Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Venerdì 27 Maggio 2022

Menu d’inverno: i 10 anni dello chef Stefano Marzetti al Mirabelle di Roma

Chef Stefano Marzetti spegne 10 candeline alla guida del Mirabelle, il ristorante dell’Hotel Splendide Royal. Per l’occasione, vi raccontiamo il suo menu d’inverno e la nostra esperienza in formula staycation (disponibile fino al 31 gennaio).

Dieci anni di continuità. Il fattore-tempo è una variabile importante quando si parla di ristorazione. Quella dello chef Stefano Marzetti, è una di quelle storie (belle) che spesso passano sotto silenzio, ma non dovrebbe essere così. È una storia di passione e dedizione, che accomuna tanti chef. Prima sous chef e poi chef del ristorante Mirabelle, dopo anni di fatica e di costanza. Sempre nello stesso ristorante, credendo in un progetto che si rinnova di anno in anno.

E di questo percorso di crescita costante se ne sono accorti anche gli ispettori della guida Michelin che quest’anno hanno assegnato al ristorante Mirabelle il riconoscimento del “piatto”, che identifica i ristoranti con un ottimo rapporto qualità-prezzo.

L’hotel

Siamo in pieno centro di Roma, a un passo da Villa Borghese, all’interno del lussuoso Hotel Splendide Royal di Roma.

Basta schiacciare il pulsante del settimo piano e l’ascensore vi proietterà all’interno di un ristorante accogliente con vista mozzafiato su Roma. Il romanticismo è assicurato: qui infatti avvengono tantissime proposte di matrimonio.

Continuità e professionalità, abbiamo detto. Stefano Marzetti parla con entusiasmo del suo percorso in queste cucine, sottolineando come la fedeltà a un progetto può essere la chiave per raggiungere ottimi risultati.

Il ristorante

Ma veniamo al menu, ideato da Chef Marzetti, che abbiamo provato in occasione della nostra esperienza staycation (disponibile fino al 31 gennaio al costo di 150 euro a persona).

marzetti

La cena parte con una divertente riflessione in tema olive, “oro” italiano e grande orgoglio del Lazio. Si comincia con un gelato all’olio Habemus da Viterbo e si continua con una piacevolissima “Finta oliva ascolana”: morbida e scioglievole, è formata da una glassa di olive verdi all’esterno che all’interno racchiude un altrettanto morbido e fondente ripieno di carni miste, come vuole la tradizione. Per continuare in tema “mediterraneo”, ecco la bavarese di mozzarella con crumble di pomodoro e mousse di basilico, accompagnata da cialde di pomodoro piccanti.

Tra i primi piatti, lo chef strizza l’occhio ai grandi classici romani con una rivisitazione creativa: ecco arrivare al tavolo i cappelletti ripieni di cacio e mix di grani di pepe con il tocco croccante delle noci di Romagna.

Ottimi i secondi a base di carne che uniscono gusto, equilibrio e sostanza, con qualche tocco agrodolce a stemperare i sapori. Provate la Chianina con funghi porcini arrosto e demi glace al cognac, carne suadente e mordidissima, salsa che avvolge il palato. Non ve ne pentirete.

marzetti

Siete in cerca di una vera golosità? Ordinate la Scaloppa di foie gras con pere al Sauternes e pennellata di cacao, insieme a un calice di champagne. La vista su Roma farà il resto, per un’esperienza indimenticabile abbracciati dalle luci della Città Eterna.

Info utili

Ristorante Mirabelle

Via di Porta Pinciana, 14 

00187 Roma

 Tel.: +39 06421689 

Sito Internet

Prezzi: antipasti 36/48, primi 44/48, secondi 54, dessert e formaggi 26/30