Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Giovedì 24 Giugno 2021

Centumbrie, molto più che un frantoio. Ecco il parco agroalimentare con ville di lusso sul lago Trasimeno

Centumbrie

Centumbrie è una eclettica realtà olearia che coniuga turismo, gastronomia, prodotti biologici di alta qualità, e sostenibilità. Al centro c’è una bella storia di famiglia, fatta di amore per il cuore verde d’Italia e le sue bellezze.

Famiglia Cinaglia

Il concept

Ci troviamo in Umbria nella frazione di Agello, in località Osteria San Martino, nel comune di Magione, in provincia di Perugia. Qui l’imprenditore dell’IT Michele Cinaglia e sua moglie Marilena Menicucci, umbri doc, dopo aver vissuto per 40 anni a Roma, hanno voluto tornare a investire, richiamati dall’ irresistibile legame con la loro terra natìa. E’ nata così Centumbrie, per raccontare i cento volti dell’Umbria.

Tutto ha avuto inizio tre anni fa con l’acquisto e il recupero di alcuni poderi, fabbricati e casolari con oliveti, tutti intorno al Lago Trasimeno.

140 ettari, dei quali 30 sono di bosco naturale, 60 seminativi divisi tra orto e frutteto, 30 di oliveti, 20 di pascoli. I Cinaglia ristrutturano i casolari e li trasformano in ville di lusso, in bilico tra antico e design contemporaneo.

L’ interno di uno dei casali Centumbrie

Poi nasce il frantoio: innovativo e tecnologico, costato 15milioni di euro. Tutt’intorno piantano campi a regime d’agricoltura biologica, dove si producono, frutta, cereali e legumi antichi. Come la preziosa fagiolina del Trasimeno, poco prima quasi scomparsa a causa delle basse rese e difficoltà di coltivazione.

La parola d’ ordine del progetto è: sperimentare a 360° l’Umbria autentica. Ecco perchè non basta l’olio, e al frantoio si affianca subito l’EVO bistrot, dove i piatti sono tutti basati sull’olio, e sui prodotti agricoli dell’azienda. A completare il progetto giunge un molino a pietra, che produce farine pregiate, un laboratorio per panificazione dolci e salate, e un punto vendita dove acquistare tutti i prodotti Centumbrie.

In questo luogo l’olio evo non solo si produce, ma si degusta, si insegna, si fa conoscere. Centumbrie non è un’azienda chiusa in sé stessa, ma dialoga col territorio e con la comunità locale, perciò i laboratori sono tutti a vista e tutti intorno vi sono spazi verdi aperti al pubblico.

Oltre alle ville sulle sponde del Lago Trasimeno, ci sono appartamenti di design nel centro storico del vicino paesino medievale in collina, e tutti gli ospiti possono vivere esperienze ed eventi organizzati ad hoc, come degustazioni, tour guidati, trekking a piedi o in bici tra gli ulivi, la musica e l’arte.

In pratica intorno all’olio i Cinaglia hanno realizzato non solo un frantoio o un molino, ma un vero centro di promozione culturale e territoriale, per celebrare e valorizzare le eccellenze e le bellezze dell’Umbria, dove il lavoro dell’uomo e la natura danno il loro meglio, per regalare un’esperienza unica a visitatori e clienti.

Nell’azienda di famiglia oggi lavorano i giovani figli di Cinaglia: Miriam e Giovanni, entrambi dando un bel contributo di passione e nuove idee. Un contributo visibile sin dal packaging e dalla comunicazione dei prodotti, agli infiniti dettagli che punteggiano la proprietà strizzando l’occhio all’arte e al design contemporaneo. In linea con la sua filosofia olistica Centumbrie, comunica tipicità, eccellenza, territorio, autenticità e artigianalità, coinvolgendo nelle sue attività giovani, artigiani e artisti locali.

Centumbrie, gli uliveti e il frantoio

Moraiolo, Frantoio, Leccino, Dolce Agogia: queste 4 varietà di olive, tipiche del centro Italia, sono quelle prescelte per essere coltivate e farne il prezioso oro verde di Centumbrie.

Gli uliveti

La dolce Agogia in particolare rappresenta una vera rarità: abita le sponde del Trasimeno dal tempo degli etruschi, ma era stata quasi abbandonata del tutto dagli olivicoltori locali, a favore di varietà più produttive.

La dolce Agogia è infatti una pianta vigorosa e resistente al freddo, ma le sue olive tendono a staccarsi dai rami ancora prima di essere pienamente mature. La raccolta quindi è precoce e deve avvenire in una finestra di soli 4-5 giorni. Caratteristiche queste che unite alla sensibilità alla siccità hanno reso questa varietà sempre meno diffusa in zona, a favore di varietà meno difficili da gestire. Tuttavia poiché da questa antica varietà nasce uno degli oli migliori dell’Umbria, da Centumbrie la dolce Agogia viene recuperata, e le soddisfazioni non tardano ad arrivare.

La monocultivar di Dolce Agogia Centumbrie ottiene infatti sin dal primo anno di produzione diversi riconoscimenti e nel 2021 diventa presidio Slow Food.  Non solo ma Centumbrie riceve il premio più ambito, la DOP Colli del Trasimeno CM riceve la ‘Sirena d’oro – Miglior Dop d’Italia’.

 Si tratta di una mini-produzione di olio Centumbrie legata ad un piccolo e prezioso oliveto aziendale bagnato dal lago: una spiaggetta con un corridoio di ulivi – 34 piante di circa 40 anni – nutriti direttamente dalle acque e dagli odori del lago umbro. Solo 78 bottiglie da 500 ml per un racconto sincero del territorio.

Una grande soddisfazione per i Cinaglia, che vedono premiato anche il lavoro dietro le quinte di Luca Mencaglia, l’oleologo Centumbrie, che viene contestualmente eletto il ‘migliore d’Italia’.

Il frantoio

Il frantoio

Il segreto degli straordinari oli Centumbrie è nell’estrema cura dedicata alla produzione, unita alle caratteristiche uniche donate al frutto dal microclima del Lago Trasimeno, ma anche nella tecnologia.

Il Frantoio di ultima generazione infatti è un vero gioiello di efficienza e sostenibilità, che opera una spremitura a freddo con uso limitato dell’acqua per evitare sprechi. Inoltre può attuare due tipi di lavorazione diversa: una a 2 fasi e una a 3 fasi, al fine di adottare una migliore soluzione estrattiva a seconda delle caratteristiche delle olive raccolte. Infine l’intero ciclo di lavorazione è rigorosamente monitorato per garantire un olio di qualità eccellente. Persino lo stoccaggio e imbottigliamento vengono eseguiti a temperatura controllata, e con l’uso di gas inerte, per salvaguardare le caratteristiche organolettiche e chimiche del prodotto finale.

Gli oli d’oliva extravergine

La linea degli oli d’oliva Centumbrie è ampia e accuratamente studiata per offrire alla cucina italiana e internazionale, oli con personalità e caratteristiche diverse a seconda degli usi e dei piatti che andranno a valorizzare.

La gamma include:

Olio Evo Nuovo, il primo olio extra vergine di oliva della campagna olearia. Verdissimo viene da olive appena invaiate;

Frantoio Bio, il monocultivar prodotto dalla varietà omonima toscana. Da olive mature è un olio elegante e rotondo. I sentori sono di mandorla acerba, erba fresca falciata, con una nota amaricante e una lieve piccantezza finale.

Centoleum, note di mandorla ed erba essiccata in questo blend di oli, delle varietà locali Frantoio, Moraiolo, Leccino e Dolce Agogia. Vellutato, avvolgente, delicato Centoleum è estremamente versatile, adatto ad abbinamenti con tutte le pietanze.

Centumbrie, Evo Dop Umbria è simbolo del territorio. Una selezione delle migliori olive delle varietà autoctone Frantoio, Moraiolo, Leccino e Dolce Agogia, dà vita a un blend dal gusto complesso ed elegante, che esprime note gustative dinamiche, che spaziano da sapori amaricanti e piccanti, fino a complessi ed avvolgenti sentori di mandorla, carciofo ed erba.

-Centoleum Monocultivar, da monocultivar Dolce Agogia, è un olio medio leggero eccellente, fruttato, armonico e balsamico con intense note di pino. Un olio equilibrato e variegato.

Centumbrie

– Approdo X/50 Gran Cru, da monocultivar Dolce Agogia è una special edition con un numero di bottiglie limitate. Realizzato esclusivamente con i frutti, raccolti a mano, di alberi secolari autoctoni delle coste del Lago Trasimeno. La bottiglia in terracotta, artigianale e numerata in edizione limitata di 50 pezzi, è stata realizzata dall’ artista umbro Endiadi.

La novità: Baby Evo, l’olio dei piccoli

Miriam Cinaglia e il Baby Evo

Chiude la carrellata l’ultimo nato: il Baby Evo Bio, l’olio extravergine Centumbrie pensato per i bambini e disponibile da maggio 2021. Le ricerche evidenziano che, nonostante l’importanza e l’apporto nutraceutico che l’olio evo ha nell’alimentazione dei bambini, esistono pochissime linee di olio alimentare dedicate. Nella maggior parte dei casi poi non si tratta neanche di vero olio evo ma di condimenti, ovvero olio di oliva arricchito artificiosamente di vitamine.

Baby Evo è un progetto che è stato sviluppato con il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali dell’Università degli Studi di Perugia. Dopo attente analisi i tecnici dell’ università ne hanno riscontrato i benefici per lo sviluppo dei bambini. Il risultato è: un olio extravergine d’oliva biologico, 100% italiano, 100% naturale e senza additivi.

Ma soprattutto il Baby evo è naturalmente ricco di Omega3 e Omega6 (secondo la Società Italiana Nutrizione Umana), acido linoleico e alfa-linoleico e vitamine. Tutte doti benefiche assimilabili a quelle del latte materno.

Baby evo contiene anche tocoferolo (vitamina E), utile per una crescita sana delle ossa nei bambini, acidi grassi e polifenoli, che sono un prezioso contributo per la protezione dei lipidi ematici dallo stress ossidativo, fornendo anche un supporto prezioso ad un corretto transito intestinale. “Last but not least” il suo gusto delicato lo rende molto più palatabile e piacevole per i bimbi rispetto ad altri evo più decisi.

Il comodo formato da 100 ml è perfetto per la borsa delle mamme, che possono sempre portarlo con sé per completare i pasti dei piccini. Il packaging, interamente realizzato dall’antica Tipografia Metastasio con carta riciclata certificata FSC, è colorato, vivace e coerente con il brand Centumbrie.

Il molino le farine, la “boulangerie”

Altro fiore all’occhiello è il molino tecnologico ma con pietra naturale monolite che macina i grani dei campi Centumbrie per produrre una farina Bio di altissima qualità.

Le tipologie di farina prodotte sono 1-2-integrale e segale, quest’ultima solo per consumo interno, con annesso laboratorio di produzione e bar/panetteria/pasticceria per la vendita di quanto prodotto.

La “boulangerie” è un laboratorio di panificazione e pasticceria di stampo internazionale: pasticceria francese, panificazioni nord-europee e sperimentazioni sulle tipicità italiane e locali. Le materie prime sono tutte naturali e di qualità.

Nel laboratorio si utilizzano ovviamente le farine Centumbrie, ma anche lievito madre rigenerato ogni giorno. Largo spazio anche a tecniche artigianali con lievitazioni lunghe e naturali, alte idratazioni e lavorazioni manuali in tutte le fasi.

L’Evo Bistrot

L’Evo Bistrot incentra la sua offerta sull’olio evo. Le materie prime come verdure, frutta e legumi arrivano principalmente dai campi ad agricoltura biologica dell’azienda; le farine sono quelle del loro molino; la pasta è fatta in casa come i pani e i dolci, che sono quelli della boulangerie Centumbrie, prodotti internamente come i bovini da carne e pollame allevati nella proprietà. Il resto degli ingredienti sono per lo più KM0, prodotti da aziende locali selezionate con cura. Solo le spezie in abbinamento e qualche “chicca” esotica vengono reperiti intorno al mondo.

Lo chef Giorgio Enrico propone una cucina contemporanea, basata su ricerca e abbinamenti sorprendenti, con richiami alla tradizione. Tra i piatti più apprezzati:

il Pane di segale con il caprino di Peter Virdis, capitone marinato e agretti; la Terrina di maiale fritta nel lievito madre, mayo alle alici e evo Dolce Agogia e alloro; il Bauletto alla fagiolina del Trasimeno, alghe e coregone affumicato; i Bottoni ripieni di ortica, borragine, ricotta di pecora, piselli crudi e maggiorana;

Bottoni ripieni di Ortica

Fagiolina, in brodo di pesce di lago, uova di carpa, finocchietto limone fermentato e evo Frantoio;

Fagiolina in brodo di pesce di lago

Bun di patate fermentate, guancia di manzo al bbq, puntarelle e mayo all’ olio evo di Dolce Agogia.

Bun

Esaltazione di ogni singolo ingrediente, cura per i dettagli ed originalità sono la firma dello chef, che sposa cucina umbra e sapori esotici.

Cocktail all’ olio evo

Anche la carta dei vini è curatissima e mai banale, opera di una giovane e preparatissima maître, Marisa Mastrosimone. 500 referenze, nazionali e non, con una speciale attenzione al mondo dei vini naturali, e alle proposte di piccole realtà meno note che lavorano ad altissimo livello qualitativo.

Il bistrot è concepito come un luogo di convivialità, dove degustare l’olio e i prodotti Centumbrie, e dove fare sperimentazione enogastronomica: non solo nella cucina e nei vini, ma anche in una proposta cocktail originale, dove non possono mancare i drink all’olio evo.

Info utili

Centumbrie

Loc. Osteria S. Martino, Frazione
06063 – Agello (PG)
T. +39.3476354484
cm@centumbrie.com
sito