizione di Roma? Queste sono le nomination di MangiaeBevi

La Capitale pullula di locali e ristoranti che propongono menu per tutti i palati e tutte le tasche. Romani e turisti possono scegliere tra ristoranti “storici” e fedeli alla tradizione e altri più recenti, che si spingono oltre, sperimentando soluzioni innovative, talvolta anche ardite. Due correnti di pensiero totalmente diverse che trovano comunque i propri numerosi estimatori.

In occasione del Premio MangiaeBevi – Le Eccellenze di Roma, che si terrà il 27 marzo al Teatro Parioli, abbiamo selezionato cinque ristoranti tradizionali e cinque innovativi.

I Migliori 5 Ristoranti della Tradizione

 

Alfredo alla Scrofa

alfredo alla scrofa

Aperto nel 1907, Alfredo alla Scrofa è una tipica locanda nel cuore di Roma. Le sue fettuccine hanno fama internazionale, condite con il burro e mantecate al tavolo davanti ai clienti. Nel menu troviamo anche i rigatoni cacio e pepe, amatriciana, carbonara, saltimbocca alla romana e tagliata di manzo. Tra i dolci il tiramisù alla Alfredo.

Via della Scrofa 104. Telefono 0668806163. Sito.

 

Antica Pesa

antica pesa

Ambiente elegante, luci soffuse, pareti affrescate. La cantina comprende oltre 1100 etichette, è termoregolata e posizionata in un ambiente tufaceo. Il menu prevede i grandi classici della cucina romana come la cacio e pepe, amatriciana o carbonara. Tra i secondi troviamo il filetto di vitella alla saltimbocca con spinaci saltati, uvetta e pinoli. Tra i dolci invece cheesecake al cioccolato fondente con arachidi salate e salsa al curry oppure la cocotte di pere al moscato, crumble salato di mandorle e spuma all’Indian Chai.

Via Garibaldi 18. Telefono 065809236. Sito.

 

Camponeschi

camponeschi

 

Elegante e raffinato, Camponeschi si distingue per la sua cucina varia e creativa. Non mancano mai le specialità stagionali come il tartufo, la cacciagione, il pesce e la carne. Consigliamo in particolare i gamberi rossi in carpaccio con emulsione di lime e melograno, la tartare di spigola con capperi, i ravioli di ricotta salata con fiori di zucca, zafferano e prosciutto e gli gnocchi di patate e spinaci con tartufo.

Piazza Farnese 50. Telefono 066874927. Sito.

 

La Matriciana

la matriciana

Aperta nel 1870, il locale è ora sotto la guida della famiglia Crisciotti. All’interno si respira ancora l’atmosfera degli anni ’30. La cucina ha un’impronta tipicamente romana con qualche nuova proposta per quanto riguarda i prodotti stagionali. Dal nome, nel menu non potevano di certo mancare i bucatini all’amatriciana. Tra i primi anche le fettuccine con i carciofi o con il tartufo nero ma anche mezzemaniche al pomodoro con cozze e pecorino.

Via del Viminale 44. Telefono 064881775. Sito.

 

Rinaldi al Quirinale

Rinaldi al Quirinale

Ambiente esclusivo ed elegante. Luci soffuse, fiori e candele su ogni tavolo. Il menu è un trionfo di sapori: crostacei al frutto della passione, ostriche, tagliolini al tartufo bianco, tagliolini con aragosta e astice. La cantina dei vini comprende oltre 3000 etichette, champagne, whisky, grappe e cognac.

Via Parma 11a. Telefono 0647825171. Sito.

I Migliori 5 Ristoranti dal Format Innovativo

Ercoli 1928

ercoli

 

Due sono le sedi di Ercoli, una nel quartiere Parioli aperta lo scorso anno e una storica in Prati. Dal 1928, Ercoli è un luogo dove i buongustai possono trovare soddisfazione per il palato. Bottega, ristorante e Vermuth Bar fino all’una di notte. Tra la gastronomia troviamo salumi e formaggi sia nazionali che francesi. E poi salmone, caviale, fois gras e un’enoteca ricca di etichette italiane e champagne.

Via Montello 26. Telefono 063720243. Sito.

 

Filodolio

i migliori ristoranti di roma

Il locale, il primo nella capitale di questo tipo, nasce dalla collaborazione fra Stefano Donaudy Mastelloni e la chef Anastasia Paris, affiancato in cucina da Anastasia Paris. Al centro dell’offerta gastronomica c’è lui, l’olio extra vergine di oliva. E non uno solo. L’obiettivo di Filodolio è valorizzare e far conoscere le qualità di oli provenienti da tutte le regioni d’Italia.  Dagli antipasti ai dolci, tutto il menu è incentrato sull’olio.

Via Tripolitania 147. Telefono 0686212938. Sito.

 

Mercato Centrale

mercato centrale

Il progetto è di Umberto Montano. Dopo l’esperienza con il Mercato Centrale di Firenze, ha deciso di aprirne una sede anche nella capitale. Tre piani dell’ex dopolavoro ferroviario, ospitano ora sedici botteghe tra il pane di Bonci, la carne di Liberati e la pasta fresca di Egidio Michelis. Uno scenografico spazio birreria e caffetteria posto proprio sotto la cappa Mazzoniana e il ristorante La Tavola guidato dallo chef tedesco Oliver Glowig completano l’offerta gastronomica.

Via Giolitti 36. Telefono 0692939569. Sito.

 

Pianostrada

i migliori ristoranti di roma

Quattro donne a capo di questo progetto che qualche anno fa è nato in vicolo del Cedro per poi trasferirsi in via delle Zoccolette. Nel menu troviamo focacce, fritti, hamburger, panini, ma anche pasta e dolci. Ecco alcuni esempi: baccalà in pastella con puntarelle, parmigiana di zucca, carciofo fritto e polpette di melanzane. Da provare il baccaburger con pane al nero di seppia e baccalà.

Via delle Zoccolette 22. Telefono 0689572296. Sito.

 

Retrobottega

retrobottega

Laboratorio gastronomico in via della Stelletta, a due passi da piazza Navona. L’obiettivo di Retrobottega è di ridurre gli sprechi attraverso un ritorno alle origini. In cucina ma anche nell’arredamento, i materiali utilizzati infatti sono tutti di riuso. Il menu varia in base alla stagione. Ecco alcuni esempi: agnolotti di fagiano, rigatoni con ragù di polpo, anatra e cavoli oppure il piccione con cipollotto e avocado e ovviamente il carciovo alla romana.

Via della Stelletta 4. Telefono 0668136310. Sito.