Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Mercoledì 05 Agosto 2020

Panettone Maximo: trionfa Gruè che si aggiudica il titolo di Miglior Panettone di Roma

panettone maximo

Tra banchi di degustazione, talk show, show cooking e contest mozzafiato, si è conclusa la prima edizione di Panettone Maximo che ha visto salire sul gradino più alto del podio la pasticceria Gruè, seguita da Cantiani, D’Antoni e Nero Vaniglia

Si è svolto ieri, domenica 15 dicembre, nei suggestivi spazi del Boscolo Circo Massimo, la prima edizione di Panettone Maximo, l’evento, volto a valorizzare le eccellenze nostrane in tema di dolci lievitati delle feste, organizzato da noi di MangiaeBevi e RistorAgency.

Una grande affluenza di pubblico, dalla mattina alla sera, ha accompagnato le pasticcerie presenti ai banchi di degustazione al gran finale del contest che li ha visti confrontarsi su due importanti temi principali: miglior panettone artigianale tradizionale, secondo disciplinare, e miglior panettone al cioccolato.

A trionfare, in entrambe le categorie, è stata la pasticceria Gruè di Marta Boccanera e Felice Venanzi, due giovani e talentuosi pasticceri che hanno stupito tutti i presenti con i loro dolci lievitati delle feste. Sul podio, nella categoria “tradizionale” sono saliti anche D’Antoni e Cantiani mentre, per la categoria “al cioccolato” si sono aggiudicati i primi posti Cantiani e Nero Vaniglia.

A decretare il vincitore, dopo un avvincente blind taste, è stata una giuria di esperti del settore composta da Giuseppe Amato, pastry chef de La Pergola, Fabrizio Fiorani, miglior pastry chef d’Asia 2019, Fabrizio Donatone, Campione del Mondo Pasticceria 2015, Angelo Di Masso, Attilio Servi, Luigi Cremona, Rossano Boscolo, chef e patron di Boscolo Circo Massimo, Valeria Maffei, Marco Lombardi e Nerina di Nunzio di Food Confidential.

Premio speciale per il packaging è stato invece conferito dalla giuria di esperti a Casa Manfredi mentre, per la miglior comunicazione digitale è stato premiato Le Levain.

Oltre ai vincitori, le pasticcerie partecipanti sono state: Achilli Caffè, Antonini, Giuffrè, Marazza (Priverno), Panificio Nazareno, Panzini (Subiaco), Patrizi (Fiumicino) e Santi Sebastiano e Valentino, i cui prodotti messi in degustazione libera hanno raccolto grande plauso dal pubblico. Inoltre erano presenti in degustazione vini dolci e bollicine con Casale del Giglio e Poggio Le Volpi, liquori con Amaro Piccolo e Amaro Neri, il Chinottissimo e il buonissimo caffè Circi, tutte aziende laziali.

Non solo degustazioni però. La giornata di questa prima edizione di Panettone Maximo è stata animata anche dagli straordinari cooking show, presentati da Sara de Bellis. Ad incantare il pubblico sono stati quattro grandi pastry chef stellati: Antonella Mascolo, del ristorante Verve, con il suo dolce 571, un panettone cacio e pepe con cioccolato, Marion Lichtle (Il Pagliaccio), Giuseppe Amato (La Pergola) con “Un morso di finto panettone” e Marco Nuzzo (Imàgo) con “Una Coppa di Champagne”. A seguire, si sono alternati sul palco i più grandi esperti di panettone per una serie di talk show di approfondimento. Angelo di Masso ha affrontato infatti il tema della qualità delle materie prime, Luigi Cremona ha invece affrontato il tema del panettone come patrimonio enogastronomico da salvaguardare, Attilio Servi ha spiegato le norme e le etichettature previste dalla disciplinare. E ancora, Fabrizio Fiorani ha affrontato il tema delle tendenze estere mentre Nerina di Nunzio è toccato il compito di affrontare il tema del marketing e della comunicazione del panettone. Infine, Fabrizio Donatone, ha parlato dei panettoni tutto l’anno mentre Marco Lombardi ha entusiasmato con il suo talk dal tema “Cinepanettoni”.

Con Panettone Maximo – dichiara Fabio Carnevali, organizzatore dell’evento ed editore di MangiaeBevi – abbiamo voluto dare una vetrina importante alle tante pasticcerie romane di grande tradizione e qualità che producono il panettone artigianale secondo la disciplinare. È stato un grande successo. Sono molto orgoglioso e felice per questa prima edizione. Ringraziamo di cuore tutti i partecipanti, le pasticcerie e i pastry chef, ma anche le aziende vinicole, Casale del Giglio e Poggio le Volpi, il caffè Circi, Chinottissimo e tutti i componenti della prestigiosissima giuria. Ringrazio anche Rossano Boscolo, padrone di casa, per averci ospitato in questa bellissima location”.

Come preannunciato, è stato un incantevole Christmas Market di alto rango con i prodotti tipici per le feste, eccellenze enogastronomiche laziali e l’immancabile presenza di Babbo Natale, che è stato a disposizione dei più piccoli per divertenti foto ricordo.

Inoltre, Panettone Maximo ha dato l’opportunità di regalare un sorriso ai pazienti dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù grazie alla raccolta dei panettoni da consegnare alla casa famiglia Istituto delle Suore Francescane della Croce del Libano.

Le Classifiche

PANETTONE TRADIZIONALE

  1. Gruè
  2. D’Antoni
  3. Cantiani
  4. Le Levain
  5. Bompiani

PANETTONE AL CIOCCOLATO

  1. Gruè
  2. Cantiani
  3. Nero Vaniglia
  4. Pompi
  5. Barberini