Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Nuove apertureRistoranti

Tinello: il team di Sintesi approda a Castel Gandolfo

tinello

Ingredienti del territorio, pasta fresca e un menu senza divisioni canoniche. Sara e Carla Scarsella e Matteo Compagnucci, insieme ad Andrea Cingolani, lanciano a Castel Gandolfo il loro nuovo format basato sulla rusticità dei sapori: Tinello.

Essere giovani può voler dire tante cose, desiderare e seguire una naturale spinta al nuovo e contemporaneamente avere vicinanza con il mondo di ieri, il mondo dei nostri genitori, dei nostri zii e dei nostri nonni. Quel mondo in cui ci hanno cresciuti e, nella fattispecie di questa nuova apertura dei Castelli Romani, sfamati e coccolati a tavola. 

Dopo aver seguito la prima via, quella della creatività e della ricerca visibile nel lavoro del ristorante di cucina creativa Sintesi di Ariccia (1 stella Michelin), ecco che i giovani e promettenti chef Sara Scarsella e Matteo Compagnucci, insieme a Carla Scarsella, tornano alla ricerca dei valori del passato, di quelle atmosfere in cui si mangiava in ambienti semplici e rustici adiacenti alla cucina, i tinelli. E proprio così si chiama il locale che a metà agosto ha aperto a Castel Gandolfo, Tinello, un luogo pensato e voluto da Sara, Carla e Matteo insieme al loro capo partita di Ariccia Andrea Cingolani.

Il bistrot

tinello

Tinello è un bistrot contemporaneo, luogo che si ispira alle nostalgiche memorie di questi posti conviviali in cui una volta si passava del tempo mangiano e bevendo in compagnia, o dove gli osti vendevano vino di loro produzione, proprio ai Castelli Romani, come scrive la Treccani alla definizione della parola Tinèllo.

Gli ambienti del Tinello del gruppo di Sintesi sono moderni e con dettagli di design, tavoli in legno scuri, divani lungo la parete di colore verde, un bancone bar con illuminazione sospesa e bottigliera alle spalle. Il pavimento è di mattoni in cotto e fa da eco alla rusticità delle pareti con soffitti alti quasi tutti in pietra. La cucina a vista e le pareti a vetri aprono l’ambiente e rendono ancora più tangibile l’istanza dello “stare insieme” condividendo buon cibo e buon vino.

La proposta gastronomica di Tinello

Il menù di Tinello, che non è diviso in modo canonico tra antipasti, primi e secondi, si affida alla bontà dei prodotti come per il Capocollo e la Coppa di Cinta Senese dell’Azienda Agricola biologica laziale Serpepe ma anche a proposte di pesce come nella Ceviche con materia prima del vicino lago di Nemi. La Selezione di formaggi con pan brioche e mostarda di frutta offrono un’opzione vegetariana che si aggiunge alle Crocchette di melanzane con mozzarella di bufala e salsa aioli in quelli che sono gli antipasti.

Due piatti di carne più decisi sono invece il Sandwich di lingua, cetriolo fermentato e salsa ravigote e il Midollo gratinato e carote fermentate. Sempre di carne il Pancake asiatico farcito con anatra sfilacciata e la Pancia di maiale, fondo bruno e gremolada.

Per quanto riguarda la pasta fresca, realizzata in casa con la trafila in bronzo ci sono tre alternative in questo menù d’apertura: le Fettuccelle ai finferli, i Tortelli al pomodoro arrosto e ragù di Cinisara e i Fusilli con crema ai crostacei e triglia marinata.

Un nutrito spazio della carta è poi dedicato ai piatti vegetali come i Pomodori con origano e olio alle foglie di fico, la Melanzana con tzatziki e cumino e i Carciofini in conserva. Oltre ai Carciofini in conserva che provengono dall’orto e dalla cucina di Sintesi anche tutti i dolci sono realizzati nel ristorante stellato dal pastry chef Matteo Montagnani. Le proposte sono il Gelato della settimana, la Torta con ricotta, fichi e caramello salato, la Lemon tart e la Mousse al cioccolato e pralinato alle noccioline.

La carta dei vini realizzata da Carla Scarsella e Loris Paolini, già sommelier di Sintesi, conta tante proposte biodinamiche di produttori del territorio ma spazia anche a luoghi lontani come è evidente nella scelta della selezione di Sakè. Da Tinello si può già arrivare dall’apertura alle 18 (dal mercoledì alla domenica) per l’aperitivo optando per un cocktail o una delle birre selezionate presenti in carta.

Info utili

Tinello Bistrot

Via Vigna Di Corte, 6, 00073 Castel Gandolfo RM

Tel: 06 2459 7135

Sito

Articoli correlati

I 5 migliori ristoranti di Cagliari: alla ricerca di nuove declinazioni del gusto

Chiara Mura

Carníca: a tavola la Puglia incontra il Mondo

Redazione

+39 Accademia: la Locanda Solarola rinasce con Luca Di Massa

Livia Elena Laurentino