Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Sabato 28 Novembre 2020

Villa Margherita a Longiano: il nuovo relais apre nonostante tutto

Villa Margherita

Ha inaugurato pochi giorni fa, a ridosso della Riviera Adriatica, ed è già stato costretto a fermarsi a causa delle restrizioni anti Covid. È Villa Margherita, un relais immerso nelle colline romagnole con ristorante gourmet, Il Sambuco, curato da Chef Ricchebuono. Ve ne parliamo in anteprima.

Il relais Villa Margherita nasce da un lungo progetto di recupero di un’antica dimora rurale, immersa in un ampio parco botanico, con piscina panoramica e vista a perdita d’occhio sulle colline del cesenate. Alcuni ambienti, tra i quali un’arena verde e orti didattici, saranno aperti a progetti e iniziative che coinvolgeranno il territorio e la cittadinanza di Longiano e scuole anziani.

Ma non solo: Villa Margherita vuole essere un ristorante gourmet con locanda, ambasciatore di un turismo lento e inclusivo. Per il progetto è stato coinvolto lo chef Giuseppe Ricchebuono del Vescovado di Noli, 1 stella Michelin, che porta a Il Sambuco, questo il nome del ristorante, il suo stile di cucina.

Due i menu degustazione: Passeggiata sulle colline romagnole da 6 portate e Uno per tutti, tutti per uno, 7 portate a mano libera dello chef. Tra i piatti da provare consigliamo la piadina di granchio, avocado e agrumi e la lingua di vitello con cavolo verza e kefir come antipasti. Cappellacci di ricotta di pecora, limone, capperi e lupini o il tortello di Mora Romagnola con funghi e pecorino di fossa tra i primi piatti. Tra i secondi la casseruola di mare o il piccione con zucca, mele e vaniglia. Tra i dolci spicca il sottobosco: funghi, cioccolato e melograno.

La parte più antica è la cantina che sarà usata anche per degustazioni enoiche, con ampie volte a botte interamente in laterizio con arredi in noce mordenzato è l”anima e il cuore nascosto di questa riscoperta e recuperata locanda.

La struttura dialogherà con Longiano in diversi modi – racconta il sindaco Ermes Battistini – dagli orti didattici per scuole e anziani a contaminazioni con la locale Fondazione Tito Balestra, che potrà organizzare mostre anche in loco. Abbiamo anche previsto un’arena per le attività didattiche e di spettacolo per le scuole. Un bel nuovo tassello che valorizza ancora di più Longiano”.

Investire nei momenti di crisi, anche durante un lockdown

È nei momenti di crisi che bisogna investire” afferma Luca Panzavolta amministratore delegato di Cia, Cooperativa commercianti indipendenti associati. Il progetto infatti è della società cooperativa che fa capo a Conad. Si propone di coniugare valorizzazione del territorio con alta cucina, riscoperta dei prodotti locali e turismo dolce. 

Villa Margherita si candida così a diventare ambasciatrice per uno stile di turismo lento alla scoperta dei tesori autentici del territorio: vicina al mare ma fuori dal caos, è una possibile destinazione per destagionalizzare i flussi turistici e per una vacanza o un soggiorno che uniscano cultura, natura e buona cucina, per scoprire i tesori nascosti e l’anima pura delle colline romagnole. E perché no, anche per un lockdown lontano da tutti.

Nelle camere, ciascuna con un nome di una pianta aromatica, elementi d’arredo originali si mescolano a moderne soluzioni architettoniche e tecnologia con tanti punti luce personalizzati. Una parete attrezzata in specchio raddoppia i volumi e le luci.  Sui pavimenti legno di rovere e per gli arredi boiserie in colori neutri. 

La suite Zafferano, unica delle sei camere, rappresenta il connubio tra il massimo della tecnologia e la naturale autenticità degli ambienti. È stata pensata con un arredo unico e piccoli dettagli per rendere il soggiorno indimenticabile: dalla jacuzzi in camera ai servizi ad hoc. Il terrazzo privato ha una spettacolare vista panoramica che spazia dal mare a San Marino.

Info utili

Relais Villa Margherita

Via Pelliciano, 35-37, 47020 Longiano (FC)

Sito

Pagina Facebook