Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Venerdì 20 Aprile 2018

Laurea honoris causa per Massimo Bottura

Il pluripremiato chef modenese conclude un anno a dir poco stellare (che l’ha visto salire in vetta ai 50 World’s Best Restaurants) ottenendo anche la corona d’alloro dall’Università di Bologna in Direzione Aziendale per i suoi meriti da imprenditore nel mondo. «Rappresenta un esempio per la diffusione della cultura italiana e per lo sviluppo del Made in Italy a livello internazionale»

La conferma della terza stella Michelin, primo posto fra i World’s 50 Best Restaurants e ora, proprio in extremis, l’annuncio del conferimento della laurea in Direzione Aziendale “honoris causa” dall’Università di Bologna (la consegna ufficiale sarà il 6 febbraio) per i suoi meriti di imprenditore oltre che di chef. Il 2016 di Massimo Bottura si conclude addirittura con le foglie d’alloro grazie ad un percorso, come da parole del rettore dell’ateneo petroniano Francesco Ubertini, che «si colloca all’incrocio tra imprenditorialità, cultura e tecnica e rappresenta un esempio per la diffusione della cultura italiana e per lo sviluppo del Made in Italy a livello internazionale».

Il maestro modenese della cucina, nello specifico, ha rilevato nel 1995 l’Osteria Francescana, con la quale ha raggiunto le 3 stelle Michelin e conquistato quest’anno la vetta dei World’s 50 Best Restaurants. Ha poi dato vita nel corso di Expo 2015 al Refettorio Ambrosiano, un format dedicato alla sostenibilità e ai bisognosi, da cui è nata la Onlus Food for Soul attraverso cui ha lanciato vari progetto, il più importante a Rio de Janeiro in occasione delle scorse Olimpiadi.

bot-ost

bottura-rio

Nella motivazione della laurea ad honorem si legge:

“Massimo Bottura rappresenta un caso esemplare di gestione di una piccola impresa familiare italiana, raggiungendo in pochi anni un successo senza precedenti e una notorietà a livello globale. Dal punto di vista aziendale ha realizzato una deliberata strategia di crescita, volta allo sviluppo della qualità e alla visibilità internazionale, mediante visione, capacità imprenditoriale, creazione e gestione del team, innovazione di prodotto e raggiungimento di un livello di servizio molto elevato. L’opera di Bottura è un esempio di innovazione, mediante l’espressione di una creatività che affonda le proprie radici nella tradizione culturale territoriale, ispirandosi contemporaneamente a elementi quali l’arte contemporanea o la musica jazz. La creatività di Bottura si basa su una perfetta padronanza della tecnica, fondata sul desiderio di valorizzare il territorio in cui è nato, le sue tradizioni e i suoi prodotti. Questo connubio assume un’originalità esemplare mediante l’incessante contaminazione con elementi culturali di mondi e culture diverse, frutto delle sue passioni, dei suoi viaggi e del suo inesauribile desiderio di scoperta”.