Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
ChefRistorantiRitratti di Chef

Nikki Beach: un bistrot urbano ispirato alla cucina internazionale e locale

Sapori innovativi e cucina tradizionale si incontrano sulle cristalline acque del mare greco da Nikki Beach Santorini. A capo della cucina c’è di origini italiane, Alessandro Pizza, e noi lo abbiamo intervistato.

Il ristorante Nikki Beach Santorini è parte del Nikki Beach Resort & Spa, una struttura a 5 stelle situata sul lungomare di Agia Paraskeyi, a 5 km dal Museo Archeologico di Thera. La struttura greca possiede anche una spiaggia privata e un centro fitness, oltre alla panoramica vista sul Mar Egeo ed è uno dei numerosi Nikki Beach presenti in tutto il mondo dalla Florida alla Thailandia.

La cucina del ristorante offre un menù che, dalla colazione alla cena, mette in risalto i prodotti locali combinati con specialità internazionali. Ingredienti freschi sono alla base di piatti innovativi e creativi dalle insalate ai panini ai frutti di mare. Le creazioni culinarie cucinate nel forno in pietra sono disponibili tutto il giorno.

Passione italiana sul mare greco: Alessandro Pizza chef del Nikki Beach

Anima della cucina è lo chef Alessandro (Alex) Pizza, nato a Cambridge, ma da genitori italiani di Avellino, i primi a ispirare la sua passione per il cibo. Già dai 17 anni Alex ha iniziato la sua attività con la preparazione di piatti tradizionali italiani in un ristorante locale, Don Pasquale, a Cambridge.

Passione che lo ha portato a frequentare una scuola di pasticceria privata a Firenze, e poi a lavorare come pasticcere in un hotel a Courmayeur, e quindi di nuovo in Inghilterra, a Londra, dove ha lavorato come pasticcere al Café de Paris a Piccadilly Circus, ruolo che gli ha permesso di acquisire esperienza nella cucina salata arrivando fino al ruolo di Junior Sous Chef.

Ha poi lavorato come Sous Chef presso il ristorante italiano Teca a Londra, 1 stella Michelin. Successivamente ha lavorato in diverse strutture nei 5 continenti, arricchendo la propria esperienza.

Dal 2002 Alex è chef del Nikki Beach, ha collaborato all’apertura delle nuove sedi di Saint Tropez e Saint Barth. È stato direttore della cucina del Festival Internazionale del Cinema di Cannes e del Nikki Beach al Fairmont Monte Carlo. Ora Alex sta mettendo a disposizione la sua esperienza formando nuovi chef all’interno dell’azienda e nello sviluppando nuovi menu e piatti d’autore.

Come si coniugano passione per la cucina, piatti innovativi e atmosfera idilliaca: la parola allo chef Alex Pizza

Qual è il tuo piatto forte?

“Non ho un piatto caratteristico specifico, ma la mia creazione preferita di questa stagione è il ceviche di spigola. È fatto con salsa verde di avocado e jalapeno e servito con sorbetto mezcal fatto in casa, che porta freschezza in una giornata estiva.”

Come riesci a esprimere la creatività mentre gestisci così tanti negozi?

“Mi piace lasciare che gli chef locali di ciascuna delle nostre location si esprimano. Lavoro a stretto contatto con loro prima del lancio di nuovi menu per sviluppare menu che diano loro la possibilità di essere creativi introducendo al contempo nuovi piatti che riflettono le tendenze globali.”

In cosa si differenzia ogni ristorante Nikki Beach?

“Dal punto di vista culinario, la struttura portante dei nostri menu è molto simile, ma ogni luogo incorpora 3-4 piatti con influenza locale. Ad esempio, a Koh Samui puoi trovare un Pad Thai rivisitato, mentre a Marbella puoi trovare la “lubina dos salsas”, un piatto intero di branzino con due diverse salse influenzate localmente.”

Qual è stata la tua sfida più grande e il luogo più difficile?

“Le sfide maggiori riguardano il personale nelle nostre attività stagionali, che sono aperte solo per circa sei mesi. Ogni anno dobbiamo affrontare il processo di reclutamento e formazione. La Sardegna è particolarmente difficile in questo senso poiché la stagione è ancora più breve, il che rende difficile trovare personale. Anche se è una delle nostre location più belle, logisticamente è molto complicato. Si trova su una spiaggia che è una riserva naturale, quindi abbiamo molto spazio limitato e il posto è accessibile principalmente solo in barca, quindi il personale della cucina fa una gita in barca per andare al lavoro ogni mattina.”

Qual è il luogo più internazionale o tradizionale in termini di cibo? E dove ti esprimi meglio?

“I dati demografici sono diversi in ogni località. Ad esempio, Saint Barth ha principalmente turisti statunitensi e francesi, mentre le nostre località in Spagna – Ibiza, Maiorca e Marbella – hanno molti visitatori tedeschi, olandesi e svedesi. Direi che Saint Tropez ha il mix più completo di clienti internazionali. Mi esprimo di più a Saint Tropez perché è lì che è iniziata la mia avventura con Nikki Beach e anche la mia base. Per tutta l’estate ho l’opportunità di creare e testare nuovi piatti realizzando specialità del giorno. Faccio anche molta cucina dal vivo al ristorante, cosa che mi piace molto.”

L’alta cucina è ancora sostenibile? Cosa diresti alle giovani generazioni di chef per migliorarsi?

“L’alta cucina è importante nel senso che mantiene viva l’industria alimentare. Ci sono sempre chef nuovi ed entusiasmanti che apportano nuove idee e tecniche. I social media hanno anche aiutato questi chef a raggiungere un pubblico più ampio e a creare altre fonti di entrate. Le nuove generazioni di chef devono attenersi a questo principio. È difficile ma può essere estremamente gratificante. Lavora con diversi chef e prendi i migliori insegnamenti che hanno da offrire. Cheffing è un ottimo modo per viaggiare per il mondo, e anche loro dovrebbero farlo. Io stesso ho lavorato in cinque continenti diversi.”

Cervello, cuore o pancia: cosa ti spinge nella creazione di nuovi piatti?

“Dipende, a volte l’uno, a volte l’altro. Potrei vedere un ingrediente stagionale che mi fa lavorare il cervello su come usarlo, o potrei dire il cuore quando ho nostalgia di qualche cibo di conforto (di solito italiano) e voglio creare un nuovo piatto di pasta, per esempio.”

Cosa vorresti che vivesse il tuo ospite ideale?

“Un’atmosfera amichevole e un pranzo rilassato con un’atmosfera di condivisione in stile familiare.”

Quali chef (nazionali o internazionali) e cucine del mondo ispirano i tuoi piatti?

“Molte culture hanno ottimi piatti da offrire. Professionalmente, quelli che mi influenzano di più sono quelli mediterranei e mediorientali, ma a casa amo anche cucinare messicano, tailandese, indiano e cinese. I miei chef preferiti sono:

  • Yotam Ottolenghi per la sua grande fusione mediorientale/mediterranea.
  • Josh Niland, lo chef australiano pioniere della sostenibilità del pesce, concentrandosi sulla stagionalità e sull’utilizzo del pesce intero, dalla cima alla coda.
  • Joshua McFadden da Portland, Oregon, per i suoi piatti vegetariani creativi e il grande uso di cereali.”
Quali sono i progetti futuri dei vari ristoranti e i tuoi obiettivi personali? In quali aree desideri migliorare?

“Abbiamo recentemente aperto il nostro nuovo concept, Lucia, a Cannes con una cucina in stile mediterraneo fortemente influenzata dal Medio Oriente. È un marchio di cui siamo molto orgogliosi e che stiamo cercando di sviluppare ulteriormente nel prossimo futuro. Quest’estate apriremo anche un beach club temporaneo Nikki Beach a Baku, in vista dell’apertura permanente del nostro resort l’anno prossimo. Questo dovrebbe essere interessante perché è un nuovo mercato per noi.

Il mio obiettivo personale è creare una solida rete di chef affidabili e di talento nelle nostre sedi per scambiare idee e creare ricette che ci mantengano un passo avanti. Voglio anche formare per il futuro chef più giovani e ambiziosi, dando loro l’opportunità di acquisire esperienza spostandosi nelle nostre diverse sedi.”

Info utili

Nikki Beach

Resort & SPA Santorini

Agia Paraskevi,
Monolithos
PO Code: 84700
Santorini
Greece

+30 22860 37093

reservations.santorini@nikkibeach.com

Articoli correlati

Cetara: Pasquale e Gaetano Torrente aprono le porte di Casa Torrente

Nadia Taglialatela

L’itinerario del gusto di Casina Valadier tra cucina territoriale e rivisitazioni

Michela Eligiato

Materia*e Ristorante Sette: cena sul Rooftop romano con vista sul lago di Como.

Sara De Bellis