Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Sabato 19 Agosto 2017

Pistamentuccia: la cucina romana a Bologna

pistamentuccia locale bologna

Aperto pochi giorni fa in via Testoni a due passi da Piazza Maggiore, Pistamentuccia porta la cucina romana nel cuore di Bologna. I piatti sono quelli della tradizione capitolina, dai primi alla pizza in teglia

Dopo alcuni ritardi (colpa della burocrazia), ha finalmente aperto Pistamentuccia. L’obiettivo è unire due grandi città, Roma e Bologna. Flavio Cipriani, dopo l’esperienza della pizzeria nella Capitale, ha infatti voluto portare la cucina romana proprio all’ombra delle Due Torri.

Con il nome di Pista Mentuccia, venivano chiamati i cacciatori non esperti che, non riuscendo a cacciare nessun animale, giravano a vuoto pestando l’erba o, appunto, la mentuccia. È stata proprio questa spezia il filo conduttore di tutta la campagna pubblicitaria che ha invaso i social negli ultimi mesi.

Il locale, progettato dallo studio GAD, è suddiviso su tre sale. L’arredamento rispecchia la perfetta unione tra tradizionale e moderno. La cucina a vista permette di osservare la preparazione dei piatti.

Cosa si mangia da Pistamentuccia?

pistamentuccia

La cucina è quella della tradizione romana. Le materie prime sono frutto di una lunga ricerca. I prodotti utilizzati sono tutti slow food, rigorosamente made in Italy. Tra gli antipasti, non potevano certo mancare la coratella, la trippa e la lingua. Tra i primi cacio e pepe, carbonara, gricia e pasta e fagioli. Abbacchio allo scottadito, saltimbocca alla romana,baccalà o straccetti di manzo con formaggio allo zafferano tra i secondi. Puntarelle con le alici e carciofo alla romana tra i contorni. La pizza, in teglia, è rigorosamente bassa e condita con abbinamenti sfiziosi come zucca, crema di pecorino e rucola oppure coppa e broccoli. Si possono trovare anche le pizze più “classiche” come la marinara e quella con la porchetta.

Pistamentuccia, via Testoni 2b. Telefono 05119986689. Pagina Facebook.